Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il permafrost si sta sciogliendo: lo Zugspitze ha perso il suo posto?

Il ghiaccio non si sta sciogliendo solo sulle calotte polari a causa del riscaldamento globale. Anche sullo Zugspitze, la montagna più alta della Germania, c’è del ghiaccio, il cosiddetto permafrost. Quando il ghiaccio eterno si scioglie, le rocce diventano instabili. Lo Zugspitze è diventato un pericolo per gli escursionisti e le persone che vivono ai piedi della montagna?

Indagini in montagna

Ricardo Scandroglio vuole conoscere le conseguenze del disgelo del permafrost a Zugspitze. Fa parte di un gruppo di ricerca dell’Università Tecnica di Monaco che da oltre 15 anni si occupa di ricerca scientifica sullo Zugspitze. Ghiaccio che si scioglie all’interno della grande montagna. Dall’ultima era glaciale, rocce, massi e pietre si sono tenuti insieme come colla a un’altitudine di circa 2.800 metri.

Per raggiungere il permafrost, lui e il suo team stanno aspettando un’escursione in salita. Il tuo primo obiettivo è Stazione di ricerca ambientale a Schneefernerhaus Appena sotto la cima dello Zugspitze. Fino ad allora, puoi ancora prendere la funivia.

Fabbrica nel cuore della montagna

Il Ridge Tunnel inizia a Schneefernerhaus a un’altitudine di circa 2.700 metri. Conduce dal lato sud dello Zugspitze attraverso la montagna al suo lato nord. All’inizio il tunnel è ancora illuminato. Scandroglio dà le ultime istruzioni prima che la sua squadra si diriga verso la montagna oscura. Sul lato sud, dice, è ancora divertente. Ma ad ogni passo diventa un po’ più freddo. Il campo di misura si trova dietro il lato nord della montagna più alta della Germania. Questa ombrosa parete rocciosa è già ricoperta di neve e ghiaccio in autunno.

Scandroglio spiega che il permafrost è fortemente dipendente dal sito. Dovrebbe essere in zone d’ombra. Quindi per lo più dietro le ripide pareti settentrionali che in inverno rimangono senza neve. Ciò consente al freddo invernale di entrare nelle rocce. Quindi il nucleo della roccia può rimanere congelato.

READ  Verdure verdi contro COVID-19 e virus del raffreddore?: www.kinderaerzte-im-netz.de

Un mondo nascosto di cristalli di ghiaccio

Per trovare il permafrost, la squadra deve andare oltre la montagna. fisso faticoso. Sta diventando sempre più stretto. Ora solo i loro fari mostrano loro la strada. Senza questa luce sarebbe buio pesto qui. Nessun suono penetra dal mondo esterno. Dopo circa 15 minuti dall’imbarco, era finalmente giunto il momento. Un affascinante mondo di cristalli di ghiaccio si estende davanti ai ricercatori. Ora sei nel mezzo del permafrost. Tutto intorno è congelato. Terra, muri, rocce – ghiaccio ovunque. D’ora in poi continua solo a quattro zampe. Sensori di temperatura bloccati nelle pareti rocciose. I ricercatori l’hanno installato 15 anni fa. Da allora, la temperatura della montagna è stata costantemente misurata.

Riccardo Scandroglio scarica subito i suoi strumenti e inizia con le prime misurazioni. I risultati lo preoccupano. Dice che le temperature stanno aumentando. Attualmente sono quasi 0 gradi. Si può vedere ad occhio nudo che gocciola un po’ dalle pareti. Non è un buon segno.

La montagna perde cemento

Si può vedere una chiara tendenza. Negli ultimi anni, le temperature sono aumentate costantemente di circa 0,1 gradi all’anno, spiega il ricercatore 33enne. Ciò significa, secondo Scandroglio, che tra dieci anni la temperatura qui nel tunnel di ghiaccio sarà di un grado più alta. Ciò significa che questa zona di permafrost sta per scongelarsi. Il mondo dubita che non sarà permanentemente congelato qui sulla montagna per i prossimi dieci anni.

Ma il ghiaccio ha una funzione importante. Tiene insieme rocce, massi e pietre come la colla. Se il permafrost si scioglie, la montagna perde stabilità. Gli effetti potrebbero essere evidenti in Svizzera nell’estate del 2017. Una parete rocciosa Rompere con il Piz Cengalo E cadde a valle. Otto persone hanno perso la vita. Fango e rocce sono stati spazzati via dalla valanga, la cittadina di Bondo nei Grigioni. Nessuno può fermare queste folle. Anche la vetta più alta delle Alpi, il Monte Bianco, sta perdendo piede. Centinaia di frane e frane si verificano lì – ogni anno.

READ  Malattia cronica con la più alta mortalità: la pratica della guarigione

L’aumento della temperatura in montagna è una bomba a orologeria

Il cambiamento nelle alte Alpi d’Europa è anche un problema che sta causando sempre più problemi al Club Alpino Tedesco (DAV). Tobias Heep è l’esperto di permafrost di DAV. Soprattutto, è preoccupato per la sicurezza degli scalatori. Dice che lo scongelamento del permafrost è uno Una bomba a orologeria in alta montagna. La strada normale per il Monte Bianco, ad esempio, è molto pericolosa in estate e difficilmente percorribile. Teme che le fondamenta di rifugi, funivie e stazioni a monte diventino instabili. Furono costruiti in un’epoca in cui la terra era ancora permanentemente congelata. Ora il pavimento inizia a stabilizzarsi e a muoversi. prendi questo Le ripercussioni dell’insediamento di alcuni rifugi del Club Alpino Tedesco.

Quanto è stabile lo Zugspitze?

Per scoprire quanto fosse stabile lo Zugspitze, Riccardo Scandroglio e il suo team hanno inviato scariche elettriche nelle rocce dello Zugspitze. Queste onde elettriche consentono loro di misurare se le rocce all’interno della montagna sono ghiacciate. Perché la neve e l’acqua hanno resistenze diverse. I ricercatori si trovano sempre più di fronte all’acqua piuttosto che al ghiaccio. È chiaro che il permafrost si sta sciogliendo. Se 15 anni fa la massima diffusione della lente del permafrost era di 70 metri, ora la sua larghezza non supera i 50 metri.

Non c’è pericolo per la popolazione

Grazie al lavoro degli scienziati, lo Zugspitze è una delle montagne meglio monitorate della Baviera. A loro avviso, non vi è alcun pericolo significativo, a differenza di altre regioni delle Alpi. Scandroglio dice che gli effetti in Baviera sono molto piccoli. Lo scienziato dell’Università tecnica di Monaco è rassicurato, perché solo l’area interessata nello Zugspitze è piccola, quindi nessun grosso grumo si muoverà. Pertanto, le città della valle situate ai piedi del fiume Zugspitze non sono in pericolo. Anche se gli scienziati ne sono sicuri: lo scioglimento del permafrost nel cuore della montagna non può più essere fermato. In pochi anni la loro gengiva interiore sarà sparita.

READ  Contea di Dillingen: Corona Update: il tasso di infezione continua a diminuire nella contea di Dillingen