Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

False informazioni sulla morte dell’aereo 737 Max – inganno – collaudatore accusato da Boeing – notizie estere

È responsabile della morte di 346 persone e della più grande crisi di fiducia nell’aviazione civile?

In caso di schianto del Boeing 737 Max, un tribunale federale degli Stati Uniti ha formalmente accusato di frode un ex pilota collaudatore del colosso aeronautico americano.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha dichiarato giovedì (ora locale) che l’ex capo pilota tecnico Mark Forkner ha fornito alla Federal Aviation Administration “informazioni imprecise, imprecise e incomplete su una nuova parte del controllo di volo del Boeing 737 Max”.

Il 737 Max è stato immatricolato a marzo 2017. Forkner era il contatto diretto tra il produttore di aeromobili e la Federal Aviation Administration. Secondo i documenti rilasciati all’inizio del 2020, si vantava di essere stato in grado di ingannare i suoi colleghi della FAA per ottenere la certificazione per il sistema di stabilizzazione MCAS sviluppato appositamente per il Boeing 737 MAX.

Nell’ottobre 2018 e nel marzo 2019, due auto di questo tipo si sono schiantate in Indonesia ed Etiopia, uccidendo un totale di 346 persone. In entrambi i casi, MCAS ha fornito dati errati. Nel marzo 2019 è stato imposto un divieto di volo globale sull’ex bestseller Boeing, che è stato revocato solo alla fine del 2020 a seguito di una revisione del sistema.

Boeing ha ammesso la responsabilità dell’incidente all’inizio di quest’anno e ha accettato una multa di 1 miliardo di dollari per evitare procedimenti penali. La società ha accettato di pagare 2,5 miliardi di dollari di multe e risarcimenti.

A settembre, un giudice statunitense ha ammesso un’altra causa contro la società. Gli azionisti stanno facendo causa al consiglio di amministrazione di Boeing per aver ignorato gli avvertimenti sul sistema di sicurezza MCAS dopo il primo incidente.

READ  L'Iran sostiene di aver identificato i sospetti dopo l'incidente all'impianto nucleare