Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Italia: Una volta Berlusconi – il piano al premier Meloni |  Politica

Italia: Una volta Berlusconi – il piano al premier Meloni | Politica

Italia

Come Berlusconi: la Meloni raggiunge il potere televisivo

09.07.2023, 12:03

| Tempo di lettura: 5 minuti

Meloni: “Silvio Berlusconi è un combattente”

Meloni- Silvio Berlusconi è un combattente

Dopo la morte dell’ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi in un ospedale di Milano, l’attuale capo del governo italiano, Giorgia Meloni, ha reso omaggio al defunto come “un combattente”.

Video: società, comunità, popolazione, politica, varie, persone, giustizia, criminalità, religione, visione del mondo

Mostra spiegazione

Roma.
Il capo del governo italiano ricopre di seguaci posizioni chiave presso l’influente emittente televisiva RAI. I partiti di opposizione sono furiosi.

La stampa è una spina nel fianco del premier italiano, Giorgia Meloni. Preferisce evitare di incontrare la stampa. Quando presenta i suoi piani di governo, il populista di destra preferisce brevi video alle conferenze stampa. Nell’era della comunicazione Melony post-fascista Rigorosamente controllato.

Sembra sempre di più che la prima donna in testa governo italiano Ha una chiara agenda politica. È determinato a lasciare un segno nel paese. In un dibattito su quanto sia veramente di destra il gabinetto di Roma, i singoli risultati rafforzano i timori di coloro che avvertono di un cambiamento culturale in Italia.

Italia: Meloni prende il potere tv

Seguendo l’esempio dell’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, avrebbe dovuto attuare i suoi piani politici. Impero televisivo Costruito, Meloney prese saldamente il potere televisivo. Ad esempio, occupa posizioni chiave con follower presso l’emittente televisiva pubblica RAI. Con oltre 12.500 dipendenti, una quota di mercato di circa il 36 per cento e un budget annuo di oltre 2,5 miliardi di euro, la RAI è un colosso del sistema televisivo italiano.


La famiglia televisiva ha recentemente ottenuto un nuovo capo, con Roberto Sergio che ha nominato un nuovo amministratore delegato, Giambalo Rossi. In precedenza è emerso come un sostenitore del presidente russo Vladimir Putin. Più di recente, Meloni ha detto che l’avrebbero fatto RAI “Liberati da un sistema di autorità intollerante” – Sinistri.




Interessante anche: Italia: “Ricordo di Mussolini” – Problemi con la legge Meloni

Italia: giornalisti e moderatori voltano le spalle alla RAI

La RAI si sposta a destra. Molti giornalisti di spicco non vogliono più partecipare e se ne vanno. Molte celebrità Giornalisti E nelle ultime settimane gli ascolti sono stati persi dall’emittente pubblica.


La partenza dell’icona di sinistra Bianca Berlinger, conduttrice principale del popolare spettacolo “Carbianca”, ha suscitato scalpore. Principalmente Enrico Berlingare, figlia del defunto leader carismatico del Partito Comunista Italiano (PCI), si sta muovendo per rivaleggiare con Mediaset di tutti i luoghi. Questa è la troupe televisiva del defunto ex Primo Ministro Silvio BerlusconiPer i quali i “comunisti” erano sempre stracci rossi.

Bianca Berlinger non è l’unica a fuggire dalla RAI, ora ironicamente chiamata “Tele-Meloni”, ea cercare un’altra casa televisiva. Anche il capo della RAI Carlo Fortes, di primo ministro È stato costretto a dimettersi. La vecchia dirigenza RAI ha coperto il passato dell’Italia, criticando la Meloni. Non capisce come siano cambiati i “modelli culturali pratici” con l’elezione dei partiti di destra lo scorso settembre.

Leggi qui: Vacanze in Italia – Perché molti tedeschi stanno annullando i loro viaggi

L’opposizione è indignata e vede la diversità nella cronaca come una minaccia

Altri personaggi televisivi, come Fabio Fazio e Lucia Annunziata, che erano vicini ai socialdemocratici, hanno lasciato l’emittente. I loro contratti con la RAI non sono stati rinnovati dalla nuova dirigenza. La giornalista di punta Annunziata dice addio dopo quasi 30 anni. Non condividere nulla su cui lavori Governo, nessuno dei loro contenuti o metodi, ha sgorgato in una dichiarazione. E non ci sono basi per la cooperazione. Poco prima dell’Annunziata, Luciana Liticetto, famosa agente televisiva, ha annunciato il suo addio alla RAI.

Le partenze hanno provocato una forte risposta. Pluralismo Segnalazione I partiti di opposizione hanno avvertito che è in pericolo. Il governo di destra sta trasformando l’emittente televisiva pubblica in “televisione di stato”. La RAI sta perdendo professionisti altamente qualificati, e l’emittente statale soffre a causa di un’ondata di licenziamenti. “Siamo preoccupati che il governo stia spingendo per posizioni di vertice alla RAI. La mancanza di una prospettiva strategica è preoccupante. Il governo è guidato solo dal desiderio di controllare la televisione pubblica”, ha recentemente affermato la leader dell’opposizione Ellie Schlein.

Meloni: “Liberare la cultura italiana da un intollerabile sistema di potere”

La Meloni vede la situazione in modo diverso. “Mi piace cultura italiana Liberato da una struttura di potere intollerante in cui non si poteva lavorare se non si dichiarava fedeltà a un particolare partito politico. Voglio un sistema televisivo meritocratico e pluralista, che rappresenti tutti e dia a tutti un posto basato sul merito e sul merito”, ha ragionato il presidente del Consiglio.

Alleato di Maloney, presidente della Lega e vicepremier Matteo Salvini, ha rafforzato le spalle del primo ministro. L’Italia sopravvivrebbe se “uno di questi moderatori strapagati” lasciasse la RAI, ha scherzato.

“Giorgia Meloni e coloro che la circondano mostrano una preoccupante brama di potere”, ha detto il politico dell’opposizione Stefano Graziano. Ha paragonato l’influenza del capo del governo Televisione pubblica Quella usata da Silvio Berlusconi durante il suo mandato negli anni ’90 e 2000. L’ex primo ministro e magnate dei media controllava contemporaneamente la RAI e la più grande compagnia televisiva rivale della sua famiglia, Mediaset. “In effetti, occupare i canali televisivi e gli spazi di comunicazione è sempre stata un’ossessione della destra italiana”, ha detto Graziano.




READ  Giustizia in Italia - Accusa di stupro: denunciato il figlio di Grillo