Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La carenza di vitamina D può essere fatale: studio con risultati scioccanti

  • Carenza di vitamina D Potresti Gravi conseguenze per la salute avere
  • Lo studio mostra: carenza forse forse morte prematura guidare
  • Un gruppo di persone è particolarmente a rischio

Mancanza di sole e poco tempo all’aperto: soprattutto nei mesi invernali, il livello di vitamina D di molte persone diminuisce notevolmente. Perché la produzione di vitamina D nel corpo si muove solo alla luce diretta del sole. Tuttavia, quando fa freddo, molte persone escono di casa più spesso, il che potrebbe essere un ulteriore fattore di rischio per la carenza di vitamina D se ci sono meno ore di luce solare. Livelli molto bassi di vitamina D sono spesso sottovalutati o addirittura non notati. Quanto pericolosa può essere una carenza, tuttavia, rivela uno studio di Università di Medicina di Vienna.

Carenza di vitamina D: morte prematura possibile in determinate condizioni

Prima di tutto, però, va notato che Integratori di vitamina D In nessun modo puoi fare tutto. gruppo di ricerca da Ospedali generali del Massachusetts Scuola di medicina di Harvard Ha scoperto che l’assunzione di integratori di vitamina D non aveva alcun effetto sul fatto che una persona avesse maggiori probabilità di svilupparla depressioni lo è o no. Contrariamente a quanto pensavi all’inizio. Il team ha sfatato un malinteso diffuso.

A tal fine, circa 18.000 uomini di mezza età sono stati osservati in un periodo di cinque anni nello studio più completo sull’argomento fino ad oggi. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista gamma pubblicato e consentire conclusioni chiare su cosa Prevenire la depressione con la vitamina D Paure.

La vitamina D è tra tutte le vitamine posizione specialeNon solo può essere ingerito attraverso la dieta, ma anche prodotto dal corpo stesso, principalmente attraverso l’esposizione alla luce solare. puro Assunzione attraverso il cibo Spesso non è sufficiente per soddisfare il fabbisogno di vitamina D dell’organismo.

READ  Psicologia: questi eventi possono cambiare la personalità

Carenza di vitamina D e aumento della mortalità: come sono correlati

Quali sono le conseguenze? Carenza di vitamina D Esaminato da scienziati austriaci – Il risultato dello studio è inquietante. Gli scienziati dell’Università di Vienna hanno analizzato se esiste una relazione tra la mancanza di vitamina D nel corpo e un aumento della mortalità. è tuo conseguenze Presentato alla conferenza annuale della European Association for the Study of Diabetes.

Guarda “La grande Bibbia della nutrizione” su Amazon

Lo studio ha raggiunto i seguenti risultati: L’aumento della mortalità e la carenza di vitamina D vanno di pari passo chiudere la chiamata. I parallelismi si possono trovare soprattutto nei giovani e nelle persone di mezza età. È anche spaventoso quella carenza di vitamina D in particolare Morti legate al diabete può essere portato.

La relazione tra aumento della mortalità e carenza di vitamina D è già stata dimostrata in diversi studi. Tuttavia, gran parte della ricerca può essere fatta risalire allo studio di soggetti di prova più vecchi. Qui non si può escludere un’influenza sui risultati aumentando il tasso di integrazione di vitamina D.

Studio di Vienna sulla carenza di vitamina D

Nel reparto di medicina di laboratorio Ospedale Generale di Vienna Le misurazioni sono state effettuate tra il 1991 e il 2011 su un totale di 78.581 pazienti (31,5% maschi, età media 51 anni). Contenuto di vitamina D nel corpo Superiore. Nel nuovo studio, i ricercatori hanno utilizzato i dati dei record e li hanno confrontati con quelli austriaci registro di morte. Ove possibile, i pazienti sono stati seguiti per un massimo di 20 anni (il tempo mediano era di 10,5 anni).

READ  Vitamina D: Non esiste un salvatore contro il Covid | NDR.de - Guida

Bestseller: guarda le gocce di vitamina D ora su Amazon

Il valore medio del livello di vitamina D nel sangue era di 50 nmol/L (nanomoli per litro). Questo valore può quindi essere confrontato con un livello ematico basso (10 nmol/L) e un livello ematico alto (90 nmol/L) di vitamina D.

È chiaro da queste osservazioni che Bassi livelli di vitamina D nel sangue sono associati a un rischio di morte da due a tre volte maggiore è diventato. L’effetto maggiore (rischio aumentato di 2,9 volte) è stato osservato in pazienti di età compresa tra 45 e 60 anni. diminuito fino al 40 per cento Tutte le cause di morteQuando Livelli di vitamina D nel sangue di 90 nmol/l era presente. Anche qui l’effetto maggiore si osserva nei soggetti di prova di età compresa tra 45 e 60 anni. Solo nei pazienti di età superiore ai 75 anni un livello sierico elevato di vitamina D ha prodotto una relazione statisticamente significativa.

La carenza di vitamina D aumenta il rischio di morte: i diabetici ne sono particolarmente colpiti

Parte dello studio stava esaminando i legami tra la vitamina D e varie malattie. A tale scopo, i valori di mortalità per causa specifica, ovvero un numero casi di morte A causa di una malattia specifica rispetto alla dimensione della popolazione rispetto al contenuto di sangue. Sorprendentemente, il collegamento più grande qui non è tra Malattia cardiovascolare o cancro.

Una malattia completamente diversa reagisce in modo particolarmente intenso alla carenza di vitamina D: i diabetici. Diabetico Quelli nel gruppo con carenza di vitamina D (< o uguale a 50 nmol/L) avevano un rischio di morte per malattia 4,4 volte maggiore rispetto a quelli nel gruppo di confronto con diabete. Per le persone con diabete, è particolarmente importante che il contenuto di vitamina D nel corpo sia ben regolato e non carente. sintomi di carenza si verificano cadono appaiono.

READ  Israele: nonostante l'alto tasso di vaccinazione, lo scenario futuro è desolante

Argomento del diabete: Troverai cliniche, centri di consulenza e gruppi di auto-aiuto per le persone colpite Online presso il Diabetes Self-Help Center.

Conclusione

Al termine dello studio, gli scienziati sono giunti a una conclusione inequivocabile: tra una carenza di vitamina D (inferiore a 50 nmol/l) e un aumento della mortalità possono esserci legame forte essere conferma. Pertanto, si raccomanda a tutti di monitorare sempre il contenuto di vitamina D nell’organismo per evitare sintomi di carenza e un aumento del rischio di morte.

La vitamina D nella lotta al corona? L’esperto Stefan Belz spiega se la vitamina D protegge

L’articolo contiene link di affiliazione

* Nota: in redazione siamo sempre alla ricerca di prodotti utili per i nostri lettori. I link forniti in questo articolo e contrassegnati dall’icona del carrello o da un asterisco sono chiamati link di affiliazione/link sponsorizzati. Se clicchi su uno di questi link o effettui un acquisto attraverso di essi, riceviamo una commissione dal rivenditore. Questo non cambia il prezzo per te. I nostri rapporti editoriali sono principalmente indipendenti dalla presenza o dall’importo della commissione.