Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il dramma spagnolo “Alcarràs” vince l’Orso d’Oro alla Berlinale – Südtirol News

Sorprendentemente, il dramma italo-spagnolo “Alcarràs”, diretto da Carla Simon, è il vincitore della 72a Berlinale. L’opera, che ruota attorno a una famiglia di contadini che temono per la propria fattoria, che sarà sostituita da un sistema solare, è stata premiata con l’Orso d’oro per il miglior film al concorso serale tenutosi alla Berlinale-Palast.

Nel suo discorso di accettazione, la regista 36enne Simone ha dimostrato di essere una fedele sostenitrice del festival: “Mi sento come una bambina alla Berlinale. Forse dovrei trasferirmi qui”. La produzione austriaca in concorso, “Rimini” di Ulrich Seidl, è andata a vuoto in serata.

La francese Claire Denis con un orso d’argento è stata premiata come miglior regista alla Berlinale Palast per il film drammatico “Avec amour et acharnement” per il triangolo amoroso. Ha detto umilmente che dirigere con una band che include grandi come Juliette Binoche o Vincent Lyndon è facile.

L’Orso d’argento per la migliore recitazione è andato all’artista di cabaret tedesco Meltem Captan per il suo ruolo da protagonista nel dramma sulla libertà di Andreas Driessen “Kornaz Spring vs. George W. Bush”. La 41enne ha ringraziato in privato il suo manager: “Grazie per avermi portato in questo viaggio. Sei la migliore guida turistica che si possa immaginare”. Driessen ha anche vinto l’Orso d’argento per la migliore sceneggiatura (Lily Stiller).

L’Orso d’argento per il miglior ruolo non protagonista è stato assegnato a Laura Basuki nel film drammatico indonesiano Nana, diretto da Camila Andini. L’Orso d’argento del Gran Premio della Giuria è andato invece alla Corea del Sud. Il veterano Hong Sangsoo è stato premiato per il suo lavoro “So-seol-ga-ui yeong-hwa” (lungometraggio) e ha accettato il premio indossando un cappotto invernale. “Continuerò a fare quello che ho fatto”, ha promesso il 61enne. Il premio della giuria del concorso è andato alla regista messicano-boliviana Natalia Lopez Gallardo per il suo misterioso lavoro, Robe of Gems.

READ  14 lauree austriache riconosciute in Italia con agosto - Südtirol News

Ma anche se non ci fossero premi per le produzioni austriache in concorso, il cinema rossonero di Berlino non è stato vano. All’inizio della serata, la regista emergente Cordwin Ayoub, che ha presentato il suo primo lavoro “Sonne” su tre giovani donne viennesi nella categoria “Incontri”, è stata entusiasta di ricevere occasionalmente il trofeo per la migliore prima. Film. Il premio, assegnato nella misura di 50.000 euro, dall’Associazione per la percezione dei diritti cinematografici e televisivi (GWFF) è andato al regista, che classe 1990, non mi dà soldi. Ma penso che l’Austria sia comunque fantastica”.

E nella sezione Incontri è riuscita a festeggiare anche la regista austriaca Ruth Beckermann. La regista settantenne ha vinto il miglior film nella categoria esteticamente audace con il suo progetto documentario “MUTZENBACHER”, in cui parla a 75 uomini delle loro vite sessuali, basato sul patetico romanzo. con lo stesso nome. È molto inaspettato per me”, ha detto Beckerman.

“I due premi presentati a Berlino rappresentano un enorme successo per il cinema austriaco e per la sua reputazione mondiale. La Berlinale, come uno dei festival cinematografici più importanti, è anche una piattaforma forte dal punto di vista della Berlinale”, ha affermato il Ministro di Stato per la Cultura Andrea Mayer (Greenz) Considerazione sullo sfruttamento – I premi promettono grande interesse da parte del pubblico e carriere di maggior successo nei festival.

“Per un direttore di festival, ogni film è come un bambino”, ha detto il direttore artistico della Berlinale Carlo Chatrian, a Berlino, elogiando tutte le 256 opere dell’edizione di quest’anno. Il loro spettacolo è iniziato il 10 febbraio con l’apertura della 72a Berlinale secondo le rigide norme igieniche del coronavirus. Sono state intraprese azioni. Ci sono state piccole battute d’arresto, ad esempio quando l’attrice francese Isabelle Huppert non è stata in grado di recarsi a Berlino per presentare un premio onorario dell’Orso d’Oro in pochissimo tempo martedì perché la 68enne era risultata positiva al coronavirus.

READ  "Balliamo": il moderatore Daniel Hartwich seriamente - "Ascolta"

Nel complesso, il concetto di occupazione delle sale al 50 per cento, l’impegno per i test quotidiani per il pubblico specializzato e l’abbreviazione del festival a sei giorni si sono rivelati vincenti. Dopo la cerimonia di premiazione odierna, il Festival della Berlinale ora prosegue al pubblico, che potrà visionare le opere del catalogo in programma fino al 20 febbraio.

(Servizio – www.berlinale.de)

Da: apa