Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

È morto Wolfgang Koolhasee, forse lo sceneggiatore più importante della DEFA

wQuando inserisci la parola “sawal” nel motore di ricerca, ottieni il tuo nome e il nome della tua azienda, ma non capisci il significato che porta in una storia scritta da Wolfgang Kohlhaase. La parola “vita” dice lì, e solo due persone la capiscono: uno studente di fisica olandese di nome Strat in un campo tedesco nel 1944 e Kabo, che questo giovane sta studiando il persiano. L’inventore persiano, poiché Strata non aveva idea della lingua, colse intuitivamente l’opportunità di presentarsi a qualcuno su cui aveva potere e inventò una possibilità di sopravvivenza completamente inimmaginabile. A meno che qualcuno non l’abbia inventato, come nel caso della storia dell’invenzione di una lingua. È stato pubblicato nel 1977 nella Repubblica Democratica Tedesca in un volume intitolato “Silvester mit Balzac”. Nel 2019 è stato prodotto un film: “Lezioni di lingua persiana” di Vladimir Perelman.

Wolfgang Kohlhaase sapeva molto della vita perché era giovane in un’epoca in cui tutto era nuovo. Era nato a Berlino nel 1931, quindi nel 1945 stava per rimettersi in piedi e, dopo diversi anni, rimase stupito da questa coincidenza tra “pubertà e storia del mondo”. “Tutto quello che è successo dopo, fino ad oggi, non riesco a separarmi dalla primavera del ’45”. Poi le esperienze di generazioni hanno giocato un ruolo importante nel suo lavoro. È diventato forse lo sceneggiatore più importante della DEFA, la compagnia cinematografica statale della DDR.

Insieme al regista Gerhard Klein, Koolhasee è stato responsabile di alcuni dei titoli più importanti della prima fase dello Stato operaio e contadino: “Berlin Romance” (1956) e “Berlin – Schönhauser’s Corner” (1957). Si può trovare un atteggiamento nei confronti della vita che non ha nulla a che fare con il discorso ideologico del regime e le crescenti restrizioni alle libertà. I personaggi di Kohlhaase avevano un posto anche nel cinema italiano dell’epoca, forse a parte l’idealismo che sembrava essere una sfumatura splendente degli slogan ufficiali del futuro.

READ  GZSZ: RTL mostra il funerale di Gerner

Berlin Around the Corner (1965) fu poi vittima dell’undicesima sessione plenaria del Comitato centrale del Partito socialista unificato e non poté svolgersi fino al 1990. Koolhasee rimase una figura di spicco nel cinema della Germania orientale anche durante gli anni di Honecker, ora con Konrad Wolf come nuovo partner artistico. In “I Was Nineteen” (1968) si parlava di nuovo del momento decisivo del 1945. E in “The Naked Man on the Sports Field” (1974) si può vedere la differenza fondamentale tra il cinema socialista, dopotutto, e l’intrattenimento commerciale in Occidente e forse altrove nel film della Germania orientale. In “Solo Sunny”, la tensione tra l’individuo e la gente comune si trasforma più chiaramente in conflitto. Con “Der Bruch” (1990) di Frank Baer si fondono le esperienze del 1945 e del 1989.