Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il Papa chiede “solidarietà strutturale” per le giovani famiglie DOMRADIO.DE

Di fronte al drammatico calo dei tassi di natalità in Italia, Papa Francesco ha chiesto un sostegno più strutturale per le giovani coppie e le famiglie. In confronto, ogni anno in Italia scompare una città di 200.000 abitanti.

“Parliamo spesso di sostenibilità economica, tecnologica e ambientale. Ma dobbiamo anche parlare di sostenibilità generazionale”, ha detto venerdì il capo della chiesa in una cerimonia a Roma. C’è un “bisogno urgente di fornire garanzie ai giovani per ottenere un impiego sufficientemente stabile, sicurezza per le loro case e incentivi a non lasciare il Paese”.

All’Assemblea generale sul tasso di natalità ha partecipato anche il premier Mario Draghi. Rappresentanti di autorità, banche, aziende, assicurazioni, media e sport hanno discusso dell ‘”inverno demografico” che l’Italia sta soffrendo in modo particolare. Il paese ha uno dei tassi di natalità più bassi in Europa da diversi anni. Come se “ogni anno scompaia una città di oltre 200.000 persone”, si lamenta Francesco.

Aumentare l’invecchiamento della società

Secondo l’ISTAT, il tasso di natalità in Italia per 1.000 abitanti è sceso da 21,3 a 7,3 tra il 1946 e il 2020. Se l’anno scorso in Italia sono nati 404.000, il numero massimo dovrebbe raggiungere i 393.000 quest’anno, secondo un direttore dell’Istat Gian Carlo Blagniardo.

Secondo l’esperto, il crescente invecchiamento della società mette sotto pressione i sistemi sociali. Secondo la statistica, il numero di persone di età superiore ai 90 anni è quadruplicato dal 1992. Mentre il numero di pensionati di età superiore ai 65 anni è aumentato di 1,7 milioni durante questo periodo, il numero di persone ammissibili all’occupazione è diminuito di 1,4 milioni.

READ  Angelo Kelly: La sua idea era la testa pelata - gente

Dopo tutto, ha proseguito il Papa, il governo di Roma ora stava fornendo un’indennità generale una tantum per ogni bambino. Questo, se bastasse, potrebbe essere solo l’inizio di riforme sociali per “mettere al centro i bambini e le famiglie”. Secondo il Papa, questa “solidarietà strutturale” dovrebbe andare oltre l’individuo e riguardare non solo la famiglia ma anche la scuola.

L’epidemia ha peggiorato la situazione per le famiglie

L’epidemia ha peggiorato la situazione per le famiglie. Il capo della chiesa ha detto: “Quante famiglie hanno dovuto fare gli straordinari in questi mesi, dividendo la loro casa tra lavoro e scuola, dove i genitori lavorano come insegnanti, tecnici informatici, operai e psicologi”.

Dovrebbe essere chiaro a tutte le persone coinvolte – dalle autorità alle aziende allo sport e all’intrattenimento – che i bambini sono prima di tutto un dono e dovrebbero essere trattati di conseguenza. Nuovi inizi reali e originali sono possibili solo con i giovani.

Per le imprese e per la società è un peccato che “le donne lavoratrici che rimangono incinte a volte si sentano timide e nascondono lo stomaco”. In tal modo, hanno presentato “il regalo più bello che la vita possa dare”.

Secondo il Papa, c’è bisogno di un linguaggio “adatto alle famiglie” nei media in modo che non solo si prendano cura dei bambini, ma che possano crescere bene, poiché “si parla degli altri con rispetto e sensibilità come se erano i propri parenti. ” .

La conferenza di mezza giornata è stata organizzata dal “Forum Associazioni Familiari” italiano.