Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dopo la morte di Mahsa Amini: altri morti nelle proteste in Iran

Stato: 24/09/2022 12:31

Dopo la morte di una giovane donna, le proteste sono continuate in Iran, nonostante le violenze delle forze di sicurezza. Gli attivisti parlano ora di 50 morti. Un supporto inaspettato sta arrivando dagli Stati Uniti.

Secondo i resoconti dei media statali iraniani, più di 30 persone sono state uccise nelle proteste in Iran. “Il bilancio delle vittime dei recenti disordini nel Paese è salito a 35”, ha riferito l’agenzia di stampa Borna, collegata al ministero dello Sport, citando la televisione di stato.

Finora, le autorità iraniane hanno annunciato ufficialmente il bilancio delle vittime a 17. L’Organizzazione iraniana per i diritti umani (IHR) con sede a Oslo ha ipotizzato almeno 50 morti entro venerdì.

Manifestazioni anche ieri sera

Ieri, dopo la preghiera del venerdì, si è svolta nella capitale Teheran una contromanifestazione i cui partecipanti hanno criticato i disordini. Il governo iraniano ha affermato che le manifestazioni a sostegno sono state spontanee.

A Teheran e in altre città, i sostenitori del governo sono scesi in piazza per manifestare, chiedendo l’obbligo di indossare il velo.

Foto: Agenzia per la protezione dell’ambiente

Ma durante la notte, secondo informazioni inizialmente non confermate, si sarebbero riprese in tutto il Paese manifestazioni contro il regime islamico.

Centinaia di migliaia di persone sono scese in piazza nell’Iran governato dagli islamisti la scorsa settimana. L’innesco è la morte del 22enne iraniano Mohsa Amini. È stata arrestata una settimana fa dalla polizia morale per aver violato il rigido codice di abbigliamento islamico. Cosa sia successo esattamente ad Amini dopo il suo arresto non è chiaro. Comunque, è caduta in coma ed è morta in ospedale venerdì scorso.

READ  Nessuna evidenza di malattia: il capo della CIA considera Putin 'in buona salute'

Il ministro dell’Interno conferma le informazioni della polizia

I critici accusano la polizia della moralità di usare la violenza. La polizia nega le accuse, sostenendo che Amini è caduto in coma ed è morto per un difetto cardiaco.

Secondo l’agenzia di stampa IRNA, il ministro dell’Interno iraniano Ahmad Vahidi ha confermato le informazioni fornite dalla polizia. Il ministro ha detto che gli esami medici e quelli forensi hanno dimostrato che non vi sono state percosse da parte della polizia né una frattura del cranio. Di conseguenza, le conclusioni affrettate in questo caso e le proteste che ne sono seguite erano basate su interpretazioni errate.

Servizi Segreti: Diversi attacchi sventati

Secondo l’intelligence iraniana, le proteste in corso, dirette contro l’intero regime islamico ei suoi regimi, hanno impedito diversi attentati dinamitardi. Secondo l’agenzia di stampa Mehr, gli attacchi sono stati pianificati da sostenitori della monarchia e membri dei Mujahedeen del popolo nella città nord-occidentale di Tabriz. Poi i sospetti sono stati arrestati.

L’Iran sostiene che le manifestazioni sono controllate da paesi stranieri e gruppi iraniani in esilio con l’obiettivo di indebolire il Paese o addirittura rovesciare il regime. Quindi il caso Amini è solo una scusa. “Protesta sì, rivolta no”, ha detto il presidente Ibrahim Raisi. I rivoltosi ei “mercenari che percepiscono lo stipendio dall’estero” non potranno mettere in pericolo la sicurezza del Paese. Pertanto, la polizia, l’esercito, le Guardie Rivoluzionarie e la magistratura devono agire in modo coerente. I manifestanti, la maggior parte dei quali sono donne, negano queste accuse.

Musk vuole attivare Starlink

Per frenare le proteste in tutto il paese, il governo iraniano sta limitando e chiudendo completamente l’accesso a Internet. Le reti mobili in particolare sono in gran parte chiuse. Bloccato anche Instagram, uno degli ultimi social network gratuiti. Alcuni dei grandi portali di notizie iraniani che avevano riferito delle proteste all’estero non potevano più essere raggiunti.

READ  Pandemia Corona: in Austria finisce il lockdown quasi ovunque

Quindi il presidente di Tesla e CEO di SpaceX Elon Musk vuole rivitalizzare il servizio a banda larga satellitare Starlink per il popolo iraniano. Musk ha scritto su Twitter venerdì. Musk aveva già annunciato lunedì di voler richiedere la revoca delle sanzioni iraniane sul suo servizio Starlink.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha anche annunciato che gli Stati Uniti hanno adottato misure per migliorare il libero accesso a Internet in Iran e per consentire il libero flusso di informazioni. Secondo il Tesoro degli Stati Uniti, il governo degli Stati Uniti vuole espandere l’accesso a Internet agli iraniani, nonostante le attuali sanzioni.