Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I virus del raffreddore proteggono dal virus corona?

Ricercatori tedeschi hanno dimostrato che alcune cellule immunitarie che erano state precedentemente esposte a virus del raffreddore, erano La risposta immunitaria dell’organismo al virus Corona Supporto finanziario. Ciò si verifica durante l’infezione naturale e dopo la vaccinazione. Tuttavia, gli autori dello studio hanno anche riferito che la cosiddetta immunità “cross-reattiva” diminuisce con l’età. Questo fenomeno potrebbe spiegare perché gli anziani sono più suscettibili alle malattie gravi e perché la loro immunità dalle vaccinazioni è più debole di quella dei giovani.

I virus del raffreddore che sono già stati infettati attivano il sistema immunitario in COVID-19

In che modo i virus del raffreddore esistenti influenzano la risposta immunitaria alla sars cov

Coloro che non avevano SARS-CoV-2 ma avevano ancora cellule di memoria immunitaria sono stati in grado di identificare il nuovo virus. I ricercatori sono giunti alla conclusione che il corpo produce le cosiddette “cellule T helper” per affrontare i virus del raffreddore per lo più innocui. Inoltre, a causa delle somiglianze strutturali tra i coronavirus, attaccano anche SARS-CoV-2. Nel frattempo, gli scienziati hanno confermato l’ipotesi della “reattività crociata” in numerosi studi. Tuttavia, per alcuni virus, una seconda infezione con un ceppo simile può portare a una risposta immunitaria difettosa e ad effetti negativi sul decorso clinico. I risultati suggeriscono che l’immunità crociata potrebbe essere una delle tante ragioni della variazione della gravità della malattia osservata in COVID-19. Di conseguenza, questo potrebbe anche spiegare le differenze nell’efficacia dei vaccini nei diversi gruppi di età.

Ricerca per sviluppare un vaccino contro il COVID-19

Le analisi scientifiche hanno mostrato che la risposta immunitaria contro SARS-CoV-2 includeva anche la mobilizzazione delle cellule T helper. Quest’ultimo è sorto come reazione ai virus del raffreddore endemici. I ricercatori hanno anche dimostrato che la qualità della risposta immunitaria era correlata alla quantità di cellule cross-reattive presenti nel corpo prima dell’infezione. Queste cellule immunitarie erano particolarmente efficaci nel riconoscere una regione specifica della proteina scheletrica. Tuttavia, secondo gli autori dello studio, ciò non significa che una precedente esposizione ai virus del raffreddore protegga definitivamente dal SARS-CoV-2. questo studio Ma offre una delle tante spiegazioni per un’osservazione fatta dall’inizio della pandemia. Il punto è che i sintomi dell’infezione da corona possono variare notevolmente tra gli individui.

READ  Perdita dell'olfatto in COVID-19: Scoperta delle cause - Pratica di guarigione