Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ecco come le aziende restano aggiornate

Ecco come le aziende restano aggiornate

Gestione dei materiali pericolosi
Gestione sicura dei materiali pericolosi: come le aziende restano informate


Fonte: comunicato stampa Qamsolat

presentatori su questo argomento

Quando si maneggiano materiali pericolosi, è necessario tenere in considerazione le SVHC (sostanze critiche) e le CMR (cancerogene, mutagene e tossiche per la riproduzione), nonché la legge sulla salute e sicurezza sul lavoro, la legge sulle sostanze pericolose e i regolamenti tecnici sulle sostanze pericolose. In caso di modifica delle normative o di aggiunta di nuovi candidati all’elenco SVHC, è necessario aggiornare il Registro delle sostanze pericolose e le istruzioni per l’uso. Con il giusto software HSEQ, questo dovrebbe essere possibile con il minimo sforzo.

Con l’aiuto di Web-Sara Hazardous Substances, gli utenti possono gestire i materiali pericolosi in modo conforme alla legge. (dettagli foto)

(Foto: Qamsalt)

Ai sensi dell’articolo 6 di GefStoffV, l’imprenditore deve ottenere informazioni dai suoi fornitori per valutare i rischi. La più importante fonte di informazioni per le attività che coinvolgono materiali pericolosi è la scheda di dati di sicurezza (SDS). Poiché è necessario utilizzare la versione corrente, si consiglia di ordinare le versioni correnti ogni due anni. Il fornitore di materiali pericolosi è obbligato a fornire queste informazioni. Una fornitura online è sufficiente se il cliente è così informato al momento della prima consegna e notificato via e-mail di eventuali modifiche alla SDS. Tuttavia, questa procedura richiede che il cliente disponga di una connessione Internet, un indirizzo e-mail e abbia accettato questa modalità di consegna.

Il datore di lavoro deve quindi verificare la scheda di dati di sicurezza per informazioni incomplete, contraddittorie o chiaramente errate e, se necessario, richiedere al fornitore una scheda di dati di sicurezza valida. Lo sfondo di questo controllo di plausibilità secondo GefStoffV in combinazione con TRGS 400 è che le schede di dati di sicurezza sono spesso errate. Ad esempio, uno studio del progetto di monitoraggio REACH-EN-FORCE 6 (REF-6) ha rilevato che il 44% di tutte le schede di dati di sicurezza sono giuridicamente non conformi. Tuttavia, una corretta informazione è la base per una manipolazione sicura e misure preventive appropriate come i dispositivi di protezione individuale.

Galleria fotografica

Registro/Elenco delle sostanze pericolose

In linea di principio, durante la manipolazione di materiali pericolosi dovrebbe essere redatto un elenco di materiali pericolosi (paragrafo 6 comma 12 GefStoffV). I dati rilevanti sono forniti attraverso una scheda di dati di sicurezza. Dovrebbero essere inseriti almeno i seguenti dati – con riferimento al SDB:

  • designazione della sostanza pericolosa,
  • Classificazione della sostanza pericolosa o informazioni sulle proprietà pericolose,
  • Informazioni sulle gamme dimensionali utilizzate in azienda,
  • Identificare le aree di lavoro in cui i dipendenti possono essere esposti alla sostanza pericolosa.

I record Hazmat vengono spesso creati sotto forma di fogli di calcolo Excel. Spesso i dati non sono aggiornati e l’aggiornamento richiede molto tempo.

READ  Ordini dimezzati: Tesla probabilmente a maggio con un crollo delle vendite in Cina - Le azioni di Tesla sono ancora in territorio positivo positive

istruzioni per l’uso

L’imprenditore deve sviluppare istruzioni operative scritte basate sulle informazioni e sui risultati della valutazione del rischio. Dovrebbe essere disponibile per i dipendenti prima dell’inizio del lavoro, se possibile nelle vicinanze del luogo di lavoro, ad es. b. come avviso. Le istruzioni per l’uso devono essere scritte in una forma e in un linguaggio comprensibile, i. h. Potrebbero essere necessarie traduzioni per il personale non di lingua tedesca.

Suggerimento per l’evento dalla redazione

La sicurezza funzionale è di fondamentale importanza nell’industria di trasformazione. Pertanto, PROCESS dedica per la seconda volta la propria piattaforma a questo argomento il 21 giugno 2022 sotto forma di Forum SIL. L’evento si concentra su workshop esclusivi su argomenti selezionati relativi alla sicurezza. I partecipanti beneficiano di soluzioni e consigli di esperti per il lavoro quotidiano.

Registrati direttamente qui

Le istruzioni per l’uso devono contenere almeno le seguenti informazioni:

  • sui materiali pericolosi presenti o derivanti sul luogo di lavoro,
  • A proposito di precauzioni e misure ragionevoli,
  • Sulle misure da adottare in caso di interruzioni operative, incidenti, emergenze e
  • Per evitare questo dal personale, in particolare da
  • Squadre di soccorso, da implementare.

Quando si definiscono le misure di protezione, oltre alle Schede di Sicurezza (TRGS 555), devono essere presi in considerazione quanto segue:

  • condizioni di lavoro,
  • Disposizioni del Decreto sulle Sostanze Pericolose, compresi gli allegati,
  • Regole tecniche per le sostanze pericolose e altre regole generalmente riconosciute in materia di tecnologia di sicurezza, medicina del lavoro e igiene del lavoro.

