Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Guerra in Ucraina: BILD rintraccia lo yacht di lusso di Vladimir Putin – Stelle

Carrara (Italia) – Carrara è famosa in tutto il mondo per il suo marmo bianco – ma l’emozione che si sta svolgendo attualmente nella città portuale di Toscana, sulla costa mediterranea, deve essere accuratamente nascosta dietro le alte mura.

Rigore nella ricerca delle prove dello yacht di lusso di Putin!

Alle 17:46 del 2 marzo, lo yacht privato più grande del mondo, “Scheherazade”, ha trasmesso per l’ultima volta la sua posizione al GPS – da un ormeggio di 147 metri appartenente all'”Italian Sea Group”.


Il marmo viene caricato nel porto dietro il super yacht Foto: Stefano Laura


Gli yacht più piccoli sembrano giocattoli accanto

Gli yacht più piccoli sembrano giocattoli accanto a Scheherazade.Foto: Stefano Laura

Pochi giorni dopo, il New York Times ha rivelato chi, secondo i documenti dell’intelligence statunitense, sarebbe il proprietario della nave da 147 metri di lunghezza e 700 milioni di euro: nientemeno che il tiranno del Cremlino Vladimir Putin, che era sua proprietà. Ricchezza stimata in 200 miliardi di dollari.

Al più tardi, le pendici della guerra d’Ucraina raggiunsero anche le coste d’oro dell’Italia.


Telecamere che guardano lo yacht di lusso

Telecamere che guardano il superyachtFoto: Stefano Laura

E ora le autorità italiane seguono da vicino Scheherazade, che ha già sequestrato a Trieste lo yacht a vela più grande del mondo di proprietà dell’oligarca russo Andrei Melnichenko e un immobile da 143 milioni di euro.

Dal loro edificio nel porto di Carrara, funzionari della Guardia di Finanza guardano direttamente i due eliporti della gigantesca nave con piscina coperta, costruita in Germania nel 2020, come la “Graceful”, attribuita anche a Putin.


Qui nel porto c'è lo yacht privato più grande del mondo

Qui nel porto c’è lo yacht privato più grande del mondo Foto: Stefano Laura

Una differenza importante: il Graceful è salpato nelle acque russe giusto in tempo per le sanzioni contro l’oligarchia russa. Scheherazade è in Italia per manutenzione e non può semplicemente salpare per il Montenegro, ad esempio, come hanno fatto nei giorni scorsi alcune navi russe.

“Appartiene a Putin”, ha detto uno dei pescatori quando Bild gli ha fatto visita. “Guarda solo i sistemi radar: a Scheherazade quattro, due sarebbero normali”, dice l’uomo.


La nave XXL è pesantemente sorvegliata e il lavoro attorno ad essa continua

La nave XXL è pesantemente sorvegliata e il lavoro attorno ad essa continua Foto: Stefano Laura

L’istante successivo passa Guardia Costiera ad osservare sul marciapiede le attività di fotografi curiosi. Un giornalista di BILD è stato precedentemente ascoltato da una guardia di sicurezza alla ricerca di indizi nell’area portuale. Non è facile per il governo italiano.

Il superyacht batte bandiera delle Isole Cayman ed è di proprietà di “Bielor Asset Ltd.” Registrato alle Isole Marshall. Ma qual è lo scopo dei pannelli antiproiettile e di un sistema di difesa dei droni a bordo? Cosa fanno i settanta membri dell’equipaggio russo?


Sistemi radar a bordo di una barca da 700 milioni di euro

Sistemi radar a bordo di una barca da 700 milioni di euro Foto: Stefano Laura

Il capitano, già interrogato dalla guardia di finanza, ha negato di aver visto Putin sull’aereo. Anche il gruppo italiano Al Bahar ha negato qualsiasi legame con Vladimir Putin. D’altra parte, “Superyacht News” ha dichiarato rudemente: “Putin odora di Putin … forse odora di Putin”.

La Guardia di Finanza vuole decidere in questi giorni di confiscare Scheherazade.

La tensione sulla costa, molto amata dai russi, è alta: il superyacht sarà anche un bersaglio per attivisti come la villa del genero di Putin a Biarritz, in Francia, che ora vogliono allestire qui una casa profughi? L’unico segno di protesta finora a Carrara sono i fiori gialli e azzurri davanti alla Madonna in marmo all’ingresso del porto.

L’ex minatore Corrado (69) ha scritto sui vasi “Ucraina Libera” (Ucraina Libera). “È solo un piccolo gesto”, ha detto il pensionato a BILD. “E quando guardi questa nave di lusso e la sua storia, ha molto più senso!”


Il pensionato Corrado commemora le vittime ucraine in vista dello yacht al Repair Dock

Il pensionato Corrado commemora le vittime ucraine in vista dello yacht al Repair DockFoto: Stefano Laura


. è stato scritto

Sul vaso era scritto “Ucraina Libera”, “Ucraina Libera”. Foto: Stefano Laura

READ  Dopo parole gentili: cosa prova Aurelia Lambrecht per Henrik?