Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Fusione di galassie nane: i ricercatori scoprono ammassi globulari rivelatori

fusione di galassie nane
I ricercatori scoprono ammassi globulari rivelatori

La Grande Nube di Magellano è una galassia vicina alla Via Lattea. Lì, i ricercatori si sono imbattuti in un ammasso globulare, l’unico testimone della fusione di due piccole galassie. La scoperta conferma una regola in cosmologia.

L’ammasso globulare NGC 2005 è uno strano gas nella Grande Nube di Magellano, una piccola galassia vicina alla Via Lattea. Le osservazioni di un team internazionale di ricercatori mostrano che la composizione chimica delle sue stelle differisce significativamente da quella di altri ammassi stellari nella galassia nana. Di conseguenza, dovrebbero essere i resti di una galassia più piccola che si è fusa con la Grande Nube di Magellano, Così gli scienziati sulla rivista “Nature Astronomy”. Vedete questo come un’affermazione dello “scenario gerarchico” della cosmologia.

“Successivamente, le grandi galassie che osserviamo oggi hanno raggiunto la loro enorme massa fondendosi con molte galassie più piccole”, spiegano Alessio Mucciarelli e colleghi dell’Università di Bologna in Italia. “Ma questo processo dovrebbe verificarsi anche nelle galassie di satelliti più piccoli come le Nubi di Magellano”. Questo può essere visto nelle simulazioni al computer dell’evoluzione cosmica, ma finora non ci sono osservazioni che dimostrino tali fusioni nelle galassie nane.

Mucciarelli e colleghi hanno esaminato 11 ammassi globulari nella Grande Nube di Magellano e 15 ammassi globulari nella Via Lattea utilizzando le proprie osservazioni e i dati di archivio del Very Large Telescope dell’ESO in Cile. Gli ammassi globulari sono ammassi estremamente densi di diverse migliaia di stelle. “A causa della loro densità, possono sopravvivere a fusioni per miliardi di anni” – mentre una galassia più piccola che ha fatto breccia in una galassia più grande è già decaduta senza lasciare traccia durante questo periodo di tempo, dicono i ricercatori.

“grandi differenze chimiche”

Come previsto, la composizione chimica delle stelle negli ammassi globulari della Via Lattea e della Grande Nube di Magellano differisce notevolmente l’una dall’altra, poiché entrambe le galassie hanno storie evolutive diverse. Mucciarelli vede questo come una conferma che gli ammassi globulari sono adatti allo studio dell’evoluzione delle galassie. Ma c’è un’anomalia tra gli ammassi globulari della Grande Nube di Magellano: NGC 2005 non corrisponde agli altri ammassi della galassia nana.

“Le ovvie differenze chimiche tra NGC 2005 e altri ammassi globulari mostrano che qui devono esserci stati due percorsi evolutivi molto diversi”, hanno detto Mucciarelli e colleghi. NGC 2005 non potrebbe essersi formato nello stesso ambiente di altri ammassi stellari. Invece, la minore proporzione di elementi pesanti mostra che NGC 2005 ha avuto origine da una galassia molto più piccola in cui la formazione stellare è avvenuta più lentamente della Grande Nube di Magellano.

Quindi NGC 2005 è l’unico testimone sopravvissuto della fusione di una piccola galassia con la Grande Nube di Magellano. Non c’è più alcuna traccia della piccola galassia stessa, poiché il processo sarebbe avvenuto miliardi di anni fa. Come previsto dallo scenario gerarchico, non solo le grandi galassie, ma anche le galassie nane crescono attraverso le fusioni.

READ  I dolcificanti hanno un effetto negativo sulla flora intestinale - una pratica curativa