Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il primo mondiale di ciclismo in Italia: Van der Poel e tante scene sul gravel ride

Stato: 07.10.2022 12:24

Questo fine settimana si svolgeranno in Italia i primi Campionati Mondiali Gravelbike per ciclisti. I prodotti preferiti provengono dalla strada, ma ce ne sono anche alcuni specializzati in vera ghiaia.

Cosa dovresti fare come ciclista su strada se vuoi andare veloce, ma vuoi anche lasciare l’asfalto liscio e andare in fuoristrada nel mezzo? Esatto: puoi guidare una bici gravel, una combinazione di bici da strada e mountain bike.

L’industria ha sempre riconosciuto questa tendenza: il business delle macchine da corsa con pneumatici chiodati è in forte espansione. Questo fine settimana si svolgerà in Veneto il primo mondiale di questo tipo.

Favorit van der Poel – Multidisciplinare dai Paesi Bassi

Il favorito per gli uomini diretti al percorso di 194 km domenica è l’olandese Matteo van der Poel. Il giocatore poliedrico è stato recentemente annoverato tra i migliori ai Campionati Mondiali di Starßen in Australia. Ma che poi è sceso presto dalla bici dopo aver dovuto passare la notte prima della gara in custodia di polizia. Il confronto con gli adolescenti lo ha privato del sonno e di una buona preparazione.

Van der Poel è una persona poliedrica sulla bici, è già stato campione del mondo di ciclismo e campione europeo di mountain bike. È abbastanza ovvio che anche la bici gravel sembra costruita per lui.

Ci sono i soliti sospetti

Van der Poel si unirà a una forte squadra olandese composta da Niki Terpstra, Piotr Havic e Jasper Okelloen – i quali hanno tutti vinto almeno una gara nelle Gravel World Series di quest’anno – e il vincitore illimitato della ghiaia Ivar Slik.

READ  Voci vaghe dall'Italia: lo Schalke sta cercando di vincere Robin Goossens

La Gravel World Series è una serie di gare in undici parti su bici gravel, organizzata dall’UCI. Sebbene gli sport gravel siano in gran parte dominati dai soliti sospetti, in particolare dall’Olanda e dal Belgio, lo sport è particolarmente popolare negli Stati Uniti e in Australia.

tendenza negli Stati Uniti e in Australia

Non c’è dubbio che tra i candidati vada annoverato anche l’australiano Adam Blazevic, che quest’anno ha già vinto due gare UCI ed è salito sul podio per la terza volta. Alex Howes, recentemente ritiratosi dalla strada, è una figura chiave della squadra americana.

Altri ciclisti su strada con un talento speciale per questo tipo di terreno sono Peter Sagan della Slovacchia, Zdenek Stebar della Repubblica Ceca, Sasha Modulu e Daniel Os (Italia) e Greg van Avermaet del Belgio.

Paul Voss all’inizio – “Aspettatevi una gara tattica”

Dal punto di vista tedesco, l’esordio di Paul Voss è sicuramente molto emozionante. L’ex professionista di 36 anni inizia con corridori d’élite, anche se sarebbe idoneo anche a iniziare in una fascia di età (al contrario di una competizione meno aggressiva). “Non vedo l’ora di correre per oltre 190 km su una pista molto pianeggiante”, ha scritto Vos sul suo blog. “Molti grandi nomi del ciclismo su strada hanno già annunciato la loro partenza e sono dell’umore giusto per competere con questi corridori una volta ancora.” Dentro Pro Gravel.

Davanti, i corridori del paese vicino si aspettano: “I Paesi Bassi avranno sicuramente la squadra migliore con corridori come Niki Tersptra, Mathieu van der Poel e Ivar Slik. Di solito, i più forti vincono sempre nelle gare su ghiaia, ma posso immaginare che sarebbe diverso in Coppa il mondo perché le gare saranno probabilmente più tattiche”.

READ  Violenza sulle donne: ecco perché Dybala ha una linea rossa sulla guancia

La candidata francese Svenja Betz vuole partecipare

Tra le donne, che già sabato andranno alla 140 km, ci sono alcune prove che Pauline Ferrand-Privaux potrebbe diventare l’attrice principale. La francese insegue la sua quarta maglia iridata per il 2022 dopo i titoli mondiali di short track, cross-country e maratona di montagna.

Il più grande concorrente potrebbe essere Lauren de Crecenzo dagli Stati Uniti. L’americano è il vincitore delle ultime due edizioni della lunga ma non ufficiale Gravel Worlds a Lincoln, nel Nebraska, e ha ottenuto ottime prestazioni per tutta la stagione della ghiaia. Dal punto di vista tedesco, gli occhi saranno puntati su Svenja Betz. Un cambio di carriera che va in moto solo dal 2017. Il 27enne ha già vinto due gare nella Gravel Series.

Svenja Betz – Partenza in ritardo

Tutte le biciclette sono ammesse

A proposito, la maggior parte della guida in Veneto è su strade sterrate, ciottoli duri e ciottoli. Solo il 27 percento della strada è asfalto.

Il regolamento, allo stesso tempo, consente l’utilizzo di qualsiasi tipo di bicicletta – gravel, da strada, bicicletta o mountain bike – purché pesi almeno 6,8 kg e non ci siano restrizioni sulla larghezza degli pneumatici. Nelle aree di assistenza è consentito il cambio delle ruote, ma non è consentito il cambio della bici: i piloti devono terminare la gara con lo stesso pneumatico con cui sono partiti.