Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La carenza di vitamina D può essere dannosa per la salute – attenzione all’assunzione artificiale

  • NSsophia lutero

    Chiudere

La vitamina D è importante per la salute. La carenza di vitamina D dovrebbe essere prevenuta di conseguenza. Tuttavia, si consiglia cautela con la presentazione artificiale, poiché può anche essere dannosa.

Francoforte – Soprattutto nei mesi bui dell’anno, quando il clima è fresco e umido, poche persone guidano all’esterno. Lavorare da casa durante la pandemia di coronavirus significa anche che sempre meno persone sono all’aperto. Ma questo presenta un problema di salute speciale. Il corpo umano ha bisogno della luce solare, tra l’altro, per produrre un’importante vitamina: la vitamina D. È estremamente importante per l’uomo in quanto regola il metabolismo del fosfato e del calcio e contribuisce quindi alla sclerosi ossea. Inoltre, la vitamina D migliora il funzionamento del sistema immunitario e ha un effetto sulla forza muscolare.

Quindi una carenza di vitamina D può essere dannosa per la salute. Come riassume Ärztezeitung, l’elenco delle malattie probabilmente legate alla carenza si sta allungando sempre di più. Contiene malattie come la predisposizione alle infezioni, la debolezza muscolare, gli attacchi di cuore, il diabete, i reumatismi, la depressione, il morbo di Alzheimer e la sclerosi multipla. Ma quando c’è una carenza e cosa si dovrebbe fare al riguardo?

Prevenire la carenza di vitamina D: cosa può davvero aiutare al posto di pillole e simili

Secondo la German Dietetic Association (DGE), c’è una carenza quando la concentrazione sierica del marker 25-idrossivitamina-D è inferiore a 30 nmol per litro di siero. Questo tipo di carenza non è il caso della maggior parte della popolazione in Germania. Tuttavia, quasi il 60 percento dei tedeschi non raggiunge la migliore concentrazione ematica possibile di 50 nanomoli per litro di siero, assicura la comunità di specialisti. Di conseguenza, ciò significa che più della metà del potenziale per la salute della vitamina D non è stato sfruttato appieno. Tuttavia, secondo gli esperti, l’uso di pillole e integratori alimentari non è necessariamente raccomandato per le persone sane. Perché la formazione di vitamine può essere potenziata da uno stile di vita adeguato e da una dieta mirata.

La luce solare sulla pelle può essere sufficiente affinché il corpo produca la quantità necessaria di vitamina D. Tuttavia, la quantità effettivamente prodotta di questa importante vitamina dipende da fattori come il periodo dell’anno, il tempo, l’abbigliamento e il tipo di pelle. Quindi i suggerimenti per DGE dovrebbero essere intesi solo come valori direttivi. Tra marzo e maggio, in Germania sono sufficienti dai 10 ai 25 minuti di esposizione al sole, a seconda del tipo di pelle. Circa un quarto della superficie del corpo dovrebbe essere esposto alla luce solare, ad esempio parte delle braccia e delle gambe, così come le mani e il viso. Per i tipi di pelle I e II, il tipo di pelle elencato nella tabella si riferisce a “carnagione da chiara a molto chiara, capelli rosso vivo o biondi e occhi azzurri o verdi”. Il terzo tipo di pelle è “carnagione media, capelli scuri e occhi castani”.

Vitamina D – la concentrazione è più alta in questi alimenti

Tuttavia, questi valori indicativi sono solo per il periodo compreso tra marzo e ottobre. Ma qual è il modo migliore di comportarsi nella stagione buia? Certo, è anche utile sedersi al sole in inverno, ma poiché l’angolo di incidenza dei raggi solari è molto piatto, non vengono necessariamente prodotte grandi quantità di vitamina, riporta “Ärztezeitung”. La cosa buona della vitamina D è che può essere immagazzinata nel corpo. Quindi, se accumuli una scorta di vitamina in estate, puoi darle da mangiare nei mesi più freschi e meno soleggiati.

cibo Vitamina D (microgrammi per 100 grammi)
Hering 7,80-25,00
salmone 16,00
tuorlo d’uovo di gallina 5,60
sgombro 4,00
uova di gallina totali 2,90
finferli 2,10
fungo 1,90
fegato di manzo 1,70
Goudakäse, 45% F. i. R. 1,30
burro chiarificato 1,20
Fonte: BfR basato su Souci / Fach / Kraut, 2008

Ma la dieta giusta può anche aiutare ad aumentare il livello di vitamina D. La concentrazione di questa importante vitamina è maggiore nei pesci grassi come l’aringa e il salmone. Anche le uova contengono una notevole concentrazione. Si consigliano anche vari funghi e fegato. Tuttavia, l’Istituto federale per la valutazione dei rischi (BfR), ad esempio, afferma che l’assunzione di vitamina D attraverso la dieta svolge solo un ruolo secondario. L’attenzione rimane sulla produzione di luce solare da parte del corpo.

Overdose di vitamina D: troppa vitamina può danneggiare la salute

Non solo pillole e preparati contengono vitamina D, ma alcuni alimenti sono ora fortificati con vitamina D. Tuttavia, l’assunzione di tali integratori non è esplicitamente raccomandata a meno che non vi sia una comprovata carenza di vitamina D e un miglioramento del livello non può essere indotto dal cibo o dall’esposizione al sole, assicura il BfR. C’è una semplice ragione per questo.

Perché l’eccesso di vitamina D può avere un effetto negativo sulla salute. L’Istituto federale per la valutazione dei rischi avverte: “Con un’assunzione giornaliera regolare di oltre 100 microgrammi di vitamina D, che attualmente è ottenibile solo con un’assunzione eccessiva di preparati di vitamina D con normali abitudini alimentari, effetti indesiderati come la formazione di reni possono potenzialmente causare calcoli renali. o si verificano calcificazioni. Tuttavia, per ragioni mediche, è possibile determinare dal punto di vista medico quantità maggiori di vitamina D. “

È probabile che anche la carenza di vitamina D sia collegata a malattie infettive. (immagine dell’icona)

© Rainer Berg / Imago

Carenza di vitamina D: gruppi a rischio – quando gli esperti raccomandano contraccettivi orali e co.

Tuttavia, alcuni gruppi di persone appartengono ai gruppi inclini alla carenza di vitamina D. Ciò include, ad esempio, le persone che, per motivi di salute o per altri motivi, possono trascorrere solo poco tempo all’aperto (ad esempio a causa di una malattia). Anche le persone che, per motivi culturali o religiosi, escono di casa solo con il corpo completamente coperto di vestiti o persone con la pelle scura, secondo BfR. Anche gli anziani appartengono al gruppo a rischio, poiché la formazione di vitamina D nell’organismo diminuisce con l’età. Oltre agli anziani, anche i giovani appartengono al gruppo a rischio. Poiché i bambini ricevono pochissima vitamina attraverso il latte materno, l’esposizione alla luce solare diretta dovrebbe essere evitata il più possibile.

Oltre a diversi studi, l’Istituto federale per la valutazione dei rischi ha ora riconosciuto anche il legame tra la carenza di vitamina D e il rischio di sviluppare un grave decorso di Covid-19.

L’integrazione di vitamina D è raccomandata per questi gruppi a rischio. Tuttavia, solo se si riscontra una carenza in questi e il medico li consiglia per migliorare il livello di vitamine. (Sofia Lutero)