Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ecco perché alcune persone non si ammalano

Ecco perché alcune persone non si ammalano

Alcune persone non contraggono il coronavirus così rapidamente. Secondo uno studio, ciò potrebbe essere collegato a uno specifico gene di allarme precoce presente nell’organismo.

Le basi in poche parole

  • I ricercatori britannici hanno infettato volontari sani con Corona per monitorare da vicino la reazione del corpo.

  • I partecipanti al test hanno mostrato reazioni diverse al virus.

  • Lo scopo dei risultati dello studio è quello di creare una base per futuri metodi di trattamento.

Uno Studio britannico sull’infezione da Covid Sono state studiate le differenze nell’infezione da virus. Nei partecipanti che hanno tenuto a bada meglio il virus, il corpo ne ha mostrato uno Reazione più rapida delle cellule immunitarie nasali. Un particolare gene di allarme precoce aveva un’attività più elevata rispetto ad altri soggetti del test. Secondo i ricercatori, i risultati pubblicati sulla rivista Nature potrebbero spiegare perché alcune persone potrebbero evitare l’infezione dal virus Sars-CoV-2.

Video: questo è ciò che è contenuto nei protocolli di blackout Corona

Le cellule immunitarie reagiscono più velocemente al virus Covid

I risultati dello studio, che ha iniettato intenzionalmente una piccola dose del virus Covid nel naso di adulti sani, indicano che le cellule immunitarie specializzate nel naso… Difendere il virus in una fase iniziale Prima che l’infezione faccia il suo pieno effetto. Coloro che non hanno ceduto all’infezione avevano anche un’elevata attività di un gene che si ritiene aiuti a segnalare la presenza di virus nel sistema immunitario.

Il medico ha affermato: “Questi risultati gettano nuova luce sugli eventi critici precoci che consentono al virus di prendere il controllo o di eliminarlo rapidamente prima che compaiano i sintomi”. Marko Nikolic, autore senior dello studio presso l’University College di Londra e consulente onorario in medicina respiratoria. “Abbiamo molto adesso Migliore comprensione dell’intera gamma di reazioni immunitarie“Il che potrebbe fornire una base per lo sviluppo di potenziali trattamenti e vaccini che imitino queste risposte protettive naturali”.

READ  Premio Nobel 2022 - Il Premio Nobel per la Medicina va ai ricercatori evoluzionisti svedesi - Notizie

Studiare in piena epidemia

Nell’ambito dello studio britannico Covid-19 Human Challenge 36 Volontari adulti sani, che non aveva precedenti di Covid e non era stato vaccinato, è stata somministrata una piccola dose del virus per via intranasale. Lo studio è stato condotto nel 2021, al culmine della pandemia.

In 16 volontari, i ricercatori hanno monitorato l’attività delle cellule immunitarie nel sangue e nella mucosa nasale per ottenere informazioni il più dettagliate possibile. Cronologia dell’attività immunitaria prima, durante e dopo l’infezione Per creare o creare.

I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi diversi: sei persone che avevano infezioni persistenti e si sono ammalate; Tre persone sono state temporaneamente infettate dal virus ma non si sono infettate completamente; Sette avevano “infezioni fallite”. Questo sottogruppo non è mai risultato positivo, ma i test hanno dimostrato che hanno sviluppato una risposta immunitaria.

Sistema di allerta precoce delle cellule immunitarie

Nei gruppi con infezione interrotta e transitoria, i campioni prelevati prima dell’esposizione a Covid hanno mostrato che questi volontari avevano un’elevata attività di fondo in un gene chiamato Hala-DQA2 re. Questo si trova nelle cellule “presentanti l’antigene”. Un indizio di pericolo per il sistema immunitario. “Queste cellule prendono un piccolo pezzo del virus, lo presentano alle cellule immunitarie e dicono: questo è un corpo estraneo, dovete liberarvene”, dice il medico. Kylie Warlock dell’Università della California, California, è l’autrice principale dello studio.

I risultati suggeriscono che le persone con un’elevata attività di questo gene potrebbero averne uno Risposta immunitaria più efficiente al Covid avere. Ciò significa che l’infezione non va mai oltre la prima linea di difesa dell’organismo. Tuttavia, lo erano Non del tutto immune – I volontari hanno continuato a essere monitorati dopo lo studio e alcuni di loro sono stati successivamente infettati dal Covid nella comunità.

READ  Questi alimenti puliscono le arterie

Possibile base per il trattamento Covid

In coloro che sono risultati positivi per un breve periodo, gli scienziati hanno anche riscontrato una rapida risposta immunitaria nelle cellule nasali entro un giorno dall’esposizione e una risposta immunitaria più lenta nelle cellule del sangue. Al contrario, coloro che sono stati completamente infettati hanno avuto una risposta nasale molto più lenta, iniziata in media cinque giorni dopo l’esposizione, consentendo al virus di stabilirsi. Secondo la squadra, possono I risultati forniscono una base per lo sviluppo di trattamenti e vaccini più efficaci La forma che imita la risposta protettiva ottimale.