Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Grande dramma: l’Italia ha battuto la Serbia favorita nel torneo di basket. – Gli sport

Poco prima che la banda arrestasse i tre volumi. Uno di loro ha afferrato il piede di Gianmarco Bosico, mentre gli altri due hanno afferrato un braccio ciascuno. Dopo essere stato espulso dagli arbitri per due errori tecnici poco prima della fine del terzo quarto, il tecnico dell’Italia ha provato a rientrare in squadra nello spirito della vittoria. Ma la sicurezza lo trattenne con un pugno fermo, e Bozeko rimase immobile sulla benda, con gli occhi sbarrati. Alla fine i suoi giocatori lo notarono e corsero verso di lui, si formò un enorme gruppo blu di enormi giocatori di basket, ei tre volumi scomparvero per un momento. Solo dopo aver abbracciato e baciato tutti quelli che riusciva a prendere, Pozzecco si è lasciato riportare nel ventre dell’Arena di Berlino.

Per l’allenatore degli Azzurri è stato il lieto fine di una giornata di lavoro già viziata in questo Campionato Europeo, che ha pianto d’impulso, pianto e faticato a bordo campo. Una volta mandato nello spogliatoio, ha abbracciato ogni giocatore, e poi alcuni arbitri sugli spalti, prima di scivolare fuori in lacrime. A questo punto, c’era un forte timore che Bozeco dovesse tornare in Italia dopo la partita: negli ottavi contro la miglior candidata Serbia, c’erano molte indicazioni che il torneo sarebbe finito. I serbi hanno agito con molta sicurezza, hanno superato molto bene il turno preliminare.

La squadra serba di grande talento ha dovuto sopportare ancora una volta la delusione

Le cose sono andate diversamente, gli italiani hanno ribaltato la partita nell’ultimo quarto e hanno ottenuto un clamoroso 94:86 punti. Adesso è mercoledì prossimo (ore 17:15) contro la Francia, seconda alle Olimpiadi, ai quarti di finale, la prima contendente al titolo deve andarsene.

READ  MotoGP 2021 al Mugello, Italia: tutti i risultati del Gran Premio - prove libere, qualifiche e gare

Niccolò Meli, che ha festeggiato due titoli di Bundesliga e due coppe con Bruce Bamberg nel 2016 e nel 2017, onestamente non poteva crederci: “Sinceramente non so cosa sia successo lì. Sulla carta eravamo ovviamente la squadra peggiore, ma tutti hanno contribuito, tutti hanno reagito. Abbiamo giocato con il cuore e abbiamo giocato per il nostro allenatore”.

Non sa ancora cosa fare con i suoi sentimenti. “I giocatori hanno lottato, in campo, in panchina. È stata dura, pazza, emozionante e ho amato i miei giocatori”. Pozzecco è stato così inondato di endorfine che durante la sua analisi ha posato come un pugile, ha alzato i pugni e ha stretto la guancia del giornalista. Poi ha detto con la giusta allegria: “Probabilmente è stata la partita migliore per una nazionale italiana”. Anche la star greca dell’NBA Giannis Antetokounmo ha avuto una dose di esuberanza italiana mentre camminava lungo la pista e attraversava Bozeko Road. Saltando tra le sue braccia, si aggrappò al gigante di 2,11 metri come un bambino e gli diede un grosso bacio sulla guancia. Che Antetokounmpo accettò con un grande sorriso.

Ritorno a casa invece di medaglia: Nikola Djokic, il giocatore più prezioso della NBA, ha perso il suo 16° inning contro Nikola Meli e l’Italia.

(Foto: Angrett Hills/Reuters)

Ma sul campo dominano da tempo i serbi, guidati da Nikola Jokic, che gioca per i Denver Nuggets ed è stato nominato Giocatore dell’anno NBA per il secondo anno consecutivo. Il centrocampista serbo ha segnato 32 punti e 13 rimbalzi, tutti non sufficienti contro gli scatenati italiani. Jokic non è affatto l’unico giocatore della squadra, il regista Vasilije Micic è stato scelto come miglior giocatore dell’Eurolega, e ha contribuito con 16 punti, fino a quando nell’ultima fase ha avuto l’impressione che i serbi potessero migliorare se necessario. Ma gli italiani che hanno combattuto con passione hanno segnato ottimi gol, Marco Speco è affondato quattro volte di seguito nell’ultimo quarto ed è diventato il capocannoniere con 22 punti.

L’allenatore serbo Svetislav Pesic, che ha guidato la squadra tedesca all’unico titolo europeo nel 1993, ha notato il dramma a bordo campo in modo stranamente impassibile per i suoi standard. Anche lui era chiaramente dell’opinione che la sua scelta estremamente talentuosa potesse in qualche modo portare il gioco a un lieto fine. Il 73enne allenatore di successo, che ha vinto il Campionato Europeo (2001) e il Mondiale (2002) per la Jugoslavia, è stato restituito dalla Federazione serba dopo le delusioni degli ultimi anni per portarla finalmente al titolo. Adesso, toccandolo visibilmente, ha dovuto dire che i suoi giocatori semplicemente non erano abbastanza in forma: “L’Italia ha mosso bene la palla e ha colpito tutti i tiri importanti. Per evitarlo servono gambe nuove, che noi non avevamo”. E così il campionato di Jokic, considerato da molti il ​​miglior giocatore di basket del mondo, ha perso un numero di treno.

D’altronde, gli italiani vogliono confermare anche il trend della loro partita contro i francesi: il numero davvero elevato di giocatori NBA non garantisce in alcun modo vittorie.