Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I ricercatori identificano un potenziale nuovo trattamento farmacologico per COVID-19, Science News

I ricercatori dell’Università del Kent nel Regno Unito e dell’Università di Goethe in Germania hanno scoperto di aver identificato un potenziale nuovo trattamento farmacologico che inibisce la crescita delle cellule infette da SARS-CoV-2, un virus che trasporta il micidiale coronavirus (COVID). .) Motivi -19).

Affinché i virus si riproducano, hanno detto i ricercatori, tutti i virus infettano le cellule e le riprogrammano per produrre nuovi virus. Lo studio recentemente pubblicato sulla rivista Metabolites intitolato “Targeting the pentose fosfato pathway for treatment of SARS-CoV-2” mostra che le cellule infette da SARS-CoV-2 possono produrre nuovi coronavirus solo se viene attivata la via metabolica chiamata via dei pentoso fosfato. . .

Secondo i ricercatori, la benfoossitiamina (BOT), un inibitore di questa via metabolica, ha inibito la replicazione di SARS-CoV-2 e le cellule infette non hanno prodotto coronavirus.

Leggi anche | Homo bodoensis: è ufficiale, abbiamo un nuovo antenato

Parte dello studio afferma: “Sorprendentemente, farmaci metabolici come BOT e 2DG possono anche interrompere le malattie immunitarie associate a COVID-19 alterando il metabolismo delle cellule immunitarie e anche inibendo la replicazione di SARS-CoV-2. Pertanto, possono migliorare il risultato terapeutico COVID-19 – 19 esercitando effetti antivirali e immunomodulanti.

Ciò dimostra che gli inibitori della via dei pentoso fosfati come la benfoossitiamina, da soli o in combinazione con altre terapie, rappresentano una potenziale nuova opzione terapeutica per il COVID-19.

Inoltre, il meccanismo della benfoossitiamina antivirale è diverso da quello di altri farmaci COVID-19 come remdesivir e molnupiravir. Pertanto, i virus resistenti a quest’ultimo possono essere sensibili alla benfoxitiamina.

Leggi anche | L’antico DNA di un’adolescente rivela un gruppo di persone precedentemente sconosciuto

Il professor Martin Michaelis dell’Università del Kent ha dichiarato: “Questo è un passo avanti nella ricerca sul trattamento di Covid-19. Poiché lo sviluppo della resistenza è un problema enorme nel trattamento delle malattie virali, è molto importante disporre di terapie che utilizzino diversi obiettivi e, auspicabilmente, sviluppare i trattamenti più efficaci per Covid-19”.

READ  Il vaccino contro l'HIV delude lo studio | aponet.de

Il professor Jendrich Senatl, della Goethe University di Francoforte, ha dichiarato: “Il targeting mirato dei cambiamenti legati al virus nel metabolismo delle cellule ospiti è un modo interessante per intervenire in modo specifico nel processo di replicazione del virus”.