Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il mito della bici da corsa in Italia: la terra promessa delle corse – Viaggi

Sulle colline a sud del lago Maguire, in una curva della strada, si trova un santuario speciale. Una manovella di bicicletta con due catene è incastonata in una pietra arenaria tagliata grossolanamente su una parete. Naturalmente, sebbene ciò non sia garantito, è la manovella del produttore italiano Compaqnolo. Nient’altro è santità, calunnia, santità! Se qualcuno dal Giappone ha l’idea di avvitare parti sulla loro bici da corsa dalla loro Pinerallo, Bianchi, Colnaco, Villiers o dall’Italia, la prova della bici da corsa sarà bruciata al verdetto.

Questo arco si trova sulla SP62 via Guglielmo Marconi vicino a Princio nel nord Italia. A sinistra e a destra della pedivella, sono fissate al muro di pietra delle piastre metalliche con i nomi di corridori e ciclisti. Sono i nomi dei pellegrini meritevoli dell’asfalto. Vicino ad essa è stata costruita una chiesa, e un cartello spiega che siete arrivati ​​alla Madonnina dei ciclisti, la “Madonna de Sigilisti”.

L’Italia può essere la patria della religione cattolica, ma c’è almeno una religione nel paese: la bici da corsa e i suoi piloti sono venerati con entusiasmo.

Vicino al Lago di Como a Macraglio, c’è una chiesa di pellegrinaggio dedicata alla Madonna del Gisello, dedicata ai ciclisti.

Foto: Alexandre Rottenberg / Mauritius Pictures / Alami

Se una piccola chiesa ai margini di una strada di campagna non è una prova sufficiente per un’affermazione così grande, puoi dirigerti a est, certamente 67,4 chilometri, verso il Lago di Como e chiedere il permesso alla Basilica di San Pietro sul Ciclo del Magrelio: un santuario dedicato alla Madonna del Gisello. Questa Madonna è stata realizzata nel 1948 da Papa Pio XII. Ufficialmente chiamato come l’ospite dei ciclisti. Macraglio, spesso meta delle postazioni di Zero de Italia, si è da allora trasformata in un luogo di pellegrinaggio per ciclisti. Caffè Fasto, Gino Bardali, Francesco Moser, Marco Fantani, Mario Cipolini e altri santi dell’industria italiana delle bici da corsa hanno donato biciclette, maglie, trofei, trofei e altri oggetti devozionali, che simboleggiano la chiesa e l’annesso museo d’Italia. Mito della bicicletta.

C’è una melodia nei nomi dei produttori e le cornici hanno un aspetto speciale

La Chiesa, il Papa, gli eroi dei decenni, le grandi vittorie, le belle biciclette, che rendono così attraente il ciclismo su strada in Italia. “La luce speciale delle bici italiane è fornita dalla storia e dal patrimonio dietro di loro”, afferma il conduttore Watzl, che organizza “In Velo Veridas” presso il Waynewertel austriaco, un evento ciclistico in cui sono ammessi solo i classici telai in acciaio. Italia

“Naturalmente, anche altri paesi hanno una migliore tradizione ciclistica”, afferma Oliver Schwarzschல்l, che gestisce l’hotel per biciclette “Eddie Wall Attack” a Norimberga, dove vende biciclette da corsa classiche, nuovi modelli Villier e parti compagno. Certo, la Francia ha il Tour de France e un tempo c’erano molti produttori famosi. Decenni fa, la Gran Bretagna era il centro dell’industria ciclistica internazionale. Nessun paese ha più appassionati di ciclismo del Belgio. C’è anche una lunga tradizione di ciclismo in Germania, dove il pioniere è stato finalmente scoperto. “Ma non c’è niente di simile in altri paesi”, afferma Horst Wattsl. L’Italia è diversa, Zero, moto, statistiche, motociclisti ricreativi.

“È una cosa totalmente emotiva”, inizia con nomi che evocano qualcosa in te. “Cinelli ha molta melodia, ad esempio: Calcoff. Ha molto a che fare con l’estetica”, afferma Robert Wolf, che lavora nel settore immobiliare a Vienna, ma ha un interesse speciale per le bici da corsa con una luce italiana. I telai e tutte le bici, classiche e moderne, hanno un look particolare, per ragioni quasi incomprensibili, sono più belle delle bici di altre origini. Difficile dirlo.

