Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Infortunio a 600 tra i giovani: la Spagna balla sull’onda delta

Il tasso di incidenza è di 600 tra i giovani
La Spagna balla in un’onda delta

L’infezione netta non è un segnale di avvertimento convincente dato l’alto tasso di vaccinazione. Ma l’infezione in Spagna sta aumentando così rapidamente che il capo epidemiologo ha paura. E ovunque nel paese la gente festeggia senza maschere, come se non ci fosse una variabile delta.

In Spagna, negli ultimi giorni è aumentato il numero di nuovi casi di corona, soprattutto tra i giovani. “I numeri di oggi non sono affatto buoni”, ha affermato Fernando Simon, capo dell’epidemiologia del Ministero della Salute. I numeri nelle diverse fasce d’età variavano notevolmente, “tra i più giovani abbiamo circa 600 casi”, ha detto Simon. Il tasso di infezione a livello nazionale è stato di 204 per 100.000 abitanti negli ultimi 14 giorni. Venerdì erano 152,8.

Secondo il ministero della Salute, sono stati registrati 32.607 nuovi contagi e 23 decessi. Questo è il valore più alto di nuovi casi dall’8 febbraio. Simon ha descritto la situazione come “complicata”, ma ha sottolineato che il numero dei ricoveri e dei decessi non è aumentato. Anche la campagna di vaccinazione in Spagna ha accelerato. Il 40,3% di quasi 47 milioni di persone è stato completamente vaccinato contro il coronavirus e il 56% ha ricevuto la prima dose del vaccino.

Diverse regioni, come l’Andalusia e la Catalogna, stanno valutando nuovamente l’inasprimento delle procedure questa settimana a causa del numero crescente di contagi. L’obbligo della mascherina all’aperto non è stato revocato fino al 26 giugno. La scorsa settimana, gli scolari che festeggiavano a Maiorca hanno diffuso il virus in altre parti della Spagna. Secondo il Ministero della Salute spagnolo, le gite scolastiche hanno infettato almeno 1.824 persone in tutto il paese nel contesto dell’epidemia di Corona e ne hanno messo 5.978 in quarantena.

I bar sono pieni, gli hotel sono pieni: tutta l’Europa festeggia a Barcellona

Soprattutto nella Catalogna spagnola, epicentro di Corona, il rischio di contagio non può fermare le feste estive di locali e turisti. Le spiagge, così come gli hotel, i bar e i negozi della capitale catalana Barcellona e di altre comunità costiere della zona, erano a volte piuttosto affollate nei fine settimana e anche il lunedì, secondo quanto riportato dai media regionali. Tra i visitatori, El Periódico ha scritto: “Molti turisti provenienti da altri paesi europei ammettono di essere stati attratti dalla vivace vita notturna”. Il quotidiano ha sottolineato che “le spiagge, le piazze, i bar e le discoteche sono piene di musica e alcol, ma le mascherine sono poche”.

Nel frattempo, l’emittente RTVE ha riferito che dopo l’inizio delle festività natalizie il 1 luglio, un’atmosfera di festa vivace ha prevalso non solo in Catalogna ma in tutto il paese. Nelle regioni turistiche come l’Andalusia e Valencia, l’occupazione degli hotel è dall’80 al 95 percento. Le stazioni ferroviarie e gli aeroporti sono stati piuttosto affollati da giorni, anche se spesso i viaggiatori non possono essere accompagnati da nessuno. L’autorità per il traffico della DGT prevede oltre 90 milioni di viaggi su strada a luglio e agosto, l’equivalente dell’estate del 2019 prima della pandemia. A Maiorca, dove i numeri della corona sono alti per diversi giorni come ovunque in Spagna, sempre più visitatori stanno arrivando alla roccaforte delle vacanze di Magaluf, a ovest di Palma, favorita dagli inglesi.

Così il governo delle Isole Baleari ha deciso che lì dovrebbero essere introdotte regole più severe sull’alone, che finora si applicano solo all’inclinazione del partito “Balermann”, popolare tra i tedeschi. Con quasi 81.000 morti a causa di Corona e oltre 3,8 milioni di casi di infezione, la Spagna è uno dei paesi più colpiti dall’epidemia in Europa.

READ  Riduci il rischio di malattie con la regola del cinque