Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Italia: Visita le Sacre Ostie di Napoli


Napoli
Gli abitanti di Napoli sono pii, altari domestici che adornano i vicoli della città vecchia. Il defunto calciatore Maradona è diventato una specie di monaco della nuova città: il culto acquisisce caratteristiche bizzarre.

Come i napoletani, anche Gianmargo aveva nel suo specchio l’immagine del patrono della città, San Genaro. “Senza la sua sicurezza, sarebbe difficile immaginare le nostre vite”, dice il tassista e guida la sua auto lungo il marciapiede del lago. La vista della metropoli collinare con i suoi castelli e il profondo blu del Golfo di Napoli è spettacolare.

I napoletani venerano il patrono della città, morto martire nel 305 d.C., e si dice che abbia risposto alle preghiere dei cittadini nel 1631: impedì l’eruzione del Vesuvio e salvò dalla distruzione la città dell’Italia meridionale. Il mito va.

Credenza e superstizione

Lo storico Gianni Russo spiega che “a causa della sua vicinanza al Vesuvio, i napoletani hanno sempre ritenuto necessario arrendersi a un monaco che li proteggesse dall’ira del vulcano”. “Tre volte all’anno rinnoviamo il nostro stretto rapporto con San Genaro in cattedrale”. In questi giorni – questa speranza lo sostiene – il sangue del santo è conservato in un monumento aperto e liquefatto davanti agli occhi dei presenti.

“Se il miracolo del sangue fallisce, sarà di cattivo auspicio”, lo storico Russo sbatté le palpebre. Speranza e superstizione sono vicine a Napoli mentre scuote il cornicione sulla chiave della macchina.

Sono molti i sostenitori dei profondi cattolici napoletani. Ce ne sono 52 in totale, ma Antonio della Corte dice che San Gennaro è il più importante. Il giovane proviene dal quartiere di Sanita, una delle zone più povere della città al confine con le magnifiche Catacombe di San Gennaro. Qui nel 2006 è stata costituita la Cooperativa Baranza. Molti giovani della Sanita hanno lavorato per molti anni nei quadri chiusi.

READ  Motorsport: due spettatori morti in un incidente di rally in Italia

amore speciale

“Il nostro ambiente è migliorato, e finalmente grazie a San Genaro”, dice Antonio. Ora porta i turisti giornalieri attraverso il cimitero, scolpito in duffe, con i suoi magnifici dipinti e mosaici.

Ma il monaco fondatore aveva una concorrenza spietata: Diego Maradona. Dopo la sua morte nel novembre 2020 all’età di 60 anni, il leggendario calciatore era un nuovo mecenate della città. Dopotutto, ha portato l’SSC Napoli in campionato due volte.

Lo sguardo di Maradona è inciso sui muri, sulle luci e sui portoni delle case di quasi tutte le strade. Nella tradizionale Via San Gregorio Armeno nel centro storico di Napoli, la sua figura è un bestseller in tutte le taglie e varianti – anche nella versione dell’angelo con le ali.

“Nessuno unisce il sacro e l’impuro come noi napoletani”, dice scherzosamente Gianni Russo. “Napoli e Maradona, questa è una storia d’amore speciale”.

In poche strade più c’è Bar Nilo, dove il culto di Maradona acquista caratteristiche bizzarre. Qui si possono ammirare i veri capelli del calciatore argentino, sistemati dietro lo specchio.

Come ci è arrivato? Si dice che il proprietario del bar Bruno Alcidi fosse seduto dietro Maradona su un aereo dopo una partita a Milano. Nell’elmo davanti a lui, trovò i piccoli capelli della grande statua e li portò con molta attenzione in una tasca per sigarette.

Guarda il sito di pellegrinaggio dei fan

Nella sua casa di Napoli, Alcidi ha creato il suo santuario “Cablo Miragolo de Maradona”, con i fantastici capelli di un calciatore, oltre a foto e l’immagine di Maria. Il titolare del bar è rimasto colpito dai numerosi altari raffiguranti la Madonna che si stagliano in ogni angolo della città vecchia di Napoli. Prima dell’avvento dell’elettricità, erano l’unica fonte di luce notturna.

READ  Regole Corona per l'ingresso e le vacanze

Oltre all’Alcidis Bar, c’è un altro luogo di pellegrinaggio per i fan di Maradona. Per fare questo, devi combattere attraverso una ripida e stretta rete di strade nel Quaternario Spagnoli.

Di fronte al pub Bodega de Dios, c’è un moderno tempio di Maradona all’aperto, coronato dal grande murale della stella. Qui, dove le famiglie delle truppe spagnole trovarono una modesta dimora nel XVI secolo, oggi i fan si ritrovano ogni sera. Nella piazza di fronte al pub ci sono le maglie e tutti gli oggetti devozionali di Maradona.

Susie Postick, figlia del proprietario del pub, è orgogliosa della star: “Ha restituito dignità alla nostra città e al povero sud Italia. Da Maradona ci siamo diretti a nord senza complessi di inferiorità. “E:” In passato, nessun estraneo osava venire qui, ma ora i nostri dintorni sono al sicuro “, ha detto Susie Postik.

Arrivarci:Ci sono diversi collegamenti diretti per l’aeroporto di Napoli dalle città tedesche. Puoi anche venire via Roma, da dove puoi raggiungere Napoli in treno in circa 70 minuti (da 45 a 50 euro).

Viaggi:Dal porto a Capri, Ischia o Procida in motoscafo o traghetto. Puoi prendere i treni suburbani o gli autobus per Pompei o per la spiaggia di Amalfi. Un percorso alternativo è consigliato a Bosvoli, città portuale con caratteristiche archeologiche come il Tempio di Augusto e l’Anfiteatro. Molti ristoranti sul marciapiede del lago.

Informazione:Ente italiano per il turismo, Barckhausstrasse 10, 60325 Francoforte, telefono 069/23 74 34

  

www.enit.de

Informazioni di viaggio e di sicurezza di seguito

http://dpaq.de/z4qup

NWZ Reader Trips

Fantastici viaggi di vacanza – Ben organizzati e curati con un compagno di viaggio tedesco di Oldenburg.