Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il dittatore della Corea del Nord si è trasformato – Kim improvvisamente debole – Politica all’estero

Quando Kim Jong Un ha preso il potere in Corea del Nord dieci anni fa, era considerato una tabula rasa. Non è più così, anzi.

Kim sta ora lavorando a un nuovo piano decennale. È appena iniziata nella capitale Pyongyang l’importante riunione plenaria del Comitato centrale del Partito dei lavoratori al governo. I governanti nordcoreani si sono presentati più magri di quanto non fossero alcuni mesi fa, ma continuano a mantenere segreta la loro agenda. Il mondo guarda a Pyongyang…


2011: Kim Jong-un (davanti a sinistra) saluta accanto al cadavere con i resti del padre defunto e leader nordcoreano Kim Jong-il durante un corteo funebre a PyongyangFoto: non accreditato / dpa

La verità è: anche dopo dieci anni al potere, il dittatore di Pyongyang è difficile da capire come persona e statista all’estero.

Nella sua carriera di propaganda, al sovrano piace essere amichevole e vicino alle persone, ma in realtà Kim è considerato un freddo tiranno di un paese il cui controllo e le cui rappresaglie si estendono a tutte le sfere della vita dei cittadini.

Nonostante le severe sanzioni internazionali che da anni ostacolano lo sviluppo economico del suo Paese, Kim si attiene a un programma di armi nucleari.

Il padre di Kim Jong-u, Kim Jong-il, è morto il 17 dicembre 2011 a causa di un attacco di cuore. Con ciò suo figlio ha già preso in mano gli affari di stato. Tuttavia, è stato solo dopo un periodo di lutto di 13 giorni che il “Capo Supremo del nostro partito, dell’esercito e del popolo” è stato dichiarato ufficialmente. Gli furono concessi gli stessi poteri dittatoriali di suo padre e suo nonno Kim Il Sung.


QUI KIM ERA ANCORA DICKtator - FOTO DEL 2017

QUI KIM ERA ANCORA DICKtator – FOTO DEL 2017Foto: dpa

Il percorso di Kim verso il potere

Gli osservatori hanno descritto ciò che seguì come una fase di consolidamento del potere. Kim ottenne questo attraverso epurazioni politiche, in cui caddero vittime diversi funzionari di alto rango, tra cui suo zio Jang Song-thaek.

Quando Kim prese il potere nello stato totalitario, non aveva ancora trent’anni. I paesi vicini erano preoccupati all’epoca che una fase di instabilità sarebbe seguita nella Corea del Nord governata dallo stalinista. Kim Jong-un era in gran parte sconosciuto anche nella vicina Corea del Sud e i suoi obiettivi politici non erano chiari.

In patria, l’inesauribile macchina della propaganda di stato subito dopo la presa del potere lo definì un “genio dei geni” – che doveva soprattutto diffidare dei suoi connazionali.

La Corea del Nord ha celebrato il decimo anniversario della morte di Kim Jong Il supplicando residenti e soldati di rimanere completamente fedeli al figlio.


Kim è sembrata più magra ultimamente di prima

Kim è sembrata più magra ultimamente di primaFoto: Agenzia di stampa centrale coreana via KNS / dpa

‘L’onere principale deve essere sopportato dalla popolazione’

Ma per ora, Kim, che di recente è sembrata più magra, è vista in una fase di giudizio particolarmente critica. Oltre alle sanzioni, la Corea del Nord è stata duramente colpita dalle ricadute della pandemia di Corona.

Il Paese, già isolato, ha chiuso anticipatamente i suoi confini a causa dell’epidemia, che ha avuto un forte impatto sul commercio con la Cina. Kim non è stato in grado di raggiungere i suoi obiettivi economici. Questo potrebbe minare la sua autorità, ritengono gli osservatori.

Il legislatore sudcoreano Ji Seung-ho, che è fuggito dalla Corea del Nord, ha affermato che i prezzi sono aumentati nel mercato locale. “L’onere principale deve essere sopportato dalla popolazione”. In ogni caso, “l’opposizione a Kim tra i giovani nordcoreani è maggiore oggi, era ai tempi di Kim Jong Il.


