Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Duello tra i candidati: l’Italia potente sfida Furia Roja – Sport

LONDRA (AFP) – Quattro volte campioni del mondo contro tre volte campioni dell’EM, i primi due attacchi del torneo in un duello: la semifinale dell’EM tra Italia e Spagna di martedì (21:00/ARD e Magenta TV) è uno spettacolo e una serata di grande calcio.

“Sarà una partita aperta in cui entrambe le squadre cercheranno di portare il loro stile in campo”, ha dichiarato il difensore dell’Italia Leonardo Bonucci.

Gli Azzurri sono i facili favoriti nella scherma dopo una buona prestazione nel torneo, ma anche Furia Roja si è fatta strada fino al torneo dopo un inizio lento. La differenza in confronto:

Dado difensivo:

Finora l’Italia ha subito due gol nel Campionato Europeo e il portiere 22enne Gianluigi Donnarumma è stato in grado di mettersi alla prova nei quarti di finale contro il Belgio con diverse parate. La vecchia difesa intorno a capitan Giorgio Chiellini (36) e Leonardo Bonucci (34) era salva, solo un gol all’Austria e un calcio di rigore del Belgio glielo permetteva. Una delle perdite è il fallimento del finora importante terzino sinistro Leonardo Spinazzola con una rottura del tendine d’Achille.

Sergio Ramos è stato per anni l’istituzione nella difesa centrale della Spagna. Ma il 35enne ha perso il torneo e non è più scontato. Aymeric Laporte del Manchester City ha giocato in tutte le partite del Campionato Europeo finora, con l’allenatore Luis Enrique Eric Garcia o Pau Torres al suo fianco. La Spagna ha subito un gol nella fase a gironi grazie al calciatore mondiale Robert Lewandowski. Ma agli ottavi di finale contro la Croazia erano già in tre, il primo dopo uno sfortunato incidente del portiere Unai Simon, campione ai rigori nei quarti di finale contro la Svizzera.

READ  Se ne va o resterà? La Juventus ora risponde alle voci di Ronaldo - calcio internazionale

Linea mediana:

Jorginho, Marco Verratti e Nicolo Parella – Il centrocampo degli Azzurri in Italia viene paragonato a quello della Spagna nel 2010 intorno a Xavi e Iniesta. “È uno dei migliori centrocampisti in cui abbia mai giocato”, ha detto Barilla ai suoi compagni di squadra, che hanno assicurato una combinazione di palla sicura e velocità in avanti con molti passaggi. Il 24enne professionista dell’Inter si fa carico dell’elemento combattivo. I doppi marcatori Matteo Pesina e Manuel Locatelli sono disponibili come wild card per il centrocampo.

Il grande stabilizzatore degli spagnoli è Sergio Busquets, recentemente soprannominato “Super Capitano” dal quotidiano “Marca”. Sotto Enrique, il 32enne ha vinto la Champions League a Barcellona, ​​​​ed è stato anche un giocatore regolare in quell’affascinante squadra spagnola nel 2010 e nel 2012. Accanto a lui, il veterano Cook (29) sta abilmente facendo il suo lavoro – e adolescente Pedri, il giocatore più giovane della squadra A 18 anni, mostra in EM perché è così promettente per il futuro al Barcellona. Enrique può anche portare dalla banca l’ex artista del Bayern Thiago, che è sempre in grado di ribaltare la situazione.

morire attacco:

L’attacco potrebbe essere il più grande punto debole degli Azzurri prima del duello degli spagnoli. Il centrocampista Ciro Immobile è rimasto deluso dopo due sconfitte nel turno preliminare nelle partite a eliminazione diretta e ha ricevuto molte critiche. Attacco esterno più in forma: Lorenzo Insigne ha segnato un superbo gol contro il Belgio, e Federico Chiesa è stato nuovamente favorito da Domenico Berardi sulla destra.

La Spagna ha sempre saputo attaccare. Ma all’inizio dell’Europeo ci sono state molte discussioni. Il centrocampista Alvaro Morata ha riportato minacce e insulti dopo il primo pareggio. Enrique utilizza un sistema 4-3-3, motivo per cui utilizza altri due giocatori molto offensivi oltre al 28enne Morata. Probabilmente sarà assente Pablo Sarabia per infortunio contro l’Italia. I dodici obiettivi di EM, la maggior parte dei partecipanti, ora parlano da soli. Sei di loro hanno segnato gli attacchi Morata, Sarabia e Ferran Torres.

READ  EM 2021: Annalena Baerbock sulla campagna di Greenpeace: "completamente sbagliata"

allenatori:

Roberto Mancini era completamente rilassato il giorno prima della classica semifinale. “Abbiamo giocato un buon torneo, le possibilità sono uguali”, ha predetto il 56enne, che ha conquistato l’Italia dopo l’assenza ai Mondiali del 2018 e ne ha fatto un favorito per vincere di nuovo il titolo tra tre anni. I cambi di Mancini stanno già dando i loro frutti in questo torneo: la squadra gioca con coraggio in avanti, difende costantemente e attua in campo il piano chiaro dell’allenatore.

Luis Enrique è rimasto fedele a se stesso prima e durante il torneo. L’ex giocatore 51enne, che ha vinto tutto a livello di club con il Barcellona, ​​è calmo. Ha preso solo 24 giocatori invece di 26 potenziali – nessuno di loro ha giocato per il Real Madrid. Il quotidiano sportivo spagnolo Sport ha recentemente scritto: “Luis Enrique, il capitano che ha creato una squadra da zero”.

© dpa-infocom, dpa: 210705-99-270509 / 2

Campionato europeo di calcio

Partite e risultati

Sito web della nazionale spagnola

Nazionali Italiani

Informazioni sulla prima semifinale