Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I ricercatori stanno ora scoprendo un nuovo fattore di rischio per gli hack del vaccino

  1. Pagina iniziale
  2. Globalismo

creatura:

a: Stella Henrich

Gli hack di vaccinazione stanno diventando sempre più comuni, ma il rischio di contrarre un’infezione da corona nonostante la vaccinazione non è lo stesso per tutti. Fattori come l’età giocano un ruolo qui. I ricercatori hanno ora scoperto un altro fattore di rischio.

Monaco di Baviera – Nonostante la vaccinazione corona, molte persone sono contagiate dal virus Covid-19. Le ragioni di ciò sono che per molti è passato del tempo dalla vaccinazione. L’effetto protettivo diminuisce nel tempo. Inoltre, ovviamente, il numero di infestazioni aumenta all’aumentare del numero di persone vaccinate.

Un nuovo studio statunitense ha ora scoperto le malattie che potrebbero essere responsabili di far ammalare le persone nonostante la vaccinazione. I ricercatori hanno scoperto che le vaccinazioni di solito non funzionano bene e che il loro effetto protettivo svanisce più rapidamente, non solo negli anziani e in quelli con sistema immunitario indebolito, come quelli che hanno subito trapianti d’organo o pazienti chemioterapici. Apparentemente, ci sono anche rischi maggiori nei malati di mente aura Sebbene uno COVID-19 Vaccinazione, scrivono gli scienziati del San Francisco Veterans Affairs Health Care System. Gli scienziati hanno pubblicato le loro scoperte sulla rivista JAMA.

Coronavirus: un’infezione a maggiore penetrazione nella malattia mentale

I ricercatori hanno analizzato i dati su 263.697 pazienti che erano stati completamente vaccinati contro COVID-19. La maggior parte di questi erano uomini di età superiore ai sessant’anni. A poco più della metà (51,4%) era stata diagnosticata una o più malattie mentali negli ultimi cinque anni. Il 14,8 percento ne ha uno Infezione rivoluzionaria da COVID-19. Le condizioni mediche diagnosticate includevano disturbo bipolare, disturbo da stress post-traumatico, ansia e disturbi alimentari, tra gli altri.

READ  Corona: Perché ci aspettiamo una dose di richiamo annuale e la durata reale della protezione vaccinale?

Le analisi degli scienziati hanno rivelato un aumento delle superinfezioni nei pazienti con malattie mentali – e questo è rimasto il caso quando sono stati eliminati altri fattori di rischio come il fumo.

Corona Virus: due disturbi aumentano i rischi

Secondo la valutazione dei ricercatori, ci sono due diagnosi che aumentano particolarmente il rischio: i disturbi dell’adattamento. Questo si riferisce alla difficoltà di accettare un evento stressante una tantum o in corso. e disturbi da uso di sostanze, che sono alcuni modelli comportamentali in cui le persone continuano a usare sostanze come alcol, droghe e caffeina, anche se di conseguenza possono sviluppare problemi di salute o di salute mentale.

Il rischio di penetrazione dell’infezione è maggiore tra le persone anziane con malattie mentali. Per i partecipanti allo studio di età pari o superiore a 65 anni, tutte le malattie mentali rappresentano quindi un aumentato rischio di violazione delle vaccinazioni; D’altra parte, i disturbi d’ansia, i disturbi dell’adattamento e i disturbi da uso di sostanze hanno avuto un impatto negativo su questo rischio nei soggetti più giovani.

Corona virus: due interpretazioni dei risultati dello studio

In primo luogo, gli scienziati osservano che i disturbi psichiatrici, tra cui la depressione, la schizofrenia e il disturbo bipolare, sono stati storicamente associati a una ridotta immunità cellulare e a una risposta ridotta ai vaccini; Quindi potrebbe essere anche quello Vaccinazione contro SARS-CoV-2 Semplicemente funzionano meno bene per loro o la protezione vaccinale diminuisce più rapidamente o la vaccinazione è meno protettiva contro le nuove varianti.

Secondo i ricercatori americani, i disturbi d’ansia aumentano i rischi di una svolta vaccinale. (Immagine iconica) © Rolf Poss / imago

D’altra parte, a loro avviso, il comportamento di assunzione di rischi associato a determinate malattie mentali può aumentare il rischio di superinfezione e quindi il rischio di superinfezione. Tuttavia, questa ipotesi deve essere verificata in ulteriori studi.

READ  Il vaccino contro l'HIV delude lo studio | aponet.de

I ricercatori continuano sul fatto che la ricerca futura dovrebbe identificare i meccanismi immunitari e comportamentali alla base dell’aumento del rischio di diffusione dell’infezione da SARS-CoV-2 negli individui con disturbi psichiatrici. In questo modo, le persone colpite possono essere meglio informate sui rischi a cui sono esposte in futuro e sulle misure preventive adottate.

Corona Virus: la vaccinazione ha ancora senso

Gli hack dei vaccini stanno chiaramente diventando sempre più comuni Istituto Robert Kocht (RKI) non è sorprendente. Il motivo addotto da RKI è che sempre più persone vengono vaccinate e se stesse in generale SARS-CoV-2 si sta attualmente diffondendo di nuovo. Ciò aumenta anche la possibilità di entrare in contatto con il virus come persona completamente vaccinata. Anche se più hack La vaccinazione contro il Covid-19 ha senso.