Kim Jong Un (al centro) parla con i leader militari a una mostra ICBM nordcoreana

Kim Jong Un (al centro) parla con i leader militari a una mostra ICBM nordcoreanaFoto: AP

► In tutte le sue azioni, le armi nucleari del paese hanno svolto un ruolo importante nello sviluppo del potere di Kim fin dall’inizio. L’ex negoziatore nucleare sudcoreano Lee Do-hoon afferma che il padre di Kim aveva una “posizione ambigua” riguardo al programma nucleare. Kim Jong-un, d’altra parte, “subito dopo aver preso il potere, ha guidato la strada verso uno sviluppo nucleare attivo”.

Quattro dei sei test nucleari della Corea del Nord fino ad oggi sono stati condotti sotto il comando di Kim Jong Un, il più grande fino ad oggi e l’ultimo nel settembre 2017. Ha anche incoraggiato lo sviluppo di missili balistici, che si basano sul loro design. Può anche trasportare testate nucleari.


Nordcoreani alle statue di bronzo di Kim Il Sung (a sinistra) e Kim Jong Il (a destra) a Pyongyang

Nordcoreani alle statue di bronzo di Kim Il Sung (a sinistra) e Kim Jong Il (a destra) a PyongyangFoto: Cha Song Ho / AP

sfondo: Il programma nucleare è visto come una minaccia in gran parte del mondo. Per gli Usa, che Pyongyang accusa di politiche ostili, è una sfida diretta. Le minacce di Kim contro gli Stati Uniti, così come la sua diplomazia nei confronti di Washington, compresi i suoi tre incontri mediatici con l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump tra giugno 2018 e giugno. Il 2019 lo ha portato sulla scena politica globale. Alla fine, rimasero entrambi a mani vuote.


Scena di strada dalla capitale, Pyongyang: pedoni che corrono sul ghiaccio

Scena di strada dalla capitale, Pyongyang: pedoni che corrono sul ghiaccioFoto: Kim Won Jin/AFP

Obiettivi della politica militare di Kim Jong-na

Se Kim vede le armi nucleari come una garanzia della sopravvivenza politica della sua amministrazione, perché è coinvolto nei colloqui con Trump sulla “denuclearizzazione”? Le sanzioni, afferma Lee, hanno avuto conseguenze sempre più evidenti per l’economia. “Lui (Kim) aveva bisogno di un po’ di relax economico.” Ma Trump non voleva sollievo dalle sanzioni o aiuti economici fino a quando Kim non avesse fatto grandi concessioni sulla denuclearizzazione.


Dimostrazione di forza: camion che trasportano missili a una parata militare

Dimostrazione di forza: camion che trasportano missili a una parata militare Foto: AP

Per l’ex diplomatico tedesco Thomas Schaefer, l’allentamento delle sanzioni alla Corea del Nord gioca un ruolo un po’ secondario. “Con la Corea del Nord, bisogna iniziare con obiettivi a lungo termine, e gli obiettivi sono stati obiettivi militari e politici per diversi anni, in realtà da quando Kim Jong-un è entrato in carica”, afferma l’ex ambasciatore tedesco a Pyongyang. Ciò include la fine delle esercitazioni congiunte tra Stati Uniti e Corea del Sud “e quindi il ritiro delle forze americane come un passo più grande”.

Secondo Schafer, Kim non è il sovrano assoluto del Paese. Non prende decisioni da solo. Quando la politica “militare prima” di Kim Jong Il ha seguito la cosiddetta linea “Byeongjin” sotto Kim Jong Un nel 2013, c’era la speranza che la Corea del Nord potesse utilizzare più risorse per l’economia. La linea rappresenta lo sviluppo parallelo dell’energia nucleare e dell’economia. “Il nome era propaganda”, dice Schaefer.

Lo slogan aveva lo scopo di nascondere “che la politica dell’esercito è diventata prima la politica dell’esercito”.

READ  Putin minaccia "disastro": in Germania inizia il calvario