Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Italia – l’epidemia giustifica l’aumento del debito, secondo Drake – Fitch prevede almeno dieci anni per ridurre il deficit italiano

“Dal punto di vista di oggi, le cose sono completamente diverse”, ha detto Draghi ai giornalisti venerdì. “L’epidemia ha reso legale fare grandi prestiti. Ciò ha spinto la Banca centrale europea (Bce) a seguire la sua strategia e determinare le azioni dei legislatori a Bruxelles”.

L’Italia prevede che quest’anno il nuovo debito aumenterà del 160% della produzione economica. Questo sarà il livello più alto dalla seconda guerra mondiale. Prima della crisi, il valore era del 135 per cento. L’agenzia di rating Fitch ha detto che ci vorranno almeno dieci anni per riportare il tasso di deficit a questo livello.

Secondo Drake, l’aumento sarà “molto preoccupante dal punto di vista di ieri”. Ma adesso le cose sono diverse. Ora è il momento di distinguere tra “credito buono e cattivo credito” e utilizzare il consolidamento del debito per gli investimenti per stimolare la crescita economica. “La crescita è il criterio chiave”, ha detto.

“La domanda ora è se i paesi possono crescere abbastanza per ripagare i debiti che corrono oggi”. In Italia, la crescita economica è in ritardo rispetto alle altre zone euro. L’anno scorso, la terza economia della valuta è crollata dell’8,9%, il peggiore del dopoguerra. Il Paese è stato particolarmente colpito dalla crisi Corona.

Il limite superiore del disavanzo previsto dall’UE è in realtà il 60 per cento del PIL (PIL). Ma i requisiti dell’accordo di stabilità dell’UE sono stati sospesi a causa della crisi Corona. Drake ha detto che nessuno stato membro sostiene un ritorno alle vecchie regole. Al contrario, c’è un consenso diffuso nell’UE sul fatto che le nuove linee guida aiuteranno a ridurre gradualmente l’onere del debito dei paesi, senza compromettere la guida economica.

READ  Immobile tace dopo una scena imbarazzante e anche in Italia viene criticato

Drake è stato in precedenza presidente della Banca centrale europea (ECP). In questa veste, ha sostenuto nel 2012 che i paesi con un carico di debito elevato, come l’Italia, dovrebbero avere regole più severe per ridurre rapidamente il proprio debito. Sotto Christine Lagarde, il successore di Tracy, all’apice della banca centrale, l’ECP cerca di controllare i costi finanziari di governi, aziende e case in tempi di crisi con una grossa somma di denaro extra.

(Reuters)