Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La Banca centrale europea alza i tassi di interesse: come influisce sulle nostre vite

La Banca centrale europea alza i tassi di interesse: come influisce sulle nostre vite

Troppo poco, troppo tardi: molti esperti hanno criticato il rialzo dei tassi da parte della Banca centrale europea (BCE). L’inflazione ha raggiunto oltre l’8% (maggio) e il tasso di interesse chiave dovrebbe ora salire da zero allo 0,25% a luglio. Qual è l’impatto di questo su diversi ambiti della vita?

Affare: L’economista Clemens Fuest dell’Istituto Ifo esprime un parere pessimista: “La politica monetaria è troppo tardi, non ci sono dubbi”, ha affermato. Per contrastare l’inflazione, la Banca Centrale Europea dovrà adottare ulteriori rialzi dei tassi, già annunciati. Ma questo mette ulteriore pressione sull’economia. Quindi l’Eurozona dovrebbe scivolare in recessione.

Solo ora i prestiti al consumo stanno diventando più costosi

prestiti privati: I prestiti a lungo termine diventeranno più costosi. Ciò riguarda principalmente i “costruttori di case” nei loro mutui ipotecari. Tuttavia, il mercato ha già in parte previsto un rialzo del tasso di interesse corrente. Dall’inizio dell’anno, i prestiti decennali sono diventati notevolmente più costosi. E mentre l’APR era di circa l’1% a gennaio, ora è del 3%. Il credito a breve termine, che viene spesso utilizzato per l’ammortamento, potrebbe iniziare a crescere ora. Sono strettamente basati sui tassi di interesse chiave.

Salva: Il dolore del debitore, la gioia del risparmiatore – si potrebbe pensare. In effetti, le condizioni di alcune banche per i depositi a vista ea termine stanno già migliorando. Tuttavia, il livello è (ancora) così basso che all’inizio a malapena si nota la differenza. La Banca centrale europea ha indicato di voler abolire la sanzione del tasso di deposito. Di conseguenza, anche le banche commerciali possono seguire l’esempio ed eliminare le “commissioni di custodia” per importi maggiori. Anche se questa sarebbe una buona notizia, il problema dell’elevata inflazione rimane per il momento. I professionisti consigliano di astenersi da tariffe fisse lunghe per il momento. I tassi di interesse continueranno a salire nel prossimo futuro.

READ  I consumatori accumulano: i fumatori di sigarette elettroniche suggeriscono tasse aggiuntive

I datori di lavoro possono ottenere meno

i prezzi: I prezzi degli alimenti o dell’energia, ad esempio, sono determinati da una serie di fattori. La Banca centrale europea spera che con i passi intrapresi (un altro aumento dei tassi seguirà in autunno), l’inflazione scenderà al 3,5 per cento nel 2023 e poi al 2,1 per cento nel 2024. Se funziona: aperto.

salari: È probabile che la decisione della BCE abbia anche un impatto sulle prossime e in corso di contrattazione collettiva. I sindacati giustificano categoricamente le loro richieste con il fatto che i lavoratori devono compensare l’inflazione. Se – come intendono i banchieri centrali – l’inflazione scende nuovamente nei prossimi anni, ciò dovrebbe fornire argomenti ai datori di lavoro. Diventerai più economico. Ciò dovrebbe applicarsi alle richieste salariali concordate collettivamente e individualmente. Venerdì IG Metall, il principale sindacato del paese, ha chiesto un aumento salariale del 7% per i prossimi due anni, “o più”, come ha spiegato il suo presidente Jörg Hoffmann.

Sarà difficile per i paesi con rating creditizi scarsi

Finanza pubblica: Gli esperti temono il ritorno della crisi dell’euro. Il motivo: la Banca Centrale Europea ha annunciato che avrebbe smesso di acquistare titoli di Stato. Ciò significa che i paesi stanno nuovamente pagando più interessi sul loro debito. E i paesi fortemente indebitati, la cui solvibilità è valutata piuttosto male, pagheranno un tasso particolarmente elevato.

Potrebbe interessarti anche: Lauterbach: Da quel momento in poi arriveranno i vaccini Omicron

Simile ai tassi sui prestiti, questo sviluppo era già in parte previsto: mentre la Germania era ancora in grado di addebitare commissioni l’anno scorso, il ministro delle finanze Christian Lindner (FDP) ora deve pagare l’1,5% di interessi se prende in prestito denaro dal mercato dei capitali per dieci anni. tu vuoi. Prestito. La sua controparte italiana è del 3,5 per cento. Di conseguenza, i governi troveranno più difficile risolvere problemi politici o sociali semplicemente con “denaro a buon mercato”.

READ  Prodotti per ufficio innovativi di Soennecken: Overather premiato con "Rheinland Genial"