Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Intervista a Klaus Stürer: “Il peso della malattia è completamente separato dall’infortunio”

Osservando il valore dell’infezione, l’epidemiologo Klaus Stuhr è stato allarmato per mesi. In un’intervista con ntv.de, spiega perché attualmente non vede la necessità di agire, le misure della corona dovrebbero concentrarsi sul gruppo di persone con più di 50 anni e perché la vaccinazione di bambini e adolescenti è alquanto irrilevante.

ntv.de: Il tasso di infezione in Germania sta lentamente aumentando di nuovo. I politici sgridano e guardano all’autunno con preoccupazione…

Klaus Storr: La domanda è: le ricadute sono davvero il criterio decisionale corretto per le misure di controllo? Soprattutto se guardi solo all’infortunio? Al momento, l’incidenza nelle persone di età superiore ai 60 anni è di circa 3 anni. Questo è molto al di sotto del punto in cui devi avviare qualsiasi azione.

Ma il tasso di infezione è in aumento.

Ovviamente sale. Per le persone di età compresa tra 20 e 30 anni, presto compiranno 60, 70 e 80 anni. Ma perché chiudere i negozi in una città con malattie lievi o asintomatiche, ad esempio 100 casi ogni 100.000 abitanti. Questo non aiuta a ridurre il carico della malattia.

Cosa vuoi dire con questo?

Ebbene, combattere una pandemia significa tenere basso il carico di malattia: quindi ospedali e cimiteri devono rimanere sostanzialmente vuoti senza perdere di vista il resto della popolazione. Funziona sempre meglio ora con la vaccinazione. Sempre più giovani saranno contagiati entro la fine dell’epidemia, dato l’allentamento delle procedure e la stanchezza epidemica. Ma vaccinare le fasce di età più colpite oltre i 50 anni ridurrà significativamente la gravità della malattia e la morte. Allora perché l’aumento delle segnalazioni di casi senza l’onere della malattia causa la chiusura delle aziende?

Stai dicendo che la Germania non deve preoccuparsi affatto nonostante il basso tasso di vaccinazioni?

L’epidemia non è ancora finita. Naturalmente, ci si dovrebbe preoccupare se i casi di registrazione aumentassero tra le persone non vaccinate di età compresa tra i 50 e i 60 anni. Questo avrebbe poi portato al ricovero in ospedale e alla morte, non c’è dubbio. Ma non lo vediamo. Tuttavia, l’autunno è alle porte: non sembra esserci un piano per l’inevitabile ondata di raffreddore.

READ  Cause, sintomi, decorso e trattamento

Quindi al momento non c’è bisogno di lavorare?

In questo momento, con tassi di mortalità ancora bassi o stabili, senza o con scarso accesso alle unità di terapia intensiva – il che è molto buono – non vedo assolutamente alcun motivo per apportare cambiamenti drastici ora.

E quando dobbiamo agire?

Devi prepararti per l’autunno. L’ondata di contagio aumenterà ancora con grande forza. Poi ci sono altre malattie respiratorie: influenza e RSV sono praticamente assenti da due anni. Più di 20, 30 milioni di giovani non avranno ancora l’immunità al virus Corona. Devi prepararti per questo e ora finalmente mettere il piano sul tavolo: come possono essere prese le contromisure se l’incidenza aumenta di nuovo, come previsto? Oppure vengono eventualmente inclusi più criteri nella valutazione del rischio? Si prenderanno finalmente misure specifiche per età o, usando il principio dell’annaffiatoio, si prenderanno in considerazione i più diversi gruppi a rischio con le stesse misure? Non potrebbe essere più come fare tutto come nel 2020, quando le persone sopra i 60 anni erano ancora abbastanza accettabili Molti giovani in particolare dovrebbero risultare positivi in ​​autunno, ma gli ospedali in genere saranno sottoposti a carichi pesanti ogni inverno Tassi di mortalità Sars-CoV-2 rimarrà basso – se il tasso di vaccinazione è alto. Poi non si può più reagire con spegnimenti e spegnimenti, a un certo punto bisogna tornare alla normalità.

Qual è l’effetto della vaccinazione sullo sviluppo del numero di infezioni?

Il carico effettivo della malattia è completamente separato dall’infezione…

Intendi dire che l’infezione come unico parametro non dice più nulla sulla minaccia della pandemia di Corona in Germania?

Esattamente. E questo è il vero punto della vaccinazione, ovvero che si vuole prevenire le persone che sono particolarmente a rischio di malattie gravi o di morte.

Gruppi vulnerabili, soprattutto anziani?

Sì davvero. Tra le persone di età compresa tra 80 e 90 anni, muore una persona infetta su 100. Il rischio di malattia e morte nelle fasce di età più basse è molto, molto più basso. Se la vaccinazione terminasse ora per gli over 50, si preverrebbe il 99 percento dei decessi.