Gino Bardali (a sinistra) e Fosto Copi (entrambi italiani) Giro d'Italia 1940 nella 17° puntata di Beavis de Cado

I primi santi delle corse italiane: Gino Bartali (a sinistra) e Fosto Copi Giro de Italia salirono la 17a tappa nel 1940 da Beav de Cador a RTC a Paso Cella.

(Foto: Siroti / Immagini Imago)

Marchi come Bianchi sono già noti per i propri colori: Bianchi non è solo verde, è anche chiamato Celeste, che delizia i conducenti e li fa dialogare tra loro con leggende sull’origine di queste verniciature. Se sei fuori al pianoforte, questo vecchio splendore svanisce un po’. “Con una bici come questa puoi comprare un po’ di pietà”, dice Schwarzenegger. Magari paragonatela alle auto: Ferrari, Maserati o Alfa-Romeo deliziano gli appassionati delle quattro ruote. Anche qui si può sostenere che le auto di altri paesi non sono certo male, e forse il contrario. Ma non hanno quella lucentezza speciale, quel rosso Ferrari, quello stile speciale; Manca qualcosa, un po’ di anima, un po’ di glamour – come ho detto, è una cosa totalmente emotiva.

“Ma bisogna dire che i produttori di biciclette italiani sono da tempo leader assoluti in termini di tecnologia”, afferma Robert Wolf. Durante una gara nel 1927, Tulio Combacnolo scoprì lo sgancio rapido di una bufera di neve che non riusciva a sbrogliare i dadi della sua ruota posteriore con le dita artigliate. A sostegno del bricolage ad alte prestazioni abbandonò il gioco competitivo, fondò l’azienda da lui nominata e avanzò sulle due ruote. L’azienda produceva ingranaggi, freni e altri componenti. I fan Campagnolo vivono spesso di una fedeltà al marchio frenetica, irresistibile anche nel mondo delle cose brutte e delle bici da corsa determinate dal marchio.

A questi ciclisti vestiti piace davvero il basso?

Ci sono autisti italiani, compresi i guidatori ricreativi. “Vecchi cavalli da guerra sempre perfettamente progettati, gel per capelli, oliato per le gambe rasate, la bici è stata pulita in modo impeccabile”, afferma Robert Wolf. Sembra spesso che questi ciclisti adeguatamente vestiti li portino a un evento sociale piuttosto che a un basso. È un cliché, ma i cliché spesso si applicano: i ciclisti italiani mostrano stile e grazia, e i ciclisti si fanno strada a nord delle Alpi anche se indossano la stessa biancheria intima funzionale e siedono sulla stessa bici. “Non ho mai visto un dirt center su una bici da corsa in Italia”, dice Wolf. I credenti sono ovunque, ma in alcuni luoghi le messe sono celebrate con molto sfarzo, splendore e gloria.

Eppure la comunità ciclistica potrebbe perdere parte del suo fascino nella terra in cui il ciclismo è promesso. La maggior parte dei principali produttori italiani ha da tempo sviluppato i propri telai in Asia. I componenti Shimano sono attualmente installati a Pinerelos, attraverso i quali i professionisti guidano Zero o Tour. I giovani motociclisti dell’intrattenimento, secondo Robert Wolf, acquistano sempre più marchi americani come Specialite o Trek. Compaqnolo ha perso un po’ di sviluppo tecnologico e ha superato solo altre aziende nel prezzo. E le tendenze della moda delle bici da corsa, guidate da marchi come Rafa dalla Gran Bretagna, che si allontanano dalla colorata maglia pubblicitaria del pilastro al fumetto semplice per disabili.

Ma poiché è un mondo globalizzato, sarà sempre piccolo. Lo scooter Yamaha compete con la Vespa e ha un buon espresso anche in altri paesi. Tradotto in bici da corsa: i ciclisti perbene ora pedalano in altri paesi, e le loro bici stanno prendendo piede anche nel cuore degli italiani. Ma questi sono tutti motivi in ​​più per vivere la storia e celebrare la leggenda nel tour in bici da strada attraverso l’Italia. I monaci della bici da corsa tengono al sicuro le gambe sacralmente rasate per i pellegrini. Perché la loro luce continua a non corrispondere.

READ  Pensieri del momento: come vede l'Italia la Germania? | NDR.de - Cultura - Trasmissione