Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il morbo di Alzheimer sottovalutato come condizione preesistente – science.ORF.at

Malattie precedenti – cioè malattie che erano già presenti prima dell’infezione con il Corona virus – indeboliscono il sistema immunitario e aumentano la possibilità di infezione. Dall’inizio della pandemia di coronavirus, diverse malattie sono state più volte associate a un decorso acuto di Covid-19, in cui i pazienti vengono ventilati e ricoverati in terapia intensiva.

Qual è la malattia preesistente associata alla quale il rischio non è stato ancora adeguatamente valutato, secondo lo studio, ora disponibile Nella rivista “Metodi e protocolli di biologia” è stato pubblicato. Il morbo di Alzheimer è in cima alla lista dei rischi degli autori dello studio. Tra le cinque malattie che hanno maggiori probabilità di sviluppare un decorso grave di Covid 19, ci sono altre tre forme di demenza, oltre all’ipertensione.

Principali difetti dei modelli precedenti

Valutare il rischio di mortalità da condizioni preesistenti è impegnativo, il team di ricerca guidato da Heather M. Campbell riconosce Istituto di Farmacia dell’Università del New Mexico ad Albuquerque. Tuttavia, vede “carenze significative” nei precedenti modelli matematici utilizzati per stimare il rischio di mortalità. Ad esempio, le “malattie simili” sono spesso raggruppate insieme anche se il decorso del Covid-19 può essere molto diverso. E le malattie rare non ricevono molta attenzione.

Per il loro modello diagnostico, i ricercatori hanno utilizzato i dati sanitari del Dipartimento per gli affari dei veterani del governo degli Stati Uniti. Questo è responsabile dei benefici per i veterani, le loro famiglie e i sopravvissuti. A causa della grande quantità di dati, è lo studio più completo fino ad oggi sui rischi di mortalità per i pazienti Covid-19, secondo il team di ricerca.

READ  7 segni che il tuo appuntamento è dentro di te

Dati da quasi 25 anni

A partire dal 1997, le diagnosi sono state utilizzate dal momento in cui una persona ha cercato per la prima volta un trattamento medico, fino a 14 giorni prima di un test positivo per il coronavirus. I ricercatori hanno confrontato il decorso della malattia in un totale di 347.220 pazienti affetti da Covid-19 trattati presso le strutture per i veterani dell’autorità fino a settembre 2021. Sulla base di un’indagine sistematica di tutte le malattie precedenti, il team ha generato una probabilità prevista di morte che indica il rischio complessivo dovuto a malattie precedenti.

I ricercatori lo hanno scoperto Malattie neurologiche Come il morbo di Alzheimer e altre forme di demenza aumentano il rischio di sviluppare un decorso grave del Covid-19 molto più di quanto si pensasse. Lo studio afferma che, poiché i medici di solito non associano queste malattie a problemi respiratori e un sistema immunitario indebolito, non sono state catturate dai tradizionali modelli di valutazione del rischio.