Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La corte si pronuncia nuovamente contro la candidatura di Nadezhdin alle elezioni russe

La corte si pronuncia nuovamente contro la candidatura di Nadezhdin alle elezioni russe

Al: 21 febbraio 2024 alle 21:53

Il tribunale russo ha ricorso in appello Il rivale di Putin, Nadezhdin Ha rifiutato di essere escluso dalle elezioni presidenziali – per la terza volta. Nadezhdin ha annunciato un altro appello alla sentenza.

Il politico liberale dell'opposizione Boris Nadezhdin ha affermato di aver subito un'altra sconfitta nel suo tentativo di candidarsi alla presidenza in Russia. “La Corte Suprema della Federazione Russa ha respinto la mia domanda di ricorso contro il rifiuto di registrazione”, ha detto Nadezhdin nei servizi online.

La Corte Suprema aveva già respinto i due precedenti ricorsi di Nadezhdin contro la decisione della Commissione elettorale. Il politico dell'opposizione ha annunciato che presenterà ricorso contro la decisione.

Il comitato lamenta firme non valide

Durante la campagna elettorale, Nadezhdin ha chiesto la fine del conflitto in Ucraina. Migliaia di russi hanno firmato petizioni per sostenere la candidatura di Nadezhdin. In Russia tale sostegno a un candidato dell’opposizione è insolito.

Nadezhdin, deputato di una città vicino a Mosca, ha presentato alla commissione elettorale 105.000 firme. La Commissione elettorale russa ha stabilito che più di 9.000 di essi non erano validi. Le regole elettorali russe prevedono che un massimo del 5% delle firme a favore di un potenziale candidato presidenziale possa essere considerato non valido.

Non c’è quasi nessuna concorrenza per Putin

Si prevede che l’attuale presidente Vladimir Putin vincerà le elezioni presidenziali previste per la metà di marzo prossimo. Putin ha guidato la Russia come presidente o primo ministro per più di 20 anni. Non c’è una vera opposizione alle elezioni. Gran parte dell’opposizione è in prigione o in esilio. La scorsa settimana, l’eminente critico del Cremlino Alexei Navalny è morto in prigione.

READ  'Quando casa mi chiama, vado'