READ  Un vaccino universale contro i coronavirus per proteggersi da future epidemie: la pratica della guarigione

99 percento?

Sì, sembra fantastico, ma è come l’influenza stagionale. Perché il 99% dei decessi riguarda persone di età superiore ai 50 anni. Se fossero tutti doppiamente vaccinati, quasi tutti questi decessi sarebbero evitati. Le persone di età superiore ai 65 anni dovrebbero essere rivaccinate ad ottobre in preparazione all’ondata invernale.

Ma anche i giovani dovrebbero essere vaccinati?

Certo, ma soprattutto per chi ha una precedente malattia. Tutti dovrebbero affrontare l’infezione primaria in qualche modo, meglio con la vaccinazione. Ci sono solo due opzioni: infezione o vaccinazione. Dopo l’infezione iniziale, le infezioni negli anni successivi saranno molto più lievi. Anche tra i giovani. Pertanto, dal prossimo anno in poi, STIKO raccomanderà probabilmente la vaccinazione solo per le persone di età superiore ai 60 anni.

Al contrario, ciò significa che quando inizierà l’epidemia, non ci saranno raccomandazioni sulla vaccinazione per nessun altro, compresi i bambini, in futuro?

Suppongo che a meno che non venga approvato un vaccino che abbia effetti collaterali inferiori al rischio di infettare i bambini. In caso contrario, tutti verrebbero infettati da bambini e adolescenti e poi rinvigorirebbero la loro natura immunitaria ogni pochi anni. Se il sistema immunitario si indebolisce con l’età, sarà raccomandata la vaccinazione, come nel caso dell’influenza. C’è un meraviglioso studio pubblicato la scorsa settimana dall’Università di Heidelberg sui bambini. È stato osservato che i bambini, anche se si infettano senza mostrare alcun sintomo di cui parlare, sviluppano una forte immunità. Che dura anche bene. L’infezione dei bambini con gli adulti è molto inferiore. Piuttosto, colpisce adulti e bambini.

Quindi non tieni molto al dibattito sulla vaccinazione dei bambini?

Tutto il dibattito sulla vaccinazione dei bambini ora, visto che il numero delle immatricolazioni tra bambini e adolescenti è in aumento, è fatto per argomenti. STIKO ha fornito il consenso scientifico della Germania. Non può provenire da individui, anche se a volte sono schietti e politicamente scortesi. Sembra che si parli di bambini e scuole più dell’80 per cento delle volte, come l’anno scorso. Il vero problema sono gli anziani e i fragili. Devi pensare alla vaccinazione autunnale. Devono essere protetti. Sulla base di questo criterio, tasso di malattia tra gli anziani, tasso di ospedalizzazione e dati di ospedalizzazione, si devono stabilire obiettivi di controllo.

READ  Dexcom guarda al futuro del monitoraggio continuo della glicemia

Come valuta la situazione, ad esempio in Israele o in Gran Bretagna, così come nei Paesi Bassi? I numeri sono in calo, anche se la variante delta è prevalente.

Bene, la variante delta è più contagiosa. Questo sarà anche il caso delle seguenti varianti, quindi non dovremmo chiudere gli occhi. Il virus è adattato all’uomo. Ci saranno variabili, e ce ne saranno ancora diverse migliaia ogni anno.

Migliaia non sembrano buone.

Non avere paura. Tra le tante migliaia di variabili, poche saranno quelle che acquisteranno anche rilevanza regionale, e ancor meno, forse una sola all’anno, che acquisiranno poi un significato globale. Portali con te nel vaccino.

E la vaccinazione antinfluenzale annuale?

Proprio come con l’influenza. Come per l’influenza, alle persone di età superiore ai 65 anni verrà raccomandato di vaccinarsi contro il COVID-19. Il tasso annuo di vaccinazione antinfluenzale varia dal 20 al 40 percento, a seconda dello stato federale. Più sarà meglio qui. Delta è ovviamente più contagioso. Ma vediamo anche che i tassi di ospedalizzazione non si sviluppano in tendenze entusiasmanti qui. Certo, il vaccino Sars-Cov2 non funzionerà più bene a un certo punto perché le prossime varianti arriveranno dopo Delta, ma verrà stabilito il sistema per adattare i vaccini. Le principali autorità di regolamentazione, le aziende farmaceutiche, nonché l’Organizzazione mondiale della sanità, che sta effettuando il monitoraggio, hanno già concordato come vogliono farlo.

Abbiamo bisogno di un nuovo vaccino modificato ora?

No, non lo vedo. Non prima dell’inizio del prossimo anno. La variante delta è ancora ben coperta dai vaccini attuali.

Christopher Witish e Tilman Aritz parlano con Klaus Storr