Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Disturbo dell’odore dopo COVID-19: se il caffè odora improvvisamente di benzina

Alcune persone sperimentano un senso dell’olfatto ridotto dopo aver contratto il coronavirus, anche mesi dopo. Cosa succede nel corpo? E se l’olfatto non tornasse?

Puoi trovare informazioni più aggiornate sul coronavirus qui

Immagina il profumo di una rosa che sboccia. L’odore del pane fresco. Caffè tostato. Una ciotola di fragole.

E ora immagina che al posto di questi profumi vedi un odore sgradevole: da escrementi, gomma bruciata, benzina e marciume.

Così molte persone descrivono il loro odore dopo aver contratto il COVID-19. La malattia vera e propria è passata da tempo, ma dopo settimane, a volte mesi, emergono disturbi olfattivi. Questo fenomeno è chiamato parosmia in medicina. Le persone colpite annusano qualcosa di diverso da quello che dovrebbero e di solito notano voci cattive e cattive.

È noto che l’infezione da virus Sars-CoV-2 può influenzare il senso del gusto e dell’olfatto: secondo valutazioni preliminari, dal 70 all’80 per cento delle persone infette presenta limitazioni temporanee, e alcuni notano anche la completa perdita dell’olfatto. In questi casi si parla di perdita dell’olfatto, perdita dell’olfatto.

L’odore e il gusto non sempre ritornano quando la malattia è passata. I risultati di un sondaggio online pubblicato all’inizio di quest’anno sulla rivista Rhinology indicano che circa due quinti dei pazienti hanno ancora un olfatto alterato dopo due o tre mesi di malattia.

Come per altri sintomi Long Covid, non è ancora chiaro perché il disturbo dell’olfatto a volte si manifesti più tardi.

Leggi anche: Tutte le informazioni attuali sulla pandemia di Corona nel nostro live blog

Cosa succede quando il corpo perde l’olfatto?

Gli esseri umani percepiscono gli odori attraverso le cellule sensoriali della mucosa olfattiva. Questo tessuto si trova nella parte superiore della cavità nasale e contiene milioni di cellule olfattive. Con il comune raffreddore non si sente più nulla perché il naso è gonfio e mucoso e l’accesso alla mucosa olfattiva è bloccato.

Tuttavia, con un’infezione da Covid 19, di solito non si ha il naso che cola. Invece, i ricercatori ipotizzano che i nervi stessi siano attaccati indirettamente o direttamente: le cellule olfattive della mucosa nasale sono circondate da una struttura di cellule di supporto. Le cellule di supporto contengono una proteina chiamata ACE2 – enzima di conversione dell’angiotensina 2 – e ne contengono centinaia di volte di più rispetto ad altre cellule tissutali.

READ  Inizia lo sblocco di livello 2: ora si applicano queste regole

Le proteine ​​ACE2 facilitano la penetrazione del virus Sars-CoV-2 nelle cellule. Questo perché le cosiddette proteine ​​spike sull’involucro del virus possono legarsi specificamente alle proteine ​​ACE2, come hanno dimostrato vari studi.

Questo porta a infiammazione e può danneggiare le cellule olfattive. Il risultato è un’improvvisa e talvolta prolungata perdita dell’olfatto.

Perché chi ne soffre sente l’odore del profumo “sbagliato”?

Thomas Hamill spiega: “Questo è un disordine qualitativo. Gli odori sono percepiti in modo indiretto”. È professore presso la clinica e la clinica completa di otorinolaringoiatria presso l’ospedale universitario di Dresda e responsabile del Centro interdisciplinare per l’olfatto e il gusto.

“L’olfatto è una codifica per gli odori. Puoi immaginarlo come l’alfabeto: la parola rosa in questa forma è composta da quattro componenti, le lettere R, O, S ed E. Le molecole dell’odore attivano diversi tipi di recettori, che nel significato rappresentano le lettere . I recettori quindi innescano uno schema nel cervello. Ma: “Se non ci sono recettori specifici, ci sono lacune nel modello”, afferma Hamill. Quindi un falso segnale raggiunge il cervello.

La psicologa Kathryn Ohla, che insegna all’Università Helmut Schmidt delle forze armate tedesche ad Amburgo e co-presiede il Global Consortium for Chemical Sensory Research (GCCR), descrive la parosmia come una sorta di problema di legame: “Con COVID-19 Qualcosa di simile accade nella scatola dei fusibili quando i cavi scoppiano. Se i cavi sono collegati in modo errato durante la riparazione, le informazioni corrette non arriveranno. Questo porta a un’interpretazione sbagliata”.

Un disturbo dell’odore è pericoloso?

La parosmia può essere “disastrosa” per le persone colpite, dice, e molto stressante psicologicamente.

La completa incapacità di percepire gli odori può essere pericolosa per la vita in singoli casi: secondo i resoconti dei media, una famiglia del Texas è sfuggita a malapena alla loro casa in fiamme nel gennaio 2021. I membri della famiglia hanno contratto il Covid-19 e non hanno sentito alcun odore, né fumo né odore di bruciato plastica ecc. Come.

