Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il buco nero è nello spettro completo

(Foto: EHT Multi-Wavelength Scientific Working Group; EHT Collaboration; ALMA (ESO / NAOJ / NRAO); EVN; EAVN Collaboration; VLBA (NRAO); GMVA; Hubble Space Telescope, Nell Gerells Swift Observatory; Chandra X-ray Observatory; Matrix Nuclear Spectroscopy Telescope; Fermi-LAT Cooperation; HESS Cooperation; MAGIC Cooperation; VERITAS Cooperation; NASA and ESA)

Gli astronomi hanno ora registrato il buco nero M87 *, diventato famoso per la sua immagine nel 2019, per la prima volta in tutte le aree dello spettro elettromagnetico. Qui puoi vedere tre di queste foto.

Il buco nero al centro della galassia M87, a 55 milioni di anni luce di distanza, è forse il più famoso del suo genere. Nell’aprile 2019 gli astronomi hanno presentato la sua immagine come prima immagine di un buco nero. Registrato con il Global Event Horizon Telescope Network. Ha mostrato il brillante anello di luce della materia in orbita attorno all’orizzonte degli eventi e nel mezzo dell’ombra scura del buco nero di 6,5 milioni di masse solari.

Ora gli astronomi della Event Horizon Collaboration, insieme a partner in 32 paesi e 19 osservatori, hanno compiuto il passo successivo: per la prima volta hanno mappato completamente il buco nero M87 * e il suo getto composto da particelle ad alta energia e radiazioni gamma dello spettro elettromagnetico. È la più grande campagna di sorveglianza simultanea mai condotta su un buco nero supermassiccio utilizzando aerei.

“Sapevamo che la prima immagine diretta del buco nero sarebbe stata pionieristica”, afferma Kazuhiro Hada dell’Osservatorio Astronomico Nazionale in Giappone. “Ma per ottenere il massimo da questa meravigliosa immagine, abbiamo bisogno di sapere tutto sul comportamento del buco nero in quel momento, effettuando osservazioni su tutto lo spettro elettromagnetico”.

I primi dati multifrequenza su un gigante gravitazionale di questo tipo forniscono una visione senza precedenti delle caratteristiche e dei meccanismi attorno a un buco nero. “Questo set di dati unico è essenziale per la nostra comprensione delle condizioni fisiche nelle immediate vicinanze di uno dei più grandi buchi neri del nostro vicinato cosmico”, afferma Stephanie Comosa del Max Planck Institute for Radio Astronomy di Bonn.

READ  WhatsApp: migliori alternative di messaggistica - CHIP

La conoscenza acquisita da queste registrazioni potrebbe anche aiutare a sottoporre la teoria della relatività generale di Albert Einstein a test più precisi. Inoltre, gli astronomi sperano di ottenere maggiori informazioni sull’origine e sui meccanismi di formazione della radiazione cosmica ad alta energia, perché è probabile che si formi anche vicino ai buchi neri.