Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

In vista del vertice straordinario del G20: dall’Afghanistan l’Italia aspetta una “passerella”

Stato: 12.10.2021 02:00

In uno speciale vertice virtuale, le nazioni del G20 oggi vogliono affrontare la crisi in Afghanistan. Si tratta di soccorsi per i civili e di corridoi per portare in sicurezza i profughi in Italia.

Elizabeth Pongrats, ARD-Studio Roma

novembre dello scorso anno. Ragazze e ragazzi afgani stanno davanti a un edificio in costruzione per un video. “Cominciamo il futuro”, cantano in Dorai. La loro scuola sarà presto nell’edificio. Se ne è occupato il sistema “Wave for the Future”. Poiché non c’erano strutture educative nel distretto di Farza a nord di Kabul, le scuole precedenti sono state distrutte dai talebani.

Elisabetta Pongrats
ARD-Studio ROM

Ora che è ricominciato, le lezioni sono iniziate a fine marzo. 650 bambini hanno frequentato la scuola, la maggior parte ragazze. Mohammad Hameed Ehsan ha lavorato come insegnante lì e presso la sede dell’organizzazione a Kabul.

Abbiamo anche fornito attività relative all’istruzione e allo sviluppo educativo. Avevamo lezioni d’arte. Ci sono stati anche corsi sulla consapevolezza delle donne e dei loro diritti.

Tutto è cambiato quando i talebani sono saliti al potere

Donne e ragazze in particolare hanno partecipato a molti privilegi, sia che frequentassero corsi di fotografia, che imparassero l’inglese o si formassero nel rilevamento delle impronte digitali. Tuttavia, quando le potenze occidentali si sono ritirate, la situazione nel paese è cambiata radicalmente, poiché Costandino Tenuda l’ha definita “un’onda anomala”.

Le scuole sono state chiuse, il nostro ufficio è stato distrutto ei talebani hanno perquisito il nostro personale casa per casa.

Come molte migliaia di afgani, Hamid era uno dei dieci lavoratori che improvvisamente si sono dovuti preoccupare della propria vita quando i talebani sono saliti al potere.

Eravamo tutti in pericolo delle nostre azioni perché eravamo diretti contro di loro. Mi hanno mandato alcune foto di me. In una foto insegno ad alcune donne a stare accanto a me e scattare una foto. Mi hanno detto che avrebbero contattato donne e ragazze. Lavorerò in un’organizzazione straniera.

Fuga in Pakistan

Con l’assistenza diplomatica e militare dall’Italia, dieci membri del personale hanno tentato di volare in Italia. Ma non è riuscito. Durante un’intervista su Skype, non ha potuto descrivere ciò che Hamid ha vissuto durante i tre giorni e tre notti vicino all’aeroporto di Kabul. La situazione era molto brutta.

READ  Corona in Italia: programma di apertura estiva - Arriva il "Green Pass" per viaggiare in una zona pericolosa

Poco prima dell’attacco, hanno lasciato i locali dell’aeroporto. Nei giorni seguenti, sei uomini e due donne sono riusciti a fuggire a sud, in Pakistan. Ora sono intrappolati nell’appartamento di un amico, coinvolto il consolato italiano. Ma non possono muoversi liberamente, dice Costandino Denuda.

Sono ancora illegali. Dal momento che non hanno un visto pakistano o documenti pakistani, devono nascondersi. Questo perché il comportamento della polizia e dei soldati pakistani si è intensificato nelle ultime settimane. Sono costantemente alla ricerca della deportazione in Afghanistan degli afghani che sono illegali nel loro paese.

Per l’Italia è prevista una passerella umanitaria

Una volta, racconta Hamid, un collega è uscito di casa per comprare cibo per tutti. “Ma quando è tornato, la polizia lo ha fermato e voleva vedere la sua carta d’identità. Non parlava la lingua locale né aveva la carta d’identità. Sono andato lì e fortunatamente siamo riusciti a risolvere il problema. Abbiamo pagato l’agente di polizia”.

Il governo italiano, con l’aiuto della Caritas e della comunità cattolica di Sant’Egidio, vuole portare in salvo il proprio personale, noto come l’“Onda della Speranza” ora noto come Corridoio Umanitario. Secondo Tobias Mல்லller di Sant’Egidio, si trattava di un tentativo di emergere da un dialogo interreligioso.

Dove c’è cooperazione ecumenica. Protestanti, cattolici, altre organizzazioni, privati, chiese e molti altri. Si occupano di portare legalmente persone dalle zone di guerra o dai paesi vicini in Europa e di integrarle qui.

La maggior parte delle spese è finanziata da donazioni, quindi negli ultimi anni diverse migliaia di persone hanno potuto viaggiare in Europa. Hamid ei suoi colleghi in Pakistan ora sperano che anche loro possano trasferirsi presto in Italia.