Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dopo le dimissioni di Johnson: perché la sterlina resta debole?

Stato: 07/07/2022 15:25

La sterlina è salita dopo che Boris Johnson si è dimesso dalla leadership del partito. Ma le prospettive per la valuta britannica sono cupe. E non è solo colpa di Johnson.

Di Angela Goepfert, tagesschau.de

L’annuncio del premier britannico Boris Johnson Dimettersi da leader del partitoSupporta la valuta britannica. La sterlina è salita dello 0,8 per cento rispetto al dollaro. Nella parte superiore, la sterlina viene scambiata a $ 1,2022. Ma i guadagni di prezzo stanno crollando e la sterlina scivola rapidamente sotto la soglia di $ 1,20.

Ridurre l’incertezza rafforza la sterlina

Con la dichiarazione ufficiale di Johnson, parte dell’incertezza del mercato scompare. Le dimissioni del leader del partito sono ormai un “fatto compiuto”. La sterlina è stata recentemente sottoposta a crescenti pressioni a causa delle incertezze politiche.

“Si potrebbe pensare che la crisi politica in Gran Bretagna sia l’ultimo chiodo nella bara della sterlina, soprattutto nei confronti del dollaro”, ha commentato in mattinata Tata Goose, analista valutario di Commerzbank. Ora che questo evento è già accaduto, il mercato azionario sta reagendo positivamente. Dopotutto, il mercato non teme altro che l’incertezza.

Dubbi sulla sostenibilità del movimento ascendente

Tuttavia, è discutibile se la sterlina possa trarre una forza sostenuta dalla decisione politica odierna. Con la crisi politica in Gran Bretagna tutt’altro che finita, è improbabile che le richieste di dimissioni di Johnson da primo ministro svaniscano. La prossima settimana, Johnson è minacciato di votare per il suo ufficio nei suoi ranghi.

A ciò si aggiungono le cupe prospettive economiche per il Regno Unito, che sta anche fondamentalmente indebolendo la sterlina. La rabbia crescente per la Brexit e l’inflazione costantemente elevata saranno probabilmente i maggiori fattori negativi.

READ  Il Parlamento è d'accordo: la Polonia vuole sciogliere il corpo disciplinare

Fiducia dei consumatori del Regno Unito al minimo di 48 anni

In questo contesto, la fiducia dei consumatori britannici è scesa a maggio al livello più basso dall’inizio dei sondaggi 48 anni fa. “Il sentimento dei consumatori è attualmente più cupo di quanto non fosse nelle prime fasi della pandemia di coronavirus, dopo il risultato del referendum sulla Brexit del 2016 e anche dopo lo shock della crisi finanziaria globale del 2008”, ha affermato Joe Staton dell’istituto di ricerche di mercato GfK.

A maggio, i prezzi al consumo nel Regno Unito sono aumentati al tasso più alto degli ultimi 40 anni. Il tasso di inflazione è stato del 9,1%.. La Banca d’Inghilterra ha dichiarato martedì che le prospettive per l’economia britannica sono “deteriorate in modo significativo” dalla guerra aggressiva della Russia in Ucraina.

Il trend ribassista della sterlina britannica è ancora intatto

Inoltre, da un punto di vista tecnico, è probabile che il rally di oggi sia principalmente una controreazione a breve termine alle perdite subite in precedenza. Da quando ha raggiunto $ 1,4246 un anno fa, la sterlina ha perso oltre il 16 percento rispetto al dollaro.

La sterlina è scambiata al livello più basso rispetto al dollaro in due anni. Il forte trend ribassista della valuta britannica rimane intatto. Ciò a sua volta aumenta la possibilità di future perdite di prezzo.

La debolezza della sterlina è anche la forza del dollaro

Tuttavia, la debolezza della sterlina britannica non riflette solo la debolezza dell’economia britannica. Allo stesso tempo, è anche un’indicazione della forza del dollaro USA. La Federal Reserve statunitense ha recentemente inasprito in modo significativo la sua politica monetaria e ora sta compiendo rapidi progressi nell’aumento dei tassi di interesse.

READ  Gigante dell'Airbus: l'A380 ha volato da Dubai all'Australia, con un enorme buco nella fusoliera

In questo contesto, il “dollaro” è salito in modo significativo rispetto a diverse valute importanti come la sterlina e l’euro nelle ultime settimane e mesi. L’euro è salito di recente Il livello più basso degli ultimi 20 anni rispetto al dollaro È caduto e ora si sta avvicinando rapidamente alla parità.

Il divario dei tassi di interesse si è aperto a favore del dollaro

Nella riunione di giugno, la Federal Reserve ha aumentato i tassi di interesse di riferimento più nettamente che in qualsiasi momento dal 1994. Ha deciso di aumentare di 0,75 punti percentuali a un intervallo compreso tra l’1,50 e l’1,75%. Secondo il verbale della riunione pubblicato ieri sera, la Fed sta cercando di aumentare di altri 0,5 o 0,75 punti percentuali nella sua prossima riunione di fine luglio.

Per fare un confronto, la Banca d’Inghilterra aveva il tasso di interesse nella sua ultima riunione di giugno è salito all’1,25 per cento. Questo divario di tasso di interesse tra gli Stati Uniti e il Regno Unito rende il dollaro più attraente rispetto alla sterlina britannica.