Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Investire in Economia: “Bisogna essere disposti a spendere di più” - Economia

Investire in Economia: “Bisogna essere disposti a spendere di più” – Economia

Come fa l’economia a rimettersi in piedi? Come affronti il ​​cambiamento strutturale? Risposta: Investi, Investi, Investi. Il documento di spedizione e i colloqui della coalizione concordano almeno su questo punto. Questo dà coraggio alla speranza.

Notiziario persone: [Behalten Sie den Überblick über die Corona-Entwicklung in Ihrem Berliner Kiez. In unseren Tagesspiegel-Bezirksnewslettern berichten wir über die Krise und die Auswirkungen auf Ihre Nachbarschaft. Kostenlos und kompakt: leute.tagesspiegel.de.]

Questo è stato qualcosa da fare che è stato chiaro a tutti dall’inizio della crisi di Corona al più tardi. Quello che è andato storto prima è meno discusso. Vent’anni fa vivevamo in un mondo che aveva poco a che fare con l’economia di mercato. Ciò non è dovuto alla “condizione gonfia”. No, anzi, abbiamo perso l’azienda come volano, perché da quasi 20 anni non si investe più, ma si risparmia.

Le aziende non sono più una forza trainante

Al nocciolo del problema: in un’economia monetaria in cui la spesa dell’uno è il reddito dell’altro, qualsiasi eccedenza deve compensare un deficit dello stesso importo. Per avere un reddito superiore alla spesa, cioè “per risparmiare”, qualcun altro deve essere disposto a spendere più di quanto guadagna. Se si raggruppano tutti gli attori dell’economia, per ogni paese compaiono quattro settori: lo stato, le imprese, le famiglie e il resto del mondo.

La domanda ora è: quale settore svolge il ruolo di investitore e spende più di quanto guadagna? In ogni scuola di teoria, le imprese dovrebbero assumere questa funzione. Ciò non significa che ogni azienda perda costantemente denaro. Questo è impossibile, perché a un certo punto le azioni spariranno.

READ  Le aziende si affidano di nuovo agli uffici domestici

Si tratta di aziende con crescita positiva e prospettive future a livello aggregato, cioè come settore, e che investono di conseguenza. Se guardi il numero di startup, per esempio, scoprirai che lì si spende sempre più denaro di quanto se ne guadagni, il che va perfettamente bene con una crescita dinamica.

Era diverso: in tempi di miracolo economico l’investimento si faceva

Se diamo uno sguardo ai titoli della Repubblica Federale Tedesca, vediamo che il ruolo di investitore per le aziende è stato dato durante il miracolo economico degli anni Cinquanta e Sessanta. Così lo stato e le famiglie potevano generare eccedenze senza problemi.

Al contrario, le azioni sono in netto contrasto dal 1999. Le società hanno agito come risparmiatori e lo stato si è unito a loro nel 2011. Il reddito del debito si è spostato all’estero.

In molti altri paesi, abbiamo visto lo stesso schema dopo la crisi finanziaria: le aziende non stanno più investendo, nonostante i massicci tagli fiscali ovunque negli ultimi 25 anni. Per tornare ad essere la classica economia di mercato, il settore delle imprese deve essere rimosso dalla posizione del risparmio nel medio-lungo termine e incoraggiato a investire.

Lo Stato deve dare impulso

Questo è possibile solo tramite l’ordinamento dinamico. Le aziende investiranno solo se si aspettano da lui rendimenti più elevati in futuro. Nell’attuale situazione di accresciuta incertezza e di necessità di effettuare ingenti investimenti ad alto rischio, l’impulso deve venire in primo luogo dallo Stato, a prescindere dai freni all’indebitamento. Poiché la spesa pubblica è equivalente alle entrate del settore privato, ciò migliora le opportunità di crescita per le aziende, offre loro una pianificazione della sicurezza e le incoraggia a investire per espandere le proprie capacità e ristrutturare i propri modelli di produzione.

READ  Panoramica di dpa-AFX: Aziende - Le principali notizie del fine settimana

I salari dovrebbero aumentare in linea con l’inflazione

Oltre alla politica fiscale espansiva, è necessaria anche una rigorosa politica salariale. Cioè, i salari dovrebbero aumentare in accordo con la crescita della produttività e l’obiettivo di inflazione. A tal fine, è necessario rafforzare ancora una volta la copertura della contrattazione collettiva. Questo è un segnale per le imprese: solo se investi e aumenti la tua produttività otterrai profitti nel lungo periodo. La prospettiva di rendimenti più elevati in futuro incoraggia le aziende a investire di più oggi.

Per dirla in breve: per passare attraverso la classica economia di mercato a medio termine, che è certamente anche nello spirito del FDP, abbiamo bisogno di una classica politica fiscale e salariale socialdemocratica. Se i semafori lo capiscono, nulla dovrebbe ostacolare una futura alleanza.

L’autore lavora come consulente di politica economica presso le Nazioni Unite a Ginevra.