Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Event Horizon rileva il fenomeno del jetting del buco nero

Event Horizon rileva il fenomeno del jetting del buco nero

Gli astronomi hanno notato un buco nero supermassiccio nel cortile cosmico della Terra, che emette un cosiddetto raggio a getto quasi alla velocità della luce. Le immagini sono state scattate utilizzando il telescopio Event Horizon.

Telescopio dell'orizzonte degli eventi

Magnetismo contro gravità

In un nuovo articolo di Giornale di astronomia e astrofisica Sono stati pubblicati i primi risultati di questa meravigliosa scoperta. I deflussi dei buchi neri raccontano la storia di una battaglia tra magnetismo e gravità.

La scoperta potrebbe aiutare gli scienziati a comprendere meglio come i buchi neri si nutrono di materia ed emettono getti potenti che vanno ben oltre le galassie che li ospitano. L'osservazione è stata effettuata utilizzando l'Event Horizon Telescope (EHT), che sta attualmente studiando il nucleo della radiogalassia 3C 84, nota anche come Perseo A.

Perseus A è una potente fonte di onde radio. Corrisponde al centro della galassia attiva NGC 1275, a sua volta la galassia centrale nel superammasso di Perseo, situato a 230 milioni di anni luce dalla Terra. Questa può sembrare una distanza enorme, ma rende l’oggetto appena osservato uno dei buchi neri supermassicci più vicini al nostro pianeta. Le nuove osservazioni di Perseus A non rappresentano la prima volta che l'EHT esamina il potente magnetismo o gravità di un buco nero supermassiccio, due delle quattro forze fondamentali dell'universo.

“L’EHT ha mentito dicendo che non c’era sfondo nella luce nera, sondern wast such hervorragend geeignet, and astrophysikalische Plasmastrahlen und ihr Zusammenspiel mit starken Magnetfeldern zu beobachten”, ha detto der Leiter des Teams, Georgios Filippos Paraschos vom Max-Planck-Institut fr Radioastronomie (MPIfR ) In Germania. “I nostri nuovi risultati forniscono nuove prove che un campo magnetico organizzato si estende attraverso il gas caldo che circonda il buco nero”.
Getto Perseo

READ  Offerte mobile weekend: fino a 200€ di sconto su iPhone, Xiaomi e Co.

Un buco nero in rapida rotazione

Le osservazioni EHT del buco nero supermassiccio in rapida rotazione Perseo A e del “disco bloccato magneticamente” che lo circonda suggeriscono che la velocità con cui il buco nero gira può essere correlata alla sua capacità di espellere getti.

Ciò significa che questi flussi sono un segno che il magnetismo sta trionfando sulla gravità, ma possono anche ricevere sostegno sotto forma di “perturbazioni esterne” del momento angolare. Uno studio più approfondito e un'applicazione della teoria della relatività generale di Einstein del 1915 possono aiutare a chiarire questo caso.

riepilogo

  • Un buco nero emette un raggio a getto quasi alla velocità della luce
  • La NASA utilizza il telescopio Event Horizon per registrare
  • Un articolo su Astronomia e Astrofisica che spiega i risultati preliminari
  • Un buco nero è stato rilevato al centro della galassia NGC 1275
  • Perseo A si trova a 230 milioni di anni luce dalla Terra
  • L'EHT studia l'interazione tra magnetismo e gravità
  • È stato rilevato il campo magnetico ordinato attorno al buco nero

Guarda anche: