Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I ricercatori hanno scoperto un enorme muro di pietra nel Mar Baltico

I ricercatori hanno scoperto un enorme muro di pietra nel Mar Baltico

I ricercatori hanno scoperto un enorme muro di pietra nel Mar Baltico

C'è un muro di pietra lungo quasi un chilometro al largo della costa tedesca del Mar Baltico. Questa è la struttura monumentale artificiale più antica d'Europa. Serviva ad uno scopo molto specifico.


4 minuti

Il più grande edificio dell'età della pietra in Europa affondò nel Mar Baltico al largo di Rerik. Ecco una ricostruzione grafica del grande muro in pietra.

© Michal Grabowski/DPA

A prima vista, la struttura sembra poco appariscente, ma se provenisse davvero dall'uomo, sarebbe probabilmente una delle più antiche del mondo e la più antica d'Europa: i ricercatori nella baia di Meclemburgo hanno scoperto sul fondo un muro di pietra lungo quasi un chilometro del Mar Baltico. Sembra che sia stato creato oltre 10.000 anni fa da una comunità di cacciatori-raccoglitori che viveva qui in quel periodo.

A quel tempo la zona non era ancora stata allagata, ha scritto il gruppo guidato da Jakob Gersen dell’Istituto Leibniz per la ricerca sul Mar Baltico di Warnemünde (IOW) e Marcel Bradtmüller dell’Università di Rostock. Il cosiddetto flash wall potrebbe aver aiutato i cacciatori-raccoglitori dell'epoca a cacciare le renne, sospetta il gruppo di ricerca nella rivista specializzata PNAS (Proceedings of the National Academy of Sciences).

annuncio

Meravigliatevi e condividete: la mostra della creatività e dei dolci di Dresda vi aspetta!

Per tutti gli amanti dell'artigianato, del fai da te e della pasticceria: la nuova Fiera della creatività e dei dolci attira i visitatori nei padiglioni espositivi di Dresda con questo programma colorato. Scopri subito i punti salienti!

La struttura si trova a circa 10 chilometri a nord-ovest della località di Rerik sul Mar Baltico, ad una profondità di circa 21 metri. È costituito da circa 1.700 pietre, è lungo 971 metri, largo fino a due metri e solitamente alto meno di un metro. Si sono formati dopo la fine dell'ultima era glaciale lungo una leggera collina vicino alla riva di un lago scomparso 9.000 anni fa. Il muro stesso fu sommerso dal Mar Baltico circa 8.500 anni fa. Non esiste nulla di simile in Europa, scrive il gruppo. Il muro di pietra è stato scoperto per caso nel settembre 2021 durante la mappatura del fondale marino, spiega il geologo Jersen. “Abbiamo subito sospettato che non si trattasse di una struttura geologica”.

Le pietre pesano una tonnellata

Le indagini effettuate con ecoscandagli multiraggio e veicoli subacquei autonomi hanno rivelato qualcosa di sorprendente: le 1.673 pietre del muro misurano circa 53 metri cubi e insieme pesano più di 142 tonnellate. La stragrande maggioranza di essi – circa 1.400 – pesa meno di 100 chilogrammi, mentre i restanti 288 pesano di più. Il pezzo più pesante pesa finora più di 11 tonnellate, mentre gli altri tre pezzi pesano tra le 2 e le 5,8 tonnellate.

“Il Blinkerwall rappresenta una struttura eccezionale non documentata in nessun'altra parte del Mar Baltico”, ha scritto il gruppo. Il team ritiene che le cause naturali del sistema – come gli tsunami, il ritiro dei ghiacciai o le correnti sottomarine – siano altamente improbabili per vari motivi. “Anche altri interventi umani non sono plausibili come causa, come la pesca con le pietre, praticata in alcuni luoghi e vietata nel 1906, o la linea elettrica Baltic Cable sul fondo del mare, a tre chilometri di distanza”. Nel complesso, gli aspetti sopra discussi non escludono completamente che la causa del muro indicatore sia un processo naturale», scrive il gruppo.

Una piccola porzione del gigantesco muro di pietra trovato dai ricercatori.

© Philipp Hoy/DPA

Ma ogni ipotesi lascia molte domande senza risposta. E soprattutto: “In definitiva, c’è un’osservazione che non può essere spiegata affatto con processi naturali e fa pensare a un’origine umana”. “Questa è la posizione preferita delle pietre più grandi e pesanti nelle curve lungo il Blinkerwall”, cioè in quei punti in cui il sistema cambia leggermente direzione. Si presume che i costruttori dell'epoca unissero insieme i pezzi spessi già presenti utilizzando pietre più piccole. Ma se gli umani costruissero il complesso, a cosa servirebbe?

Il team sospetta che gruppi di raccoglitori li usassero per cacciare le renne, le cui mandrie passavano qui stagionalmente all'epoca. La struttura non è stata datata direttamente, ma circa 10.000 anni fa l'area era ricca di foreste e le renne non la attraversavano spesso: una struttura del genere non aveva più senso, afferma l'archeologo Bradtmüller.

Esempi di bordure in pietra come ausilio per la caccia sono noti anche in altre regioni del mondo. Il team indica reperti dell'età della pietra di file di pietre ravvicinate, ad esempio in Medio Oriente o Nord America: il sito Drop 45 nel Lago Huron. È anche possibile che queste strutture venissero utilizzate migliaia di anni fa per intrappolare gli animali durante la caccia.

Rispetto al Drop 45, la parete dell'indicatore è molte volte più lunga. Tuttavia qui non vi è alcuna prova di una doppia fila di pietre. Forse non erano affatto necessari, disse Gersen. A quel tempo la riva del lago era probabilmente a poche decine di metri di distanza. Sarebbe servito come seconda barriera durante la caccia. È anche possibile che i sedimenti più giovani del Mar Baltico abbiano seppellito la seconda fila di pietre esistente. Tuttavia, questa è solo speculazione finora. Ora è importante cercare nei fondali marini prove dirette della presenza umana, come strumenti di pietra. I subacquei dovranno quindi occuparsene. (Dpa)

READ  I ricercatori hanno testato con successo le protesi di memoria nelle persone con malattia di Alzheimer