Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il rumore del traffico silenzioso aumenta significativamente il rischio di demenza – FITBOOK

Non deve essere un balcone proprio sull’autostrada: anche il rumore apparentemente basso del traffico mette il cervello sotto stress, il che, secondo un recente studio danese, aumenta il rischio di demenza.

Il grande volume di traffico è un enorme fardello, soprattutto per gli abitanti delle città, non solo a causa delle emissioni nocive o delle molte ore inutili negli ingorghi. Uno studio danese ha mostrato che le persone esposte a un traffico quasi ininterrotto per anni avevano un rischio maggiore di sviluppare demenza rispetto agli abitanti dei villaggi isolati. Ho anche scoperto quanto è grande in realtà. Il risultato spaventoso: anche un ronzio relativamente basso di auto e camion può causare danni.

Il rumore del traffico è il secondo fattore di rischio ambientale per la salute pubblica

Il rumore del traffico è il secondo peggior fattore di rischio ambientale per la salute pubblica in Europa dopo l’inquinamento atmosferico e circa un quinto della popolazione europea è esposto al rumore del traffico al di sopra del livello raccomandato di 55 decibel (dB). Per confronto: 55 dB corrispondono a una TV o una radio accese nella stanza. Da 60 decibel (un tosaerba o una live chat) può essere molto fastidioso per i passanti. D’altra parte, un continuo “programma radiofonico” sotto forma di suoni di motori e clacson lascia effetti drammatici, come avvertono un gruppo di scienziati danesi nel loro studio pubblicato sulla rivista specializzata “bmj”.1

Interessante anche: Il rumore del traffico di notte fa male al cuore

Sono state fatte poche ricerche sul rumore del traffico e sul rischio di demenza

Numerosi studi hanno precedentemente dimostrato che il rumore del traffico può portare a malattie come diabete, obesità o malattie coronariche, secondo il corrispondente comunicato stampa.2 Il rumore del traffico o il rumore del traffico e il rischio di demenza non sono stati ancora studiati e i risultati finora noti sono contraddittori. Per fare questo passo avanti, il team ha esaminato gli effetti del rumore stradale e ferroviario sul rischio di demenza in due milioni di adulti di età superiore ai 60 anni che hanno vissuto in Danimarca tra il 2004 e il 2017.

READ  Regole di ingresso inasprite: la quarantena Corona è già oltre i 100

Interessante anche: Il numero di persone con demenza sta aumentando rapidamente in tutto il mondo

Indirizzi residenziali inquinati dal traffico rispetto ai casi di demenza

In primo luogo, gli scienziati hanno identificato le aree residenziali particolarmente vulnerabili al rumore delle automobili e dei treni. Hanno quindi analizzato le cartelle cliniche nazionali per identificare i casi di demenza per tutte le cause e diversi tipi di demenza (morbo di Alzheimer, demenza vascolare e demenza correlata al Parkinson) in una media di 8,5 anni. Hanno identificato 103.500 nuovi casi di demenza durante il periodo di studio.

Hanno anche scoperto che l’esposizione costante al rumore della strada di 55 decibel e oltre era sufficiente per aumentare il rischio di demenza (in particolare il morbo di Alzheimer) del 27%. Se il rumore della ferrovia è ugualmente forte, il rischio è inferiore, probabilmente perché il livello di rumore è meno costante.

Interessante anche: Le raccomandazioni più importanti per la prevenzione della demenza

Come il rumore distrugge il cervello

Anche se a un certo punto ti abitui ai rumori del traffico e potresti non sentirli consapevolmente, ti penetrano comunque nella mente. I ricercatori affermano che il rumore rilascia sempre ormoni dello stress. Un livello elevato di ormoni dello stress porta a disturbi del sonno, cambiamenti nel sistema immunitario e infiammazione. Tutto questo è noto per contribuire allo sviluppo della demenza e del morbo di Alzheimer. Pertanto, è chiaro che il rumore “potenziale” del traffico non deve essere sottovalutato in relazione al rischio di sviluppare demenza.

Interessante anche: Cosa succede nel cervello quando si calma?

La riduzione del rumore del traffico è una priorità assoluta

Sebbene questo sia uno studio osservazionale, il che significa che le informazioni mancanti come le abitudini di vita o l’esposizione passata non possono essere prese in considerazione nella valutazione, i ricercatori sono giunti alla conclusione che i responsabili politici hanno bisogno di nuove strategie per ridurre il rumore del traffico. “Espandere la nostra conoscenza degli effetti nocivi del rumore sulla salute è essenziale per stabilire nuove priorità”, chiedono gli scienziati coinvolti. “Abbiamo bisogno di strategie efficaci incentrate sulla prevenzione e il controllo delle malattie, inclusa la demenza”. Quindi il suo ultimo appello è: “La riduzione del rumore deve diventare una priorità per la salute pubblica!”

READ  Il corona virus può essere debellato? I ricercatori forniscono un modello matematico

risorse