Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Italia: timori di accesso limitato all’aborto

Dopo la vittoria elettorale di Maloney
Si teme un accesso limitato all’aborto in Italia

Proteste in occasione della Giornata internazionale di azione per l’aborto sicuro in Italia

© Victoria Herons / Picture Alliance

Dopo la vittoria elettorale di Giorgia Meloni, in Italia crescono i timori che l’accesso all’aborto diventi più difficile. In alcune regioni dove i partiti di destra sono già al potere, i centri di pianificazione familiare lo praticano da anni.

Mercoledì, Giornata internazionale dell’aborto sicuro, persone in tutto il mondo hanno manifestato per il diritto all’aborto sicuro. Migliaia di manifestanti sono scesi in piazza in diverse città italiane. Dopo la vittoria elettorale di una coalizione di destra attorno al partito postfascista di estrema destra “Fratelli d’Italia” (Fratelli d’Italia), molti italiani ora temono che l’accesso all’aborto diventi più difficile. Il partito del futuro nuovo presidente del Consiglio Giorgia Meloni è noto per le sue politiche familiari ultraconservatrici: uno dei suoi obiettivi è quello di riportare in alto il calo delle nascite in Italia.

Il 45enne ha sempre escluso di voler cancellare il diritto legale all’aborto. In una manifestazione a Genova a metà settembre, ha affermato che le donne che credono che l’aborto sia la loro unica opzione dovrebbero avere il “diritto di prendere una decisione diversa”, secondo i media italiani. Questa dichiarazione ambigua ha ulteriormente alimentato il dibattito.

Sempre più medici in Italia rifiutano l’aborto per motivi di coscienza

Molti attivisti temono che l’accesso all’aborto diventi gradualmente così difficile da diventare inaccessibile anche senza un divieto generale.

L’Italia ha una legge in vigore dal 1978 che consente l’aborto nei primi 90 giorni, ma solo con consulenza e un periodo di riflessione di sette giorni. Tuttavia, i medici possono rifiutarsi di eseguire aborti per motivi di coscienza. Questo è diventato più frequente negli ultimi anni. Nel 2019, secondo un rapporto di Tagesschau, il numero medio di rifiuti è stato del 70%. Secondo “ORF”, ora dovrebbe essere dall’80 al 90 percento nelle singole aree.

I centri di pianificazione familiare avvertono di restrizioni, soprattutto nel nord Italia

I centri di pianificazione familiare hanno sempre più difficoltà a fornire aborti alle donne, in particolare nelle regioni del nord Italia governate da partiti di destra. A Verona un deputato della Lega di destra, della coalizione elettorale di Meloni, ha presentato nell’ottobre 2018 un disegno di legge «per prevenire l’aborto e sostenere la maternità», che ha ottenuto una larga maggioranza in consiglio comunale. Secondo il rapporto “Tagesschau”, nella domanda c’è una proposta di dare alle donne incinte 160 euro al mese per 18 mesi, in modo che possano decidere contro l’aborto. Secondo i media, anche Meloni sta pianificando tali pagamenti.

Secondo i centri di pianificazione familiare, a marzo, la regione italiana in cui i Fratelli d’Italia hanno governato per due anni, gli aborti sono diventati più difficili. Un regolamento nazionale prevede infatti che l’aborto medico sia consentito fino alla nona settimana. In Markon, il limite è ridotto a sette settimane: due settimane possono fare una grande differenza. Perché le donne incinte di solito scoprono la gravidanza tra la quarta e la sesta settimana. Poiché l’Italia ha un periodo di riflessione di una settimana dopo la consultazione pre-aborto, la finestra temporale per gli aborti medici a marzo è significativamente più breve. Nella regione non è stata attuata una mossa del Ministero della Salute per consentire alle cliniche sanitarie oltre agli ospedali di dispensare farmaci abortivi.

Indipendentemente dal fatto che il partito di Giorgia Meloni in futuro renderà più difficile l’accesso all’aborto: Monica Sirinna, deputata al Senato del “Partito Democratico” di centrosinistra, è certa che l’Italia farà marcia indietro sotto Meloni quando si tratta di donne. diritti. Meloni non ha abbandonato la sua cultura estremista di destra, secondo la quale alle donne dovrebbe essere concessa solo una certa libertà.

prove:Il Guardiano i, Guardiani II, Euronews i, Euronews II, ORF, Repubblica di La, Le notizie del GIORNO

READ  Corona: l'Italia vuole vaccinare presto i bambini e discutere della regola 2-G