Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Julia Schade, direttrice del programma presso S. Fischer, è il volto di Francoforte

ioNei trent’anni in cui Julia Schade ha lavorato professionalmente con i libri, l’industria editoriale è cambiata quasi completamente. I manoscritti non si leggono più su carta ma su Kindle, il design della copertina è più importante del titolo corretto, e la presenza del libro e del suo autore sui social network è più determinante per il suo successo. Tuttavia, una cosa non è cambiata: nonostante tutte le ricerche di mercato, quale valutazione del libro porterà al successo rimane incerta. Questo rende le cose così eccitanti che il nativo di Francoforte dice: “Se in trent’anni non mi è piaciuto andare a lavorare per tre giorni, era troppo”.

Chadi fa questo lavoro dal 1 luglio 2004 in Hedderichstrasse S Fisher Editori. Qui è la direttrice del programma di intrattenimento, fiction e saggistica. Sotto la sua responsabilità escono circa novanta libri all’anno, e questi sono programmati in anticipo; Il programma Fall 2023 è appena stato completato.

Nelle ore di punta, trenta manoscritti vengono esaminati quotidianamente in Hedderichstrasse. Ciò che è nuovo nell’era digitale dell’industria del libro è, tra l’altro, che gli editori cercano autori di titoli di successo su siti di autopubblicazione e poi se ne prendono cura. Certo, Julia Schade ha smesso da tempo di poter seguire la sua lettura in modo imparziale: “Ho letto troppo velocemente”.

Figlia di un fotografo di Holzhausenviertel

Shady è nato il 16 maggio 1958, ha frequentato il Lessing Gymnasium, ha studiato latino e greco e ha studiato storia dell’arte a Heidelberg, con particolare attenzione al XVII secolo. La sua tesi trattava di una chiesa di Siena, che richiedeva un soggiorno di tre anni a Firenze. Poiché si considerava più dotata per il linguaggio che per la vista, iniziò – “era abbastanza ovvio” – con una casa editrice. Specializzato in libri di viaggio, Shady ha imparato tutto ciò che c’è di analogico, dalla formattazione delle foto all’editing su carta e al marketing.


Julia Schade è responsabile della programmazione presso la S. Fischer Verlag di Francoforte.
:


Foto: Frank Roth


In qualità di editor di saggistica presso Verlag Gustav Lübbe a Bergisch-Gladbach, si è interessata ai titoli che trattano del destino umano e di come affrontarlo. Il passaggio ad Augusta nel 1996 alla Weltbild fu difficile, le corse bavaresi e Scheide non andarono mai veramente d’accordo. Ma lavorare lì è stato divertente. Tra l’altro, consisteva nel realizzare produzioni interne di questi titoli in Weltbild-Verlag, il cui successo di solito emergeva dai dati di vendita in catalogo dopo soli tre giorni.

READ  Disastro: tempo irregolare in Grecia - in Italia continua il caldo - intrattenimento