Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Grecia: incendi boschivi fuori controllo – Atene minacciata di blackout

A soli 25 chilometri a nord del centro di Atene, giovedì pomeriggio è scoppiato un altro enorme incendio boschivo. Le riprese televisive hanno mostrato un muro di fiamme e fumo lungo un chilometro, alto come una casa. Aerei ed elicotteri dei vigili del fuoco erano in funzione, ma hanno dovuto fermarsi quando si è fatto buio.

In via precauzionale, l’azienda elettrica ha sospeso un grande distributore della zona. La società ha annunciato che giovedì sera taglierà l’elettricità localmente ad Atene in modo da poter mantenere la fornitura complessiva.

Il villaggio di Krioneri, 25 chilometri a nord del centro di Atene, è stato evacuato per precauzione, così come un campo profughi. L’autostrada centrale del Paese tra Atene e la seconda città più grande di Salonicco è ora chiusa nell’area in questione.

Mitsotakis annuncia l’azione militare

C’erano anche diverse nuove fonti di fuoco sull’isola boscosa di Evia. Le campane della chiesa hanno dato l’allarme e i residenti sono fuggiti o hanno cercato di tagliare i corridoi con trattori e seghe per evitare che le fiamme si spostassero.

Il primo ministro Kyriakos Mitsotakis ha annunciato che avrebbe usato l’esercito. I soldati devono monitorare la situazione dall’alto con i droni e scoprire in tempo nuove fonti di fuoco. Dovrebbe anche supportare i vigili del fuoco con escavatori e altre attrezzature pesanti e trasportare l’acqua alle fonti di incendio in autocisterne.

Tre nuovi incendi nella zona – ogni ora

Anche i grandi incendi continuano a sfuggire al controllo in Turchia. Il servizio forestale turco ha riferito giovedì 180 incendi, 12 dei quali devono ancora essere domati. In Grecia, in 24 ore sono scoppiati 92 nuovi incendi boschivi in ​​tutto il paese. Di conseguenza, ogni ora scoppiano tre nuovi incendi nel Mediterraneo orientale, per lo più in aree remote.

READ  Il calvario a Città del Messico: morto nel crollo di un ponte della metropolitana

Particolarmente colpite sono state le province di Antalya e Mugla. Le autorità locali hanno affermato che nella sola Mugla sono state evacuate quasi 12.000 case e più di 36.000 persone. Secondo le informazioni ufficiali, finora sono state danneggiate 2.000 case e almeno otto persone sono morte. A volte i turisti venivano portati via dall’acqua dai luoghi di villeggiatura.

Nel frattempo, l’ufficio del procuratore turco sta indagando su un giro di vite sui social media. Con l’hashtag #HelpTurkey, gli utenti hanno chiesto aiuto internazionale per combattere l’incendio. Da quando sono scoppiati gli incendi la scorsa settimana, le attrezzature dei servizi di emergenza sono state ripetutamente criticate. L’agenzia di stampa statale Anadolu ha riferito che l’inchiesta è ora condotta, tra l’altro, “per generare ansia, paura e panico” tra la popolazione e incitare la gente all’odio e all’inimicizia.

Incendi anche in Italia e Bulgaria

Anche in Italia i servizi di emergenza hanno continuato a combattere gli incendi. Sicilia e Calabria, tra le altre, sono state colpite. I vigili del fuoco hanno annunciato su Twitter che nelle province di Messina e Palermo sono in uso aerei dei vigili del fuoco. Il ministro dell’Ambiente Roberto Cingolani ha affermato che circa il 70 per cento degli incendi è stato causato da cattiva condotta umana. Poi ci sono le conseguenze del cambiamento climatico.

In Bulgaria, giovedì è stato annunciato il secondo livello di allerta più alto per 24 delle 28 regioni, anche nella capitale Sofia, che ha una popolazione di circa 1,5 milioni. Due grandi incendi nei Balcani meridionali sono stati inizialmente tenuti sotto controllo, secondo i media bulgari. Tuttavia, due operatori forestali sono stati uccisi e un altro gravemente bruciato.

READ  Corona in Spagna: da lunedì in vigore le nuove regole di ingresso per i vacanzieri - Notizie all'estero