Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dopo il riconoscimento delle regioni separatiste: Unione Europea e Stati Uniti annunciano sanzioni contro la Russia – Politica

L’Unione europea ha condannato fermamente il riconoscimento da parte del presidente russo Vladimir Putin delle regioni separatiste nell’Ucraina orientale e ha annunciato sanzioni contro tutte le parti coinvolte.

“Il riconoscimento delle due regioni separatiste dell’Ucraina è una flagrante violazione del diritto internazionale, dell’integrità territoriale dell’Ucraina e degli accordi di Minsk”, hanno dichiarato lunedì su Twitter la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il presidente del Consiglio dell’UE Charles Michel.

[Der tägliche Nachrichtenüberblick aus der Hauptstadt: Schon rund 57.000 Leser:innen informieren sich zweimal täglich mit unseren kompakten überregionalen Newslettern. Melden Sie sich jetzt kostenlos hier an.]

Una loro dichiarazione congiunta diceva: “La Federazione risponderà imponendo sanzioni a coloro che sono coinvolti in questa attività illegale”.

Il governo degli Stati Uniti risponderà anche alla decisione della Russia di imporre sanzioni. La portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha dichiarato lunedì che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden emetterà presto un ordine simile. Queste azioni influenzeranno, tra l’altro, gli investimenti o il commercio di soggetti statunitensi in vista di Donetsk e Luhansk.

Lunedì, la Casa Bianca ha detto, in una telefonata con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Biden ha sottolineato l’impegno degli Stati Uniti per la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina. “Il presidente Biden ha ribadito che gli Stati Uniti, insieme ai loro alleati e partner, risponderanno in modo rapido e deciso a qualsiasi ulteriore aggressione russa contro l’Ucraina”, ha aggiunto.

“La più grande minaccia alla pace e alla sicurezza in Europa dalla seconda guerra mondiale”

Anche Germania e Francia hanno condannato fermamente il riconoscimento russo di Donetsk e Luhansk e hanno annunciato una reazione. Il portavoce del governo tedesco Stephen Hebestreet ha dichiarato lunedì sera che il cancelliere Olaf Schultz, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente francese Emmanuel Macron hanno concordato in una conversazione che c’era stata una chiara violazione dell’accordo di pace di Minsk nell’Ucraina orientale. Questo passaggio non rimarrà senza risposta.

READ  Caos Corona in Corea del Nord - Da 0 a 350.000 pazienti in sole 24 ore - Politica all'estero

Hepstreet ha aggiunto che Schulze, Biden e Macron hanno dichiarato la loro solidarietà all’Ucraina e hanno espresso il loro apprezzamento per la cauta reazione del presidente Volodymyr Zelensky in passato. I partner hanno convenuto di non compromettere il loro impegno per l’integrità territoriale e la sovranità dell’Ucraina. Allo stesso tempo, verrà fatto ogni sforzo per evitare che la situazione si aggravi ulteriormente”.

[Wenn Sie aktuelle Nachrichten aus Berlin, Deutschland und der Welt live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

Barbock ha già invitato il presidente russo Vladimir Putin a smettere di giocare d’azzardo con vite umane. La violazione del cessate il fuoco nell’Ucraina orientale ha portato, tra l’altro, all’interruzione delle forniture di acqua ed elettricità.

“Questa è responsabilità del governo russo”, ha detto Barbock. Mosca ha chiesto: “Torna al tavolo delle trattative”.

Lettonia e Lituania adottino contromisure immediate

In una riunione dei ministri degli Esteri a Bruxelles, Stati baltici europei come la Lituania hanno già chiesto l’imposizione immediata di misure punitive contro Mosca. Il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis si è espresso a favore della punizione delle persone in Russia responsabili della disinformazione sul conflitto in Ucraina.

Anche il suo omologo lettone Edgars Rinkevix ha chiesto l’imposizione immediata di sanzioni in vista “dell’escalation della situazione nel Donbass e della decisione di lasciare le forze russe in Bielorussia”.

Maggiori informazioni sul conflitto tra Ucraina e Russia:

Ed è proprio quanto ha chiesto il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, presente anche lui alla riunione di Bruxelles. Arrivato alla riunione di Bruxelles, Kuleba ha chiesto che, imponendo almeno alcune sanzioni, l’UE deve dimostrare di poter agire.

READ  ++ Notizie Ucraina: Schroeder è "l'araldo del Reich"

La Russia sarà isolata dai mercati finanziari

In precedenza, domenica sera all’ARD, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha spiegato con parole relativamente chiare l’arsenale di contromisure a disposizione della società. Von der Leyen ha affermato che le sanzioni finanziarie pianificate dall’Unione Europea e dagli Stati Uniti mirano a “isolare fondamentalmente la Russia dai mercati finanziari internazionali”.

Secondo lei, le possibili sanzioni prendono di mira “beni di cui la Russia ha urgente bisogno per modernizzare e diversificare la sua economia, ma che produciamo, dove abbiamo l’egemonia globale, e la Russia non può sostituirli”. Questo vale, ad esempio, per l’importazione di prodotti high-tech dall’Unione europea in Russia.

Credito finanziario aggiuntivo all’Ucraina

Il presidente del Comitato europeo del Bundestag, Anton Hofriter, considera inevitabile la chiusura del gasdotto baltico Nord Stream 2 in caso di attacco russo all’Ucraina. “Tutti sanno che il Nord Stream 2 è morto se c’è un’invasione”, ha detto il politico verde al quotidiano Tagesspiegel.

Allo stesso tempo, data la minaccia all’Ucraina degli attacchi informatici russi, Hofriter si è espresso a favore dell’ampliamento del sostegno economico a Kiev. “L’incertezza tra gli investitori ha già causato gravi danni all’economia ucraina”, ha affermato nella giustificazione.

“Pertanto, sia il governo federale che la Commissione dell’Unione europea devono essere preparati a stabilizzare ulteriormente l’economia ucraina”.

A Berlino, un portavoce del governo ha annunciato che il governo federale e l’Ucraina stavano lavorando “a pieno ritmo” per prepararsi al rimborso di un ulteriore prestito finanziario illimitato. Tuttavia, va notato che l’Ucraina in particolare deve creare le condizioni legali necessarie per accettare il prestito previsto, ha affermato il portavoce.

READ  La quarantena cade per i cittadini dell'UE: l'Italia si prepara ai turisti

Tra le altre cose, ciò richiederà la consultazione della Verkhovna Rada. “A seconda del processo parlamentare in Ucraina, presumiamo che l’esborso possa iniziare tra pochi mesi, possibilmente nel secondo trimestre del 2022”, ha affermato il portavoce.

Durante la sua visita a Kiev, il cancelliere Olaf Schultz (Partito socialdemocratico) ha promesso all’Ucraina un altro prestito finanziario illimitato di 150 milioni di euro. (con dpa, AFP)