Inoltre, possono essere utilizzate anche altre informazioni come le schede tecniche.

In caso di “cambiamento significativo delle condizioni di lavoro”, ad esempio b- in caso di modifica della classificazione della sostanza pericolosa utilizzata, è necessario verificare se le relative istruzioni per l’uso sono ancora aggiornate o se hanno bisogno di essere modificati. Infine, il personale dovrebbe essere istruito all’uso delle istruzioni per l’uso.

Elenco SVHC: nuovo materiale aggiunto

L’elenco di accesso fornisce una potenziale procedura di licenza SVHC. Lo status di SVHC è ufficialmente confermato dall’ECHA pubblicando il materiale in un cosiddetto elenco di candidati nella sua home page. Ciò non ha ancora comportato un requisito di autorizzazione, ma ci sono requisiti di informazione di vasta portata nella catena di approvvigionamento, a vantaggio anche dei consumatori. Ulteriori obblighi si applicano ai produttori o agli importatori. È necessario informare sempre l’ECHA sei mesi dopo la pubblicazione del nome del materiale nell’elenco dei candidati in cui il materiale è contenuto per più dello 0,1%. Il prerequisito è che il fabbricante o l’importatore debba produrre o importare un totale di 1 ton/a della sostanza.

L’elenco dei candidati è costantemente aggiornato. Nel giugno 2022 all’elenco è stata aggiunta la N-(idrossimetil)-acrilammide.

READ  MediaMarkt & Saturn con una nuova promessa ai migliori prezzi

Elenco CMR: riclassificazione del biossido di titanio

L’elenco contiene CMR (CMR Substances) che

  • Secondo l’allegato VI del regolamento (CE) n. 1272/2008 (regolamento GHS, regolamento CLP) compreso l’allegato VI del regolamento (UE) n. 1182 2020/1182 come cancerogeno (cancerogeno), mutageno delle cellule germinali (mutageno) o proliferativo ( tossico per la riproduzione) classificato,
  • Elencato in TRGS 905 “Elenco di sostanze cancerogene, mutagene o tossiche per la proliferazione” o
  • Incluso in TRGS 906 “Elenco di attività o processi cancerogeni secondo la clausola 3 comma 2 n. 3 GefStoffV”.

L’elenco CMR è costantemente aggiornato ed è disponibile anche gratuitamente. Il biossido di titanio è stato recentemente riclassificato come cancerogeno (Carc.2, H351).

Conclusione: i responsabili della sicurezza sul lavoro e della protezione ambientale devono conoscere e attuare le normative applicabili, e questo vale anche per le modifiche. Il software giusto rende il lavoro molto più semplice, anche sugli aggiornamenti necessari, ad esempio con la lettura automatica delle schede di sicurezza e l’aggiornamento del Registro delle sostanze pericolose e delle istruzioni per l’uso con la semplice pressione di un pulsante.

Il programma consente l’importazione automatica delle schede di sicurezza

Qumsult sono esperti in sicurezza sul lavoro e protezione ambientale che supportano aziende di ogni dimensione e in tutti i settori nella gestione dei materiali pericolosi, nonché amministratori esterni e con lo sviluppo e il mantenimento di un registro individuale dei materiali pericolosi.

La loro esperienza è confluita nel programma “Web SARA” appositamente sviluppato da HSEQ. La nuova funzionalità dovrebbe rendere il lavoro molto più semplice: le schede di sicurezza in formato PDF possono essere lette automaticamente. La digitazione dei dati non è più noiosa o è necessario il “copia e incolla”, perché ora ciò viene fatto da un’intelligenza artificiale (intelligenza artificiale) con il maggior numero possibile di dati in background. Anche il controllo di plausibilità richiesto è più semplice: gli utenti ricevono informazioni dall’IA su informazioni mancanti o errate e possono integrarle o correggerle. Un registro individuale delle sostanze pericolose viene creato dai dati importati dalla scheda di dati di sicurezza. Le istruzioni per l’uso possono essere generate premendo un pulsante, il che riduce anche lo sforzo di aggiornarle.

Devono essere osservati i requisiti legali relativi ai materiali pericolosi. Con Web Sara Hazardous Substances, gli utenti possono gestire i propri materiali pericolosi in modo conforme alla legge. I componenti SVHC sono etichettati e gli utenti possono filtrare i materiali pericolosi contenenti SVHC. Il materiale CMR è riconosciuto ed evidenziato sulla base delle corrispondenti dichiarazioni H.. Qui possono essere filtrati anche materiali e miscele con proprietà CMR. Ciò offre alle aziende una rapida panoramica dei materiali SVHC e CMR. Gli utenti possono anche utilizzare Web Sara per individuare le sostanze pericolose: le proprietà SVHC o CMR vengono visualizzate automaticamente sia per le sostanze che per le miscele. Il programma tiene sempre conto dello stato attuale dell’elenco dei candidati applicabili.

Gli interessati possono testare il software gratuitamente per 30 giorni o conoscere nuovi lavori in una riunione web dalla propria scrivania.

(N.: 48530364)