Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ecco come abbiamo cambiato Corona

RTL.de>

Le esigenze di comunicazione e distanza variano

Lo psicologo Simon Hanzog vede crescenti divisioni nella società nell’estate del 2021 e molti più problemi rispetto allo scorso anno. “All’inizio del 2020, abbiamo dovuto sperimentare che alcuni amici, parenti o colleghi hanno esigenze di comunicazione e distanza diverse dalle nostre. Nel 2020 a volte ha portato a crepe nelle relazioni, ma alcune di queste crepe si sono allargate a crepe nel 2021” Resilienza Esperto.

+++ Tutte le informazioni attuali sul Coronavirus possono essere trovate nel nastro live RTL.de +++

Cosa ci ha fatto Corona?

Dopo il secondo lungo lockdown, molte persone sono “più affamate di comunicare rispetto a un anno fa” e, d’altro canto, ci sono più conflitti o polemiche da superare. E forse alcune persone sono andate avanti con meno contatti sociali perché li faceva rilassare.

Hahnzog, che organizza seminari di contact design chiamati “Soulboxing”, afferma che la durata dell’emergenza lockdown di quest’anno “ha un impatto maggiore sulle norme sociali di quanto non abbia avuto negli ultimi mesi”. In ogni azienda in cui i dipendenti hanno lavorato parzialmente o completamente da casa nell’ultimo anno e trimestre, sorge la domanda su come organizzare il lavoro in futuro.

“Distanza, pochi contatti, lavoro da casa”

“Un anno fa, i costumi sociali legati insieme sono stati tagliati. Era scomodo, ma avrebbe potuto cambiare di nuovo in tempi relativamente brevi perché era ‘solo un ‘eccezionale’ oggi questo è cambiato nella ‘nuova normalità’: pochi Comunicazione, lavoro a casa.”

Per molte persone, le operazioni quotidiane sono già automatizzate: “Quando usciamo di casa, la nostra lista di controllo interna ora include naturalmente la chiave, il telefono cellulare e il portafoglio, oltre alla maschera”. (dpa/lui)

READ  Nelle persone di età compresa tra 50 e 70 anni, non dormire a sufficienza può aumentare il rischio di sviluppare la demenza