Hamill e Ahla sono d’accordo: l’olfatto fornisce sicurezza nella vita di tutti i giorni: se cade, può avere conseguenze. Thomas Hamill dice: “Pensa all’intossicazione alimentare se non riesci a sentire l’odore del cibo avariato. O in un cavo bollente. L’odore trasmette un’intera catena di segnali. Coloro che non possono annusare, vivono a disagio e non sono al sicuro”.

READ  Luna soprannaturale sulla Germania: questa è stata la più grande luna piena dell'anno

Catherine Ohla dice anche: “Una pentola sul fornello o una torta nel forno – se qualcosa brucia, ne sentiamo l’odore. E possiamo correre e spegnere la stufa. Se non puoi più farlo, è troppo lavoro. ” La vita diventa più difficile.

Quali sono le conseguenze del senso del gusto?

Hamill afferma che il gusto può essere limitato dal Covid-19, ma i veri disturbi del gusto sono rari: in senso medico, il gusto si riferisce ai sapori dolce, acido, salato, amaro e umami. “Ciò che è comunemente noto come degustazione è fondamentalmente buon gusto, la percezione degli odori”, afferma Hamill.

Sebbene percepiamo anche i sensi della lingua attraverso le cellule sensoriali, il lavoro principale avviene attraverso i nervi della mucosa olfattiva. Riconosceremo i mandarini come mandarini perché li annusiamo. Ha un sapore agrodolce solo sulla lingua. Tuttavia, l’impressione che si percepisce il gusto peggiore non dovrebbe trarre in inganno: “Se manca l’aumento olfattivo, anche la percezione del gusto può essere ridotta”, spiega il medico.

D’altra parte, Kathryn Ohla è convinta che l’infezione da corona possa anche disturbare il tuo vero senso del gusto. “I nostri dati mostrano chiaramente che entrambi i sensi possono essere colpiti”. Ci sono segnalazioni di malati che non riescono più a distinguere tra zucchero e sale. Ciò non può essere dovuto a un senso dell’olfatto disturbato.

Cosa aiuta con un disturbo dell’odore?

Tutti coloro che hanno notato limitazioni ai propri sensi dopo il COVID-19 e che si sentono insicuri e vulnerabili: quanto velocemente possono sperare in un miglioramento? Cosa aiuta con un disturbo dell’odore? I malati dovrebbero prima ottenere una diagnosi medica, consiglia Thomas Hamill: “Fai un test dell’olfatto dal dottore. Potrebbe esserci un’altra ragione dietro il disturbo dell’olfatto”.

Non solo i virus della SARS possono causare la parosmia. La lesione del cranio può anche portare a disturbi olfattivi, come polipi, come protuberanze tissutali nella mucosa nasale o l’uso di determinati farmaci. Un cattivo olfatto può anche essere un segno precoce di malattie neurologiche come il morbo di Alzheimer o il morbo di Parkinson. Quindi chiunque scopra di non avere più l’odore di una volta dovrebbe consultare un medico il prima possibile.

READ  Più di 200 occorrenze: disastro aziendale

“Se è probabile che il tuo disturbo olfattivo sia dovuto a un’infezione virale, ci sono due opzioni. La prima è aspettare e vedere. Le cellule olfattive si rigenerano da sole”, afferma Thomas Hamill. In secondo luogo, l’olfatto può anche essere addestrato per supportare la rigenerazione. Hamill suggerisce di mettere quattro bottiglie di oli profumati diversi sotto la doccia e inalare ogni profumo per mezzo minuto al mattino e alla sera, per un periodo da tre a nove mesi.

Diversi studi hanno inoltre dimostrato che l’allenamento olfattivo può avere un effetto positivo sul recupero del sistema olfattivo.

L’olfatto non sempre ritorna

Tuttavia, Catherine Ohla è anche nota per i casi in cui l’olfatto non ritorna dopo aver contratto il COVID-19. “Idealmente, le cellule del gusto cresceranno di nuovo dopo due settimane, mentre per i neuroni olfattivi potrebbero volerci diversi mesi. Ma ci sono anche pazienti il ​​cui senso dell’olfatto non si è ripreso dopo 400 giorni di lesioni. Quindi dobbiamo presumere che non sia successo .” Ritorna”.

Anche allora, c’è ancora una piccola possibilità di recupero spontaneo, dice lo scienziato, ma è scarsa.

Per comprendere meglio le conseguenze – e la portata – in futuro, sono necessari più dati e studi a lungo termine, afferma First. In collaborazione con il GCCR, ho sviluppato un test olfattivo e gustativo interno, con il quale puoi controllare regolarmente come funzionano i tuoi sensi o quanto velocemente sta migliorando la tua percezione.

“Questo problema colpisce potenzialmente alcuni milioni di persone in tutto il mondo”, afferma, “queste persone hanno bisogno di cure e sostegno”. Ed esprime una modesta consolazione: non tutti sono associati a un disturbo permanente dell’olfatto e a una diminuzione permanente della qualità della vita. “Alcuni possono vivere bene con un ricordo del gusto.”
© DER SPIEGEL

La variante delta del coronavirus si sta diffondendo più velocemente delle varianti precedenti? Frank Ulrich Montgomery, presidente della World Medical Association, lo teme. L’esperto chiede che le mascherine FFP2 continuino ad essere indossate sui trasporti pubblici locali e invita i politici a ritirare qualsiasi allentamento.