Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dopo che Navalny ha rivelato: i media dovrebbero cancellare il rapporto sul palazzo di Putin

Dopo quello che ha rivelato Navalny
I media dovrebbero cancellare il rapporto sul palazzo di Putin

Poco dopo l’arresto di Navalny, un critico del Cremlino, la sua fondazione anticorruzione ha pubblicato un video su YouTube che potrebbe non piacere al presidente russo Putin: mostra un imponente edificio sul Mar Nero che si dice sia di sua proprietà. Adesso i media russi sono chiamati a cancellarlo.

Secondo quanto riferito, diversi media russi hanno cancellato i rapporti relativi a quanto rivelato dal critico del Cremlino Alexei Navalny sotto la pressione delle autorità. Almeno sette organi di stampa hanno affermato che l’agenzia di stampa russa Roskomnadzor aveva chiesto loro di rimuovere dozzine di clip dal contenuto. In particolare, ci sono state segnalazioni di una proprietà di lusso sul Mar Nero, che, secondo una ricerca della Fondazione anticorruzione di Navalny, sarebbe di proprietà del presidente russo Vladimir Putin.

I media interessati includevano la stazione radio Echo Moscow, il canale televisivo Dozd e i media indipendenti Snack e Medusa. Medusa ha detto che l’agenzia aveva minacciato di chiudere il sito in Russia. Alla domanda dell’Agence France-Presse, Roskomnadzor inizialmente non ha confermato di aver avanzato tali richieste attraverso i media.

Il video è stato visto 120 milioni di volte

Un video dell’indagine sul lussuoso palazzo affacciato sul Mar Nero è stato pubblicato sulla piattaforma video di YouTube nel gennaio 2021, pochi giorni dopo l’arresto del critico del Cremlino. Da allora, il video è stato visto più di 120 milioni di volte. Putin ha negato personalmente di essere il proprietario del palazzo.

A fine gennaio, il Cremlino ha inserito Navalny in un elenco ufficiale di “terroristi ed estremisti”. Lyubov Sobol, un confidente di Navalny, che vive in esilio, e altri compagni d’armi erano anche nell’elenco gestito dall’autorità di vigilanza finanziaria Rosfinmonitoring.

Secondo la Navalny Anti-Corruption Foundation, nell’elenco erano incluse circa una dozzina di persone dell’ambiente di Navalny, inclusi i suoi noti compagni d’armi Ivan Zhdanov e Leonid Volkov. La Navalny Foundation è già stata designata come “estremista” ed è stata bandita l’anno scorso.

READ  Consultazioni tra Stati Uniti e Russia: l'Unione Europea vuole partecipare ai colloqui sul conflitto in Ucraina