Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I murales dipinti da Giulio Vesperini al Centro Culturale Don Bosco di Bressanone – Südtirol News

Bressanone – Le opere di Giulio Vesperini sono state esposte questa mattina sulla facciata del Centro Culturale Don Bosco di Bressanone. È l’ultimo dei sei lavori di “Breathe!” Un progetto realizzato in Alto Adige nell’ambito di grandi progetti di street art. OUTBOX – Urban Art in collaborazione con la cooperativa sociale Young Inside, con il supporto dell’Ufficio Giovani dell’Assessorato alla Cultura della Provincia Autonoma di Bolzano, ha trasformato lo spazio pubblico in Alto Adige in una nuova prospettiva. Secondo l’assessore comunale Monica Leitner, l’impulso per questo progetto è stato dato nel processo culturale 2018. Per il comune di Bressanone, l’arte e la cultura sono risorse importanti per uno sviluppo urbano orientato al futuro. In questo contesto, nel 2018 è stato avviato un processo culturale con l’obiettivo di portare gli stessi operatori culturali, pensatori culturali e operatori culturali provenienti da una varietà di campi in conversazione tra loro e acquisire motivazioni e prospettive future per un vivace sviluppo della cultura a Bressanone. . Uno dei compiti era il “Progetto Arte nell’Edilizia per rendere più attraente e visibile il Sito Culturale Don Bosco”. Questo obiettivo è ora completo per la soddisfazione di tutti.

In Brixen erwartete den Künstler eine besondere Herausforderung, nicht nur in baulich-architektonischer Hinsicht: Das Gebäude beherbergt, zusätzlich zum Kulturzentrum Don Bosco, auch die Musikschule Vivaldi und bietet di bietet Juigent t z z z z z z o r e t t t o t t o capacità. Il vicesindaco Ferdinando Stablom, responsabile della cultura italiana, vede nel carattere stilistico, nell’astrazione e nel dinamismo di Vesprini, nonché nella flessibilità, un’esperienza positiva per lo spettatore e si diverte a creare un mondo colorato, soprattutto per i tanti giovani che lavorano in questo edificio che arrivano ogni giorno.

READ  Sophia Tomala fa esplodere il collare a RTL con i gesti di Loris Karius

Giulio Vesperini ha frequentato l’Accademia di Belle Arti e si è laureato in architettura. Dal 2009 è a Civitanova Marche con il progetto “Vedo a Colori” per promuovere il porto della sua città natale con la street art. Lavora come grafico per note aziende, eventi culturali e famosi enti pubblici (es. Ikea Italia, Bruno Barbieri, Pinacoteca Civica d’Ancona, Il Sol 24 Or, Enel). Diverse pubblicazioni adornano il suo curriculum (Basic Logos Book, Web Index Design, Fresh Public, Design & Design, Illustratore Italiano), e ha anche partecipato a mostre a Milano, Bologna e Saint-Etienne.

“stesso!” Il progetto ha fatto del suo meglio per portare la street art in ogni angolo del paese. Il progetto è iniziato in primavera con i sardi Tellas e Mimesi in Bozner Brennerstraße, seguiti dalla “serata” catalana Elisa Capdevilla in piazza Sant Vigil a Merano. Poi è stata la volta di Bozen Egeon con “Vanishing Point” sulla facciata della scuola elementare “Gandhi” di Laives, mentre gli spagnoli “Tempus Fugit” suonano alla Brunico Vocational School da luglio. La penultima opera è stata realizzata a settembre presso l’edificio WOBI in Don-Bosco-Platz a Bolzano dall’artista sardo Ciredz.

Da: mk