Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Elezioni presidenziali in Italia: Tracy gareggerà? – Politica

Un caposquadra a Roma, a BaristaChi ne sa più di politici, analisti e giornalisti sul futuro del Paese. Almeno così dice Antonio Proetti. È il nome del proprietario di Mario Draghi e di sua moglie Serenella nel quartiere romano di Pario.

Il giorno dopo Proetti disse che era appena tornato in una stazione radio Ragazza È stato sussurrato e lei gli ha detto che voleva che suo marito, l’attuale primo ministro del paese, diventasse presidente della repubblica. Non è molto contento perché ha più riunioni obbligatorie di quante ne abbia già da presidente, così possono passare ancora meno tempo nella loro casa di campagna in Umbria. Questa notizia direttamente dal bancone di fiducia, ovviamente era una bomba. Ma è vero anche questo? Pochi giorni fa, con una strana frase, Draki ha dovuto rispondere che dovrebbe esserlo. Ma di questo dopo.

Le elezioni si terranno il prossimo febbraio, quando scadrà il mandato di Sergio Materella della Democrazia Cristiana. Poi tutti i parlamentari ei senatori e 58 rappresentanti delle regioni – i cosiddetti “grandi elettori” in totale – si riuniscono in una seduta congiunta del parlamento, ricordando le cerimonie ei riti. Conferenza Vaticana: Il voto è segreto, e la richiesta dell’elettorato è molto sacra. Le persone vengono ingannate, manipolate, tradite, scambiate e giocate.

È anche lecito paragonarlo all’elezione del papa, perché il capo della Repubblica visse per quasi infiniti sette lunghi anni nel bel palazzo sul monte Kurinals, che fu la residenza di re e papi sopra la città. Non è potente come un re, specialmente in tempi di pace politica. Quindi viaggia per il paese, pronunciando bei discorsi e aprendo monumenti. Onora atleti, artisti e cittadini rispettati. Ma se esci dalla politica e i gabinetti crollano, tutto sembra andare bene colleQuindi su per la collina. Il presidente nomina governi e capi di governo e, se non c’è la maggioranza in parlamento, scioglie le camere e convoca nuove elezioni. Potenza con effetto yo-yo: a volte è piccolo, a volte è troppo grande.

READ  Heidi Klum Falso capo: "Non mi lascerai tornare in Italia"

Berlusconi è antipatriottico, ma ci crede

Altri tre mesi. Ma l’elezione tiene la vita politica e tutti i media intorno sono impantanati nell’eccitazione per settimane – è comprensibile. Questa volta si tratta di tanto, si tratta di Mario Draghi. I nomi di più di una dozzina di candidati sono già banali sui giornali. Alcuni sono considerati “bruciati” dall’inizio, come dicono gli italiani, e spesso è sufficiente una nota iniziale. Altri devono farsi dipingere lo stomaco. Ad esempio, Silvio Berlusconi, 85.

È un’alternativa a un padre patriarcale che è moralmente e generalmente al di sopra di ogni altra cosa. Per una carriera politica, Berlusconi ha diviso il paese attraverso la sua eccentrica democrazia e stato di diritto. Ora sogna la gloria gloriosa di questa carriera, una rinascita a Guernsey. E i partiti di destra dicono che voteranno per lui. Ma lo fanno solo per coprire le carte ancora per un po’.

Le elezioni richiedono una maggioranza di tre quarti nei primi tre scrutini. Berlusconi di certo non se ne occuperà. Basterebbe la quarta maggioranza assoluta, ma anche quella sembrerebbe impossibile, anche se molti gruppi instabili e sconnessi si lasciano impigliare e intrappolare nella rete. Anche questo fa parte del grande romanzo delle elezioni presidenziali, a volte con i tratti di un romanzo picaresco.

Si sta negoziando anche la questione se sia finalmente giunto il momento di scegliere una donna. L’Italia non ha mai avuto un capo di governo o un presidente. A tre donne vengono offerte soprattutto opportunità: il ministro della Giustizia Marta Cordobia, già capo della Corte costituzionale; Maria Elisabetta Alberti Casellati, Presidente ff del Senato; Ed Emma Bonino, un tempo commissario Ue e poi ministro degli Esteri italiano.

READ  Serie A: trasmessa in TV o in diretta streaming in Germania

Una domanda politica: come fa Draghi a bere il suo Spritz con Aperol o Campari?

Ma tutti questi eventi dipendono dall’unica vera e centrale questione che circonda Tracy: l’ex banchiere centrale porterà di più in Italia se continuerà a gestire l’attività per un anno e mezzo, cioè fino alla fine della legislatura? E il Parlamento ha ora il sostegno dell’amministratore delegato del Paese, capo operativo riformatore e amministratore di oltre 200 miliardi di euro di fondi per la ricostruzione dell’Unione europea che continua a perseguire con uno scopo più ampio? Oppure la sua credibilità funzionerà meglio in Italia e all’estero se il “super Mario”, il salvatore dell’euro che parla a tutte le potenze della terra, garantisce sette anni di stabilità politica nel ruolo di presidente? Sfortunatamente, è l’uomo migliore per entrambi gli uffici.

Tra chi lo ama colle Alcuni credono che senza il primo ministro Dragoi il governo sarà rovesciato e si terranno elezioni anticipate. Soprattutto con i postfascisti e la Lega di destra, flirtano in questa situazione, che può essere un gioco pericoloso.

In teoria, potrebbe esserci un’alternativa a due opzioni, una staffetta, un trucco una tantum: Matterella, 80 anni, potrebbe essere rieletto ad interim fino alla fine della legislatura nella primavera del 2023, e poi chiarire il percorso verso l’elezione di Troki. All’epoca aveva 88 anni, come aveva fatto il suo predecessore Giorgio Napolitano nel 2013. Da allora Matterella ha già affittato un appartamento, racconta, pregustando la piccola gioia di ritirarsi in ogni occasione. Napolitano ha resistito fino all’ultimo, si dice verbale e assertivo. Tuttavia, quando è stato convinto per il bene del paese, non ha potuto dire di no.

READ  Serie A: trasmessa in TV o in diretta streaming in Germania

Ma ora di nuovo Barista Nella parola. Draghi ha anche detto ai media che vuole mangiare Aperol Spritz con il suo aperitivo, a volte due. Qualche giorno fa un giornalista ha chiesto al Presidente del Consiglio: “Signor Presidente, sua moglie avrebbe dovuto dire al suo barista che presto si trasferirà in montagna?” Tragi sorrise e disse: “Voglio solo dire che non ho mai mangiato superalcolici con Aperol. Non mi piace. Prendo sempre quello che è con Cambori”.

Tutto era: spirito e sport nella lotta di potere per la posizione più alta. Draghi ha messo lentamente in dubbio la credibilità dell’uomo, dicendo: Quale barista italiano non conosceva le sue solite preferenze? Così facendo ha evitato la vera domanda scottante per tutti: vuole essere presidente? O semplicemente non gli piace? Uno del suo entourage chiede se Draghi non farà commenti su questo presto fino a Natale. Incredibile confusione istantanea in entrambi i casi.