Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Idee per ora: come vede l’Italia la Germania? | NDR.de – Cultura – Trasmissioni

Da: 07/08/2021 6:00 AM

Come vedono la Germania le persone di altri paesi nel 2021? Il primo episodio della serie Summer Ideas è attualmente sulla vista dall’Italia. Articolo del giornalista dell’ARD Jörg Sesselberg.

di Jörg Sesselberg

Sebastian Vettel, Rammstein, Herta Muller. Pilota di auto da corsa e band metal rock vincitore del Premio Nobel per la Letteratura. Questi sono tre dei tedeschi più famosi in Italia. Almeno secondo un sondaggio rappresentativo nell’ambito di uno studio recentemente pubblicato dalla Friedrich-Ebert-Stiftung sui rapporti italo-tedeschi. Sport, musica e cultura: gli italiani possono fare i conti con questo quando guardano alla Germania.

Angela Merkel: Il volto della Germania in Italia

Jörg Sesselberg è reporter per ARD presso Studio Rome.

e la politica? Angela Merkel non faceva parte del gruppo di nomi individuati nel sondaggio. È ammissibile una tesi particolarmente audace: se viene scelta la Merkel, non tutti gli atleti, i musicisti e tutti gli operatori culturali avranno una possibilità. Negli ultimi 16 anni, Angela Merkel è diventata il volto della Germania per il popolo italiano. Un volto che mancherà agli italiani. Quando è stato chiesto il mese scorso chi valutano di più tra gli attuali capi di governo stranieri, la maggior parte delle persone in Italia non ha menzionato Joe Biden o Emmanuel Macron ma Angela Merkel – con un ampio margine.

Tieni presente che la domanda non riguardava l’empatia, ma l’apprezzamento. Qui bisogna sempre fare una distinzione nel rapporto italo-tedesco. Vale quasi sempre la vecchia regola: i tedeschi amano gli italiani ma non li apprezzano – mentre gli italiani apprezzano i tedeschi ma non li amano.

READ  Lo spettacolo di salti Hamburg Klein Flottbek è ora in diretta | NDR.de - Sport

La crisi finanziaria ha messo a dura prova il rapporto

Questo non è cambiato sotto la Merkel. Al contrario, all’inizio c’era una mancanza di apprezzamento. Negli ultimi anni, gli anni della Merkel, i rapporti italo-tedeschi sono stati spesso difficili. Inizialmente, l’omologo della Merkel a Roma si chiamava Silvio Berlusconi. Il che dà un’idea della dimensione temporale della sua presidenza. Erano gli anni del dibattito sui criteri di Maastricht. La Germania ha esaminato attentamente per vedere se anche il suo partner meridionale si attiene a un limite di deficit del 3% nei suoi piani di bilancio. In Italia questo era ritenuto il sommo maestro, e alcuni critici ricorrevano anche a immagini più austere. Al guinzaglio, come un cane, la Germania vuole guidare l’Italia. Era tutto in un libro intitolato “Das Vierte Reich” e dice molto sull’opinione dell’Italia, non solo sull’opinione pubblicata lì, in Germania, e sulla Germania della Merkel, un decennio fa.

I luoghi comuni che giocano con il passato nazista non sono mai lontani tra Bolzano e Palermo quando si tratta di vicini del nord. Poco è cambiato qui negli ultimi decenni. Ma spesso, quando le cose si fanno critiche nei confronti della Germania, compare l’etichetta “Grandi Maestri”. Molti italiani pensano che queste siano principalmente cattive qualità dei tedeschi. un padronanza del comportamentoHanno mostrato il comportamento del maestro, capo. A proposito, questo entusiasma le persone in Italia non solo con i politici tedeschi, ma inizia con i turisti tedeschi. Quando ospiti provenienti da tutte le Alpi vogliono spiegare come funziona qualcosa, in Italia tocca un nervo scoperto e conferma il pregiudizio negativo più importante sui tedeschi.

Tratta la Grecia come un segnale di avvertimento

Molti italiani pensavano che la Merkel fosse una tipica tedesca in questo senso negativo. La debolezza del Cancelliere durante le vacanze in Alto Adige e Ischia con un aspetto modesto in abiti da trekking non ha portato a simpatia. Merkel, è stata l’insistenza sulle regole di Maastricht, non sul debito congiunto, e poi soprattutto sui rapporti con la sorella Grecia mediterranea durante la crisi finanziaria, che molti a Roma hanno preso come un segnale di avvertimento. La cancelliera, con al suo fianco il ministro delle finanze Schaeuble, voleva sottomettere le nazioni mediterranee d’Europa, e questa era una lettura diffusa. Secondo il motto: Si parte dalla Grecia, e ad un certo punto sarà anche l’Italia.

In questa discussione si può notare ciò che ha colpito più e più volte negli ultimi anni: in Italia, l’Europa è spesso associata alla Germania. Quando Bruxelles decide qualcosa, Roma vede dietro di sé la mano di Berlino – e spesso si vede nel ruolo della vittima. Qui interpreta il ruolo del complesso di inferiorità storico di un paese che ha vissuto l’industrializzazione e la modernizzazione molto più tardi di Gran Bretagna, Germania e Francia. Allo stesso modo, l’attuale mancanza di comprensione che l’Italia è sistematicamente solo al secondo livello nell’Unione Europea, anche se il Paese è al primo posto dietro la Francia in termini di popolazione e potenza economica. L’Italia vorrebbe far parte della cabina di pilotaggio ufficiosa dell’Unione Europea, insieme a Germania e Francia. Il fatto che il nuovo presidente del Consiglio Mario Draghi sia preso più sul serio dai partner, anche tedeschi, più di tanti suoi predecessori, è chiaramente registrato a Roma.

Questo argomento è nel programma:

NDR 90.3 | Pensieri in quel momento | 07/08/2021 | 13:05

NDR. logo