Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Elezioni presidenziali italiane: “Il sesso è un’arma politica”

Stato: 21/01/2022 12:41

Da lunedì l’Italia voterà sul successore del presidente Matterella. Tra i concorrenti ci sono l’ex presidente del Consiglio Berlusconi e il presidente del Consiglio Drake. Le donne non hanno possibilità.

Elizabeth Pongrats, ARD Studio Roma

“Ero il presidente della Camera dei rappresentanti. Sono stato aggredito violentemente da importanti politici, aggredito sessualmente. Matteo Salvini mi ha paragonato a un giocattolo gonfiato, o la gente diceva sui social: cosa faresti se mettessi Boltrini in macchina? L’ha fatto Pepe Grillo”.

Elisabetta Pongrats
ARD-Studio ROM

“Sesso e odio”

Per cinque anni, fino al 2018, Laura Boldrini è stata alla guida della Camera dei Deputati, la terza carica pubblica più alta d’Italia. Questo non li ha protetti dagli attacchi sotto la cintura.

“Quando i leader politici fanno questo, è molto grave, perché usano l’odio sessuale e femminista come arma politica per indebolire, indebolire e mettere alle strette il loro avversario. Oggi in Italia è tollerato”, ha detto Boldrini.

La donna come capo di stato

La President, ancora noto, siede nel suo piccolo studio nel centro storico di Roma. Come membro del Parlamento, il 60enne voterà per il futuro presidente – o presidente. In un appello, diverse donne italiane di spicco hanno recentemente chiesto che una donna diventi finalmente capo di stato.

La studiosa di lettere Dacia Marini ha avviato la petizione. “Innanzitutto volevamo sottolineare ancora una volta che in questo caso le donne hanno anche il diritto costituzionale di rappresentare il popolo. Ma questo non è mai successo. Ci sono stati dodici presidenti, ma non una donna”.

READ  Modulo di iscrizione alle vacanze in Italia: come compilarlo correttamente

I nomi delle donne sono in circolazione

Sono infatti in circolazione i nomi di alcune donne, come Marta Cordobia. Il ministro della Giustizia nel gabinetto Draghi è stata la prima presidente donna della Corte costituzionale e la 58enne sta attualmente indirizzando le riforme alla magistratura. Oppure Leticia Morati, un tempo ministro dell’Istruzione e ora vicecapo della Giunta regionale in Lombardia. O Elisabetta Casellati, che è Presidente del Senato.

Ma secondo Tobias Morsell, presidente della Fondazione Frederick Ebert a Roma, non hanno avuto un ruolo chiave nel dibattito sui candidati. La presenza di donne in posizioni elevate in politica è relativamente ridotta.

“Abbiamo un’influenza ancora più forte dalla forte influenza della Chiesa cattolica e delle ideologie e dei comportamenti che l’hanno plasmata. E un Paese che è ancora caratterizzato da una forte arroganza, sicuramente un Paese forte.

Innanzitutto per quasi tutti gli uomini

Il Parlamento ha effettivamente una quota del 33 per cento per le donne, ma le posizioni chiave sono ricoperte principalmente da uomini, come nel governo.

Spiega Mörschel: “Tutte le posizioni di vertice nelle posizioni chiave sono occupate da uomini. Quindi a questo punto qui, se guardi la tabella, purtroppo non è successo molto nel governo Draghi”.

Allo stesso tempo, il governo ha approvato leggi volte a incoraggiare le donne, soprattutto negli affari. Meno della metà di tutte le donne italiane lavora. La banca centrale italiana calcola che hanno bisogno, possono aumentare l’efficienza economica dell’intero Paese.

Leggi sì – ma problema culturale

Ma il politico Boldrini vede la vera uguaglianza tra uomini e donne di vasta portata: “Abbiamo buone leggi in Italia, ma una cultura problematica. Stiamo promulgando una legge contro le molestie sessuali, contro la violenza sessuale. Ma se c’è un cambiamento nella consapevolezza pubblica , le leggi e il diritto penale non bastano».

READ  Press Tatters Italia dopo la sconfitta in Germania: "Una vergogna"

Degli oltre 1.000 elettori idonei alla presidenza, il 34% sono donne. Nella delegazione regionale, è solo il 10 per cento.