Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Greenpeace: Amazon continua a distruggere nuova merce

Greenpeace: Amazon continua a distruggere nuova merce

Quando le merci non vengono vendute, le aziende tentano altri modi per smaltirle. Greenpeace ora accusa Amazon di aver rovinato molte nuove merci. Amazon non è d’accordo.

Gigante di Internet Amazon Secondo Greenpeace, nuovi beni continuano ad essere distrutti. Nel sito di Winsen in Bassa Sassonia, i prodotti originariamente confezionati sono stati smistati per la distruzione in otto luoghi di lavoro, ha detto Greenpeace giovedì. Amazon ha confermato che il numero di prodotti da scartare era “nella gamma per miglio”.

Secondo le informazioni di Greenpeace, le registrazioni di film effettuate da un ricercatore di Greenpeace che ha lavorato per diverse settimane come dipendente presso l’Amazon Logistics Center di Winsen mostrano che la società di vendita per corrispondenza “in un solo posto è almeno un camion carico di merci invendute a settimana. ” Camicie Attraverso i libri ai nuovi prodotti elettrici. ”Le registrazioni dovrebbero essere proiettate in serata sulla rivista ARD“ Panorama ”.

La legge sul controllo dei rifiuti dovrebbe impedire la distruzione

L’organizzazione ambientalista ha criticato la distruzione di merci nonostante l’entrata in vigore lo scorso anno di una legge contro questo tipo di spreco di risorse. Lo scopo del cosiddetto dovere di diligenza è impedire la distruzione di beni integri. Ma finora il dovere di diligenza non è stato implementato o monitorato dalle autorità. Il gruppo ha approfittato del fatto che non esisteva ancora un’ordinanza legale sul dovere di cura, motivo per cui non sono state imposte sanzioni.

Un portavoce di Amazon ha affermato che la società ha il dovere di prendersi cura dei beni che vende. “Abbiamo implementato misure per evitare di danneggiare la merce il più possibile”, ha detto. Amazon effettua un deposito “se possibile nessun prodotto”.

READ  Lancio offensivo: Bürstner si basa su camioncini

“Solo quando non abbiamo altra scelta inviamo articoli a Raccolta differenziata O per recuperare energia – o come ultima risorsa – per la discarica “, ha spiegato il portavoce. Tuttavia, questo percorso è” l’ultima e meno attraente opzione – ambientale ed economica “che” dovrebbe essere all’interno della gamma di alcol “.

Donare è più costoso che sbarazzarsene

Inoltre, la società sostiene in un post sul blog sull’argomento che le donazioni in natura in collaborazione con organizzazioni non profit sono un approccio importante, ma le aziende qui sono svantaggiate. Perché la legge fiscale tedesca impone alle società di pagare l’imposta sulle vendite sul valore di tutti i beni donati, ad eccezione degli alimenti deperibili. Pertanto, in Germania è spesso più costoso donare beni che smaltirli.

Tuttavia, l’esperta di consumatori di Greenpeace Viola Woolgemouth ha criticato il fatto che Amazon “fa affidamento solo su vendite veloci, quindi lo spazio sullo scaffale è più importante del prodotto in esso contenuto”. Si tratta di uno “spreco di risorse che danneggia il clima”. Fulgemouth ha invitato il ministro federale dell’Ambiente Svenja Scholes (Partito socialdemocratico) ad agire. “La distruzione di nuovi beni dovrebbe diventare un reato penale durante questo periodo legislativo”.

Greenpeace aveva già documentato alla fine del 2019 nuova merce regolarmente smaltita a Winsen. Ciò ha contribuito al fatto che il Bundestag ha introdotto nuove regole per i rivenditori nel 2020 come parte della sua riforma della legge sulla gestione del riciclaggio. Secondo il testo della legge, il dovere di diligenza afferma che “nella distribuzione dei prodotti, anche in relazione al loro ritiro o restituzione, assicurarsi che la fruibilità dei prodotti sia preservata e non trasformata in rifiuto”.

READ  Aereo morto sopravvive a Corona: il super jumbo A380 decolla