Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Gliese 710: la Terra riceve un secondo sole

Gliese 710: la Terra riceve un secondo sole

La corrente è Gless 710 Dista da noi circa 60 anni luce. La tendenza è in diminuzione, perché il Sole nella costellazione del Cigno si muove verso di noi ad alta velocità. Dopo 1,3 milioni di anni, la distanza sarà solo di poche settimane luce, in termini astronomici: circa 10.000 volte la distanza tra la Terra e il Sole. La traiettoria di volo porterà Gliese alla Nube di Oort, la periferia del nostro sistema planetario che ospita innumerevoli, forse trilioni, comete.

Biliardo Cometa

Cosa succede quando Gliese sfreccia attraverso la cintura delle comete? Analisi precedenti presupponevano che la gravità della stella avrebbe avuto scarsi effetti sull’ambiente circostante. Ma uno Simulazione nuova e significativamente più complessa Dipinge un quadro completamente diverso.

Come l’astronomo viennese Elke Pilato Lohinger Scoperta con la sua squadra, Gliese devierà 100 milioni di comete dalla loro orbita e le spingerà nella vastità dello spazio. Ciò non significa che tutti lasceranno il nostro sistema planetario per sempre. “Alcuni di loro potrebbero visitare di nuovo il nostro sistema solare dopo molto tempo. “Simile a ‘Oumuamua e Borisov”, dice Pilat Lohinger in un’intervista a Ö1 L’asteroide ‘Oumuamua è stato avvistato tra il Sole e Mercurio nel 2017. Da dove è arrivato da dove è ancora sconosciuto È anche possibile che la cometa Borisov di origine interstellare sia stata scoperta due anni dopo, e si trovasse a una distanza di tre unità astronomiche (=la distanza tra la Terra e il Sole) dal Sole.

Potenziali impatti sul terreno

È possibile che alcune comete sarebbero in stretto contatto con il Sistema Solare dalla Nube di Oort se Gliese 710 provocasse turbolenze lì con la sua gravità. Il risultato sorprendente dei calcoli di Pilat-Loehinger è: tra 1,3 milioni di anni 4.500 comete si dirigeranno nella direzione interno Inseguendo il sistema planetario. Ciò “aumenterà sicuramente la probabilità di impatti sul terreno”, afferma il ricercatore dell’Università di Vienna.

READ  La scoperta di una nuova struttura cerebrale

@nt – Stock.adobe.com

I numeri concreti saranno disponibili solo dopo un’analisi più approfondita: i risultati finora sono stati presentati solo in conferenze specializzate e non sono stati ancora pubblicati. Una cosa è certa: se una cometa del genere colpisse la Terra, l’impatto sarebbe “simile all’impatto di un asteroide alla fine del Cretaceo, che portò all’estinzione dei dinosauri”, dice Pilar Lohinger.

Gli oggetti nella nube di Oort appartengono a una classe di dimensioni simili alla cometa di Halley, che, con i suoi 15 chilometri di diametro, è certamente un pezzo di grandi dimensioni. Ciò che tutto ciò potrebbe significare per l’umanità – se esiste ancora – rimane incerto. “Non vivremo mai abbastanza per vedere una cosa del genere”, dice Pilar Lohinger. “E forse è una buona cosa.”

Tuttavia, il panorama sarà limitato nel tempo. Secondo nuovi calcoli, Gliese 710 dovrebbe lasciare nuovamente la cintura delle comete dopo 64mila anni e scomparire nella vastità dello spazio. Sarà visibile anche dalla Terra nel suo punto più vicino al Sole e avrà le stesse dimensioni di Giove, che ora appare nel cielo.