Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Israele vuole un accordo multimiliardario sugli armamenti da parte degli Stati Uniti

Israele vuole un accordo multimiliardario sugli armamenti da parte degli Stati Uniti

Uccisi due generali iraniani. Teheran minaccia ritorsioni. Forse Israele vuole un enorme pacchetto di armi dagli Stati Uniti. Maggiori informazioni nel blog delle notizie.

Le cose più importanti a colpo d'occhio


Hamas: un attacco aereo israeliano uccide cinque lavoratori di un'organizzazione non governativa

1:06: L'ufficio stampa del governo di Hamas ha riferito dell'uccisione di due operatori di beneficenza a seguito di un attacco aereo israeliano. Di conseguenza, almeno cinque dipendenti dell'organizzazione World Central Kitchen sono stati uccisi a Deir al-Balah, nel centro della Striscia di Gaza. Secondo un portavoce del governo di Hamas, le vittime sarebbero persone provenienti dalla Polonia e dall'Australia e un cittadino britannico. Morì anche un palestinese. L'esercito israeliano e la World Central Kitchen non hanno ancora commentato l'accaduto.

Insider: Gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di fornire miliardi di dollari in aiuti militari a Israele

0:40: Secondo fonti interne, il governo del presidente americano Joe Biden sta valutando la possibilità di rilasciare a Israele un pacchetto di armi da 18 miliardi di dollari. Tre persone a conoscenza della questione hanno affermato che il pacchetto includeva, tra le altre cose, jet F-15 e munizioni. Una vendita di 25 Boeing F-15 a Israele è stata presa in considerazione da un ordine israeliano nel gennaio 2023, ha detto un insider.

USA: Incontro con Israele sul previsto attacco a Rafah

00:10: I rappresentanti del governo degli Stati Uniti e della leadership israeliana dovrebbero incontrarsi la prossima settimana per discutere del previsto attacco di terra israeliano alla città di Rafah nella Striscia di Gaza. Dopo una videochiamata con i rappresentanti di entrambe le parti, lunedì la Casa Bianca ha rilasciato una dichiarazione congiunta impegnandosi a tenere un incontro faccia a faccia la prossima settimana. Ulteriori dettagli inizialmente rimanevano aperti.

READ  Grecia: il partito conservatore di Mitsotakis è chiaramente in testa

Rappresentanti di alto livello di entrambi i governi hanno discusso in videoconferenza la prevista offensiva di terra israeliana a Rafah. La dichiarazione afferma che la conversazione è durata due ore ed è stata costruttiva. La parte americana comprendeva il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan e il segretario di Stato Anthony Blinken. La parte israeliana comprendeva il consigliere per la sicurezza nazionale Zakhi Hanegbi e il ministro degli affari strategici Ron Dermer.

La dichiarazione afferma che le due parti condividono l'obiettivo di sconfiggere il Movimento di Resistenza Islamica (Hamas) a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza. Ha aggiunto: “La parte americana ha espresso la sua preoccupazione per i diversi metodi adottati a Rafah”. La parte israeliana, a sua volta, ha accettato di tenere conto di queste preoccupazioni e di avviare ulteriori discussioni.

Attivisti: un tentativo di attacco alle forze americane in Siria

0 del mattino: Le milizie filo-iraniane provenienti dall'Iraq hanno tentato di attaccare le forze americane nel sud-est della Siria con un drone lunedì sera tardi, hanno detto gli attivisti. L’Osservatorio siriano per i diritti umani con sede in Gran Bretagna ha riferito che le forze americane hanno abbattuto il drone. Inizialmente nessun gruppo rivendicò la responsabilità dell’attacco alla base militare di Al-Tanf utilizzata dalle forze statunitensi vicino ai confini giordano e iracheno. Non è ancora chiaro se ci siano stati danni o feriti. L'esercito americano inizialmente non ha commentato l'incidente.

USA: A volte ci vuole molto tempo per consegnare armi a Israele

23:35: Di fronte alle richieste di imporre restrizioni sulla vendita di armi statunitensi a Israele, il Dipartimento di Stato americano ha sottolineato che queste restrizioni sono di natura a lungo termine. Il portavoce del dipartimento Matthew Miller ha detto lunedì a Washington che le spedizioni di armi verso il paese a volte richiedono diversi anni. Stava rispondendo a una domanda sul perché il governo degli Stati Uniti ha recentemente deciso di approvare la consegna di nuove spedizioni di armi a Israele nonostante le critiche rivolte alle operazioni militari israeliane nella guerra di Gaza. Miller ha eluso la domanda specifica e ha invece fatto riferimento alla partnership di sicurezza decennale con lo Stato di Israele.

Il Paese è circondato da attori decisi a distruggerlo, non solo Hamas, ma anche l’Iran e i suoi delegati, come la milizia libanese Hezbollah. Ha aggiunto: “Crediamo che Israele abbia tutto il diritto di difendersi da questi oppositori”. Ecco perché ogni anno gli Stati Uniti ricevono aiuti per miliardi di dollari. Non sempre si accede a tutti gli aiuti in un anno. Il governo israeliano richiede alcune armi. Il governo degli Stati Uniti poi decide se ciò è appropriato e informa il Congresso di eventuali accordi potenziali. Miller ha affermato che a volte ci vogliono anni prima che le richieste vengano effettivamente soddisfatte. Tali richieste sono state presentate prima e dopo l'attacco sferrato dall'organizzazione terroristica Hamas il 7 ottobre.