Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il rapporto genitore-figlio: perché i nostri genitori ci infastidiscono così velocemente

I padri rimangono genitori – ei figli rimangono sempre bambini. Questo è esattamente il punto in cui c’è un alto potenziale di conflitto quando i bambini adulti visitano i loro genitori a Pasqua.

Julia è sconvolta dalle battute di suo padre. Felix è sconvolto dal fatto che sua madre parli senza punto o virgola e non gli permetta di dire una parola. Mi piace anche saltare fuori dalla mia pelle quando mio padre vuole spiegarmi le caratteristiche speciali dell’auto di famiglia durante i test prima che io possa mettermi al volante. A Pasqua, i loro figli più grandi fanno visita a molti genitori. Spesso – almeno per me – la tensione è già tornata a casa e so benissimo quali discussioni, fastidi o conflitti aspettano a casa. Ma perché i nostri genitori ci danno così tanto sui nervi?

Costanza Bossmayr

Konstanz Bosmeyer è una psicologa della comunicazione di Amburgo.

© Saskia Gabel

Chiunque vada a casa dei genitori con lo stomaco gorgogliante non è ben preparato per la visita, afferma Costanza Bossmayer, psicologa della comunicazione ad Amburgo. “I bambini adulti diventano rapidamente nervosi perché sono sobri e aspettano che i loro genitori li trattino di nuovo come bambini”. Se il pensiero è già nella tua mente: “Visitare sarà sicuramente di nuovo davvero brutto perché mia madre parlerà sicuramente di nuovo del mio nuovo ragazzo”, non sorprende che chiamare diventi rapidamente scomodo.

Ritorno alla pubertà

Una spiegazione di questa reazione può essere trovata nella psicologia della comunicazione: si presume che tutti noi portiamo dentro di noi parti diverse, dette anche membri interni del team. “Ad esempio, un membro del team si è evoluto durante la pubertà per lottare per la propria autonomia e prendere le distanze dai genitori iperprotettivi. Se la madre fa il commento spaventoso, quel membro interiore del team potrebbe semplicemente tornare indietro e concentrarsi sul palco”. E così questa persona reagisce da adulto o da adulto nello stesso modo in cui avrebbe reagito dieci o vent’anni fa.

Il motivo: “Lasciamo la bacchetta in questa parte interiore e non ci rendiamo conto al momento di essere già adulti. Come Capo: Nel nostro team interno, chiamato Capo in Psicologia della Comunicazione, possiamo assumere un ruolo superiore. Da questo atteggiamento superiore, possiamo prendere buone decisioni su qualsiasi membro. Nella squadra è meglio mandarlo sul palco”.

Il bambino interiore reagisce al muco

Ma non è facile non lasciarsi rubare i nervi da un commento o dall’altro: che si tratti di eccitazione per una giacca troppo sottile, di insistere sul terzo pezzo di torta o di pulire le scarpe indesiderate. Probabilmente tutti possono ricordare una situazione del genere con i propri genitori.

Ad esempio, posso assicurarmi che mio padre mi spieghi come usare il microonde o mi critichi per non aver tagliato le verdure correttamente ogni volta che vado in cucina. Solo una voce di mio padre mi infastidisce subito e io rispondo bruscamente. Non c’è da stupirsi, spiega Konstanz Bussmayr: “Se ti tratti come un bambino di cinque anni, il piccolo prende il sopravvento, comportandosi in modo provocatorio o sgarbato”. Questo è il motivo per cui a volte non ci riconosciamo alle feste di famiglia, aggiunge Bossmayer.

Torniamo al vecchio esempio

Questo ritorno in famiglia non è privo di esso. Quando si visitano i genitori, spesso si verificano le stesse discussioni e gli stessi conflitti. Genitori e figli si intrufolano in vecchi ruoli, ma i ragazzi adulti sicuramente non vogliono tornare ai loro vecchi ruoli dall’infanzia e dall’età adulta. “I genitori saltano sulle vecchie parti che non consentono loro di rendersi conto che i loro figli sono scaduti da tempo”. Secondo lo psicologo, questo spesso non è inteso in modo negativo, ma spesso deriva da un motivo ben intenzionato e amorevole.

Ma anche i consigli ben intenzionati dei genitori possono portare a litigi. Ma se venisse da amici, non sarebbe affatto un problema: “Se un amico ci dice esattamente la stessa cosa dei nostri genitori, possiamo stare tranquilli perché ci incontriamo all’altezza degli occhi”. Nel caso dei genitori, invece, nasce un conflitto che ruota apparentemente attorno al contenuto di quanto detto. Ma reagiamo al messaggio a livello di relazione: ‘So cosa è bene per te! “Ma non vogliamo più essere trattati come bambini”, spiega lo psichiatra. Chi, come figlia di 32 anni, vuole sentire che le scarpe da ginnastica non sono adatte quando piove? Oppure, a 50 anni, far loro sapere quando tornerai dall’incontro con i vecchi compagni di scuola?

Il fatto che genitori e figli tornino rapidamente ai loro ruoli consolidati è come una reazione, afferma Konstanz Bosmayer. Il comportamento abusivo da parte dei genitori induce i figli adulti a lottare ripetutamente per la propria indipendenza. Ma se non vuoi essere subito arrabbiato per un commento sui vestiti, la decima spiegazione di lavori nel microonde o battute dei genitori non così divertenti, puoi dirlo a un membro del team che potrebbe reagire arrabbiato, arrabbiato o maleducato. Togli lo scettro dalla tua mano.

La serenità può ridurre i conflitti

“Invece di lasciare che un bambino interiore prenda immediatamente il controllo della fase interiore, può aiutarti a prenderti un momento per pensare e pensare a quale parte di noi dovrebbe interagire, quale parte di noi è arrabbiata, calma o allegra”. Può aiutarti prima a cambiare posizione ed espirare. Possibile risposta: “Mamma, così sia. Ho già 32 anni, so già cosa è bene per me”. Aiuta chiunque si comporti con la fiducia dei propri genitori a rendersi conto che la loro controparte è cresciuta da tempo. “Chi non torna ai vecchi schemi può ridisegnare il rapporto con i propri genitori”, spiega lo psicologo.

Un altro modo, ovviamente, potrebbe anche essere quello di entrare in conflitto quando i bambini adulti non vogliono tollerare determinati comportamenti dei loro genitori, afferma Konstanz Bosmayr. “La cosa importante è che non permettiamo ai membri del nostro team infantile di salire sul palco. Quando agiamo da una posizione di leader, possiamo decidere consapevolmente come vogliamo reagire”. Molto sicuro di sé, sicuro di sé, grande, forse anche amorevole a contatto con i genitori, dice lo psicologo.

READ  La splendida immagine dallo spazio mostra la formazione di un giovane